[Cc-it] no-copyright FAQ

pinna pinna a autistici.org
Gio 3 Giu 2004 08:59:51 EDT


Alberto Gilardi, Thu, Jun 03, 2004 at 02:08:07PM +0200:
> pinna ha scritto:
> >(*) una possibile FAQ:
> >"si puo' rilasciare materiale sotto una licenza libera dopo averlo
> >distribuito come no-copyright? che implicazioni ci possono essere?"
> >
> >
> >ciao
> >pinna
> 
> Ciao pinna,
> E' difficile risponderti senza aver visto in che termini questo
> materiale è stato rilasciato "no copyright",
> In realtà il copyright o "diritto d'autore" su quelle opere c'è. Perché
> i diritti personali sull'opera non sono rinunciabili, a differenza di
> quelli economici. Probabilmente da un punto di vista giuridico il
> materiale in questione verrebbe definito come "di pubblico dominio", se
> ho interpretato bene quello che ho letto, l'intenzione originaria era
> poi questa, quindi si potrebbe applicare tranquillamente la relativa
> licenza cc-it.
> Ciao
> 
> -Alberto Gilardi-
> 
> ps in effetti le licenze 2.0 hanno risolto quello che poteva essere un 
> problema per il diritto italiano (ma anche per il diritto dell'Europa 
> continentale), il fatto che il diritto alla paternità di un'opera da noi 
> è inderogabile (irrinunciabile), quindi credo che le licenze italiane ed 
> molte licenze europee 1.0 avrebbero dovuto essere comunque BY. Mi 
> domando se la cosa è già stata esaminata da qualche partner institution 
> europea (o sono io che sto prendendo un abbaglio) :-\

effettivamente la questione e' complessa:

a volte le opere rilasciate sotto dicitura "no-copyright" non
riportano nemmeno un identificativo preciso dell'autore

spesso la scelta del no-copyright si accompagna anzi a considerazioni
critiche e per nulla banali sul concetto stesso di autore, e sul rifiuto 
delle prerogative esclusive dell'autore



anche secondo me il pubblico dominio e' la soluzione che nella maggior 
parte dei casi si adatta allo spirito con cui si e' deciso di scegliere
il "no-copyright"

ma bisogna anche tenere del fatto che si e' spesso trattato di una
scelta politica, di una reazione al copyright inteso nel suo senso piu'
becero, ovvero quello comunemente utilizzato nell'industria della
produzione e della distribuzione culturale

in molti casi questa reazione potrebbe manifestarsi ugualmente con la
scelta di una licenza CC molto libera. dipende dall'autore, ovviamente e
per fortuna :)

ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it