[Cc-it] Re: idee "ladrate" e "sanguisughe".

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Ven 11 Giu 2004 07:32:08 EDT


Riporto quanto ho scritto nel mio messaggio iniziale:
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-May/000462.html
 -Con "sanguisughe" non intendevo certo riferirmi all'autore del pezzo su
repubblica, parlavo di un fenomeno triste e diffuso.- 

Ergo... 

Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.iskida.org 

 

 

Andrea Glorioso Scrive: 

>>>>>> "creatives" == creatives  <creatives a attivista.com> writes:
> 
>     > Io invece l'avverto.  Non Ŕ semplice questione di
>     > "protagonismo", Ŕ questione di correttezza.  (Conosci poi
>     > perfettamente quale sia la mia prassi e il mio comportamento a
>     > riguardo.)  E' vero che non tutte le creative commons prevedono
>     > l'attribution, ma Ŕ anche vero che oltre il 90 per cento di
>     > coloro che hanno fin'ora scelto una creative commons (il 94% se
>     > non sbaglio, come si afferma nella traduzione del messaggio di
>     > creativecommons.org fatta da Gilardi
>     > http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-May/000419.html)
>     > ha scelto una licenza con la attribution.  Quindi il problema Ŕ
>     > molto sentito.  (detto banalmente: Distribuisco gratuitamente il
>     > mio lavoro, che almeno sia citato ecchec...!!) 
> 
> Secondo me si sta facendo un po' troppa confusione. 
> 
> Giusto per chiarirci: quali parti del lavoro della lista italiana di
> CC, di iCommons Italia e/o delle singole persone che gravitano intorno
> alla galassia Creative Commons sono state a tuo parere utilizzate
> nell'articolo oggetto di discussione? 
> 
> Non e` una domanda polemica, ma se non si individuano dei punti
> precisi il problema della "citazione" diventa ingestibile. 
> 
>     > Ribadisco un concetto giÓ espresso in precedenza.  Le creative
>     > commons, se riconosciute legalmente e utilizzate, possono essere
>     > non solo uno strumento di diffusione libera delle opere ma
>     > possono essere anche uno strumento legale per tutelare quelle
>     > realtÓ, deboli e intutelate, che quotidianamente portano avanti
>     > un lavoro impagato (e spesso impagabile) 
> 
>     > Tutti i siti di informazione "non istitituzionale" in questo
>     > momento sono una miniera di informazioni, lavoro, idee che i
>     > certi "giornalisti", spesso totalmente incompetenti (se non
>     > venduti e accozzati..sappiamo come stanno le cose) utilizzano a
>     > piene mani nei loro lavori. 
> 
> A me risulta che i siti di  informazione "non istituzionale" appongano
> i  termini di sfruttamento  del loro lavoro  in  modo molto preciso; e
> comunque  spetta   a loro lamentarsi    con chi eventualmente violasse
> questi termini. 
> 
> Questo al di la` del fatto che sarei curioso di sapere se tutti i siti
> di informazione "non istituzionale" (che io in buona parte apprezzo e
> stimo) sono cosi` rispettosi dei termini di sfruttamento delle opere
> dell'ingegno altrui come - leggendo le tue mail - pare debba essere il
> resto del mondo nei loro confronti. 
> 
> Ciao, 
> 
> --
> Andrea Glorioso                      andrea.glorioso a agnula.org
> AGNULA Technical Manager                 http://www.agnula.org/
> M: +39 333 820 5723                     F: +39 (0)51 930 31 133
>       "Libre Audio, Libre Video, Libre Software: AGNULA"
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it