[Cc-it] Pubblicazione CD con licenza CC (era CC su Musica... )

scarph a autistici.org scarph a autistici.org
Sab 12 Giu 2004 20:44:55 EDT


Allora, provo a spiegarvi meglio la questione :
le tracce del CD in questione sono gia' pubblicate sul web con licenza cc
all'url
http://www.inventati.org/inventa/giardino.html
si tratta di materiale che risale alla fine degli anni ottanta e che e'
diventato negli anni, grazie a scambi di cassette, fra appassionati un
piccolo cult del genere.
Ora l'idea di pubblicarlo nei negozi non e' nostra.
A noi va' gia' piu' che bene il discorso della web-label.
Ce lo ha proposto una piccola etichetta che si sta occupando di stampare
su CD materiali che negli anni non hanno mai visto una pubblicazione, ma
che comunque godono di un certa, seppur di nicchia, notorieta'.
E' un'operazione quindi di culto, per appassionati del genere, che, come
dice Lorenzo, magari hanno voglia di possedere l'oggetto della loro
bramosia musicofila.
Allora il discorso che volevamo fare era:
e' scontato che per pubblicare un CD nei negozi e' necessario pagare e
marchiarli col bollino della SIAE, ma perche' invece di fare la solita
uscita regolare, non provare a utilizzare l'occasione per portare avanti i
discorsi che gia' facciamo con la web label?
Cioe' pubblicare un CD con licenza CC.
E spiegare a chi lo compra che cos'e' una licenza CC, a cosa serve, e
perche' abbiamo deciso di fare quest'operazione.
Muoversi in una direzione che tende a creare un precedente anti-SIAE che
possa essere utilizzato anche da altri.
Secondo voi e' possibile farlo?
Cioe' una volta pagato il fatidico bollino e' possibile utilizzare per una
pubblicazione su CD una licenza CC e, da un lato, evitare le forme
classiche di copyright, dall'altro dimostrare che e' possibile fare a meno
della SIAE, al di la' del bollino, che a questo punto diventa una specie
di obolo sul supporto, ma che non gli da voce in capitolo sul diritto
d'autore?
Raccontare che esistono forme alternative al diritto d'autore che chiude
le possibilita' di diffusione di un'opera, dire a tutti che e' possibile,
scambiarsela, modificarla, farne cio' che piu' gli pare?
Grosso modo l'idea era questa.
Mi sembra di aver capito che le traduzioni in italiano delle licenze
saranno pronte a settembre.
E' possibile, per quella data, spiegare a chi comprera' questo CD che, un
volta pagato l'obolo del bollino, per il resto la SIAE puo' andare a farsi
fottere? Che non c'e' alcuna necessita' di iscriversi, di registrare le
proprie opere, e via discorrendo, perche' ognuno si sceglie la sua licenza
e decide di fare cio' che meglio crede?
Salutoni a tutti
S*phz




Maggiori informazioni sulla lista cc-it