[Cc-it] Pubblicazione CD con licenza CC (era CC su Musica... )

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Sab 12 Giu 2004 11:26:53 EDT


Venerdì, 11 Giu 2004, alle 23:26 Europe/Rome, Andrea Glorioso ha 
scritto:

> Questo e` un problema di tipo diversa.  Ad oggi, che io sappia, non e`
> possibile distribuire  CD contenenti brani   musicali senza il bollino
> SIAE, e non credo che la SIAE (sempre ad  oggi) riconosca la validita`
> delle licenze CC.
>
> Sarebbe  comunque  piuttosto difficile che   la riconoscesse, dato che
> ancora non esiste una versione ufficiale in Italiano.
>
> Mi domando  comunque perche` distribuire  la vostra musica nei negozi.
> Molto    meglio - secondo    me   - distribuirla  tramite   Internet e
> pubblicizzarla al massimo in quel modo.
>
> Lo scopo  del booklet lo  raggiungete lo stesso  con un bel  sito e un
> link al sito stesso nelle intestazioni dei file audio che distribuite.
>
> Se hai bisogno  di  ulteriori informazioni tecniche, contattarmi  pure
> off-list.

Se non ho compreso male S*phz vuole vendere i cd nei negozi a un prezzo 
ragionevole e lasciare che la gente possa poi utilizzarli in ogni modo 
possibile, purché non a scopo di lucro. S*phz potrebbe fin da subito 
pubblicarli anche su un sito internet per aumentare la loro diffusione 
e la loro fama, potrebbe aspettare anche un po' prima di farlo (nella 
speranza che più gente lo acquisti poiché non li trova facilmente su 
internet), o aspettare che lo faccia qualcun altro a scopo non 
commerciale (con una licenza come la CC-nc 2.0 o la CC-nc-sa 2.0 
sarebbe permesso anche al primo acquirente).
Io personalmente sarei per la contemporanea diffusione gratuita su 
internet con licenza CC-nc 2.0, che per la vendita sotto la stessa 
licenza nei negozi (con bollino Siae). Questo perché credo che più 
un'opera si diffunde e viene ascoltata, più può trovare gente che la 
apprezza e che decide comunque di acquistarla in formato materiale.

Comprendo pienamente un artista che vuole SIA distribuire gratuitamente 
sul web le proprie opere, CHE venderle in forma materiale in un negozio.
Innanzitutto perché si può raggiungere molta più gente di quanta se ne 
raggiunge con solo una pagina web. Poi perché un prodotto materiale 
tangibile ha, sia per chi vende che per chi acquista, un valore 
aggiunto che la versione digitale mai potrà avere: un valore legato 
all'esperienza unica dell'acquisto e del possesso materiale dell'opera, 
ai gadget (come il booklet, alla carta e alla stampa di qualità), 
legato anche al suo costo, all'aver pagato e all'essere consapevoli di 
aver contribuito al successo di un autore che apprezziamo per ciò che 
fa.
Il problema del costo di questa operazione, dell'applicazione 
obbligatoria del bollino Siae esiste e va affrontato. Ma,a  mio parere, 
un autore preferirà sempre pagare la Siae e sbattersi, piuttosto che 
rinunciare a quel valore aggiunto.
Voi cosa ne pensate?

Ciao,
Lorenzo



Maggiori informazioni sulla lista cc-it