[Cc-it] Re: idee "ladrate" e "sanguisughe".

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Sab 12 Giu 2004 07:52:14 EDT


Andrea Glorioso scrive:
Si vede comunque che sono tardo  io, ma non  ho proprio capito a quali
sanguisughe tu ti riferisca. 

Danilo Moi risponde: 

Mi ripeto: alludevo al plagio in senso generale.
Non alludevo a nessuno in particolare.
Il plagio, la citazione scorretta, l'omettere una citazione è un fenomeno 
che si è sempre manifestato (la filologia infondo esiste anche perchè esiste 
ed è sempre esistito questo tipo di comportamento).
Riguardo questo aspetto  mi autocito spudoratamente e ti segnalo un mio 
pezzo (Maggio 2003)
E' un pezzo che ho scritto qualche mese prima del mio venire a conoscenza 
dell'esistenza delle creative commons.(luglio 2003)
Dovrebbe essere anche abbastanza eloquente circa la mia "passione" per le 
creative commons stesse. 

http://www.attivista.com/2003/maggio/from_etica_hacker_to_copyleft.html 

[...]Il modello della distribuzione "Copyleft" è esistito storicamente per 
millenni.
Non dobbiamo perciò "inventarci niente": gli si deve solo dare uno statuto 
legale coerente affinché chiunque sia da subito posto nella condizione di 
distribuire le proprie opere secondo un modello legale alternativo al 
Copyright.
La libera circolazione dei testi, la possibilità di copiarli, rimaneggiarli, 
citarli, e purtroppo anche di plagiarli, è un fenomeno che ha riguardato 
tutto il corso della storia fino al secolo scorso.
La filologia esiste perché la cultura si è diffusa in questa maniera.
Questo modello, forti delle tecnologie attuali, deve essere ripreso e 
corretto: esse saranno di ausilio nello scongiurare la
triste pratica del plagio.
Per il resto il modello è da riprendere del tutto.
A livello speculativo il Copyleft è fondato dal concepire le opere di 
ingegno anzitutto come beni comuni, il diritto d'autore è subordinato al 
diritto comune.[...]MA[...]
Il Copyleft non è il concepire lo sviluppo del sapere come qualcosa di 
impersonale, di totalmente svincolato dall'attività creativa del singolo: è 
bensì il concepire l'esistenza di ogni produzione intellettuale, dall'opera 
poetica al software, come impossibile d'esistenza autonoma; essa non è non 
può essere mai "causa sui", deriva sempre da qualcosa che in ultima istanza
implica lo sviluppo dell'intero spirito umano.
Il Copyleft dovrebbe essere anzitutto la trasposizione a livello legislativo 
di tale concetto.[...] 

SULLE SANGUISUGHE
Per quanto riguarda le sanguisughe attuali e i "media non istituzionali" 
cito invece un pezzo che ho scritto oltre due anni fa (e al principio della 
mia "esitenza sul web")
In quel pezzo parlo della "sorte prossima ventura dei giornalisti" 

http://www.ilgiornaledellatrexenta.com/mag2002/pag1.htm#destra 

Il pezzo è in molte parti decisamente "banale", sono passati solo due anni 
ma l'evoluzione del web è stata così esplosiva che non può essere 
altrimenti.
In quel pezzo parlo di "hound dogs", definivo con questa locuzione 
("Presleyiana" :-)  il "cane da caccia" (di notizie ed idee) il "servetto" 
che consentisse allo "storico del presente" (il giornalista vero e proprio) 
di stare al passo con i tempi. 

Ecco: le cose non sono andate proprio così, almeno non completamente.
I servetti, gli "hound dogs" non stanno solo nelle redazioni delle testate 
giornalistiche, si trovano gratuitamente sul web.
Questi hound dogs sono tutti i blogs di qualità e tutti i "media non 
istituzionali".
Essi sono concepiti come miniera di idee e lavoro da saccheggiare e 
utilizzare a proprio piacimento.
Il giornalista è però retribuito il "blogger" no. :-) 

Nota: il pezzo è in molte parti superato ma la concezione di giornalista 
come "storico del presente" è piaciuta, l'anno scorso, in portogallo. :-)
http://observatorio.ultimosegundo.ig.com.br/artigos/asp2608200391.htm
http://www.terravista.pt/Aguaalto/1018/Jornalista_Historiador.htm 

[...]O jornalista enquanto historiador 

Danilo Moi, do ‘Giornale della Trexenta’, lembra outras tarefas que poderão 
caber ao jornalista na era da Internet. É que a imensa informação que existe 
na Web necessita de alguém que, no meio do caos, crie alguma ordem. ‘A 
principal tarefa do ‘jornalista on-line’ será essa. A necessidade de 
encontrar uma hierarquia na excessiva quantidade de notícias, de 
acontecimentos, de ideias, levará a que as publicações electrónicas se 
tornem cada vez mais filtros e não fontes de informação’. 

As publicações ‘on-line’ não se limitam a dar a notícia, mas acumulam também 
o histórico dos acontecimentos - pelo que ‘o jornalista do futuro será um 
historiador do presente’. O aumento da quantidade de informação determina 
também um aumento da ‘distância temporal subjectiva’ em relação aos 
acontecimentos. 

O jornalista ‘on-line’ deverá, portanto, ser capaz de interpretar os 
acontecimentos de forma cada vez mais rápida e eficaz - deverá raciocinar 
mais depressa do que os outros. 

Neste cenário, Moi acredita que surgirá uma nova figura profissional, 
‘subordinada’, nas redacções. Trata-se do equivalente moderno da 
dactilógrafa, entende o cronista, um pequeno servo que tem a ingrata tarefa 
de fazer a investigação metódica que permite ao ‘verdadeiro jornalista’ ser 
veloz. 

Resulta assim claro que a informação ‘on-line’ de alto nível ‘irá precisar 
de investimentos, apesar do aparente e badalado ‘baixo custo’ de um jornal 
electrónico’. Mas esse esquema irá alimentar sobretudo o aparecimento de 
jornalistas super-especializados em determinadas matérias. Moi prevê que a 
figura do jornalista ‘generalista e genérico’ venha a desaparecer a médio 
prazo. Sobrará o ‘repórter temático’. 

A ética e deontologia deverão, por isso, manter-se como importantes peças de 
base da actividade, dado que a credibilidade das fontes de informação, tendo 
em conta a sua gigantesca quantidade, será porventura ainda mais crucial. 
[...] 


Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.iskida.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it