[Cc-it] proposta di applicazione delle CCL

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Gio 3 Giu 2004 02:27:09 EDT


Caro Davide, ritengo che la tua idea sia molto originale e interessante 
e meriti di essere sviluppata.
Credo sia importante considerare lo strumento che hai in mente da due 
punti di vista:
1. Come strumento specifico per la traduzione di opere rilasciate sotto 
licenza che permette la modifica, anche solo per fini commerciali.
2. Come modulo di uno strumento con finalità più ampie di inserimento, 
classificazione/descrizione e modifica di opere rilasciate sotto 
licenze a libertà concesse come le Ccpl.
Ti cito ad esempio quello che è stato il mio progetto di tesi, che puoi 
trovare sul mio sito http://biografica.tzone.it

Provo ora a delineare un possibile scenario d'uso per lo strumento 
(chiamiamolo X):

1.1 un'autore A decide di tradurre un testo rilasciato già reperibile 
su internet, rilasciato sotto licenza che permette la modifica o di 
pubblico dominio;
1.2 l'autore A si connette a X, riporta l'Uniform Resource Identifier 
(Uri) della risorsa che vuole tradurre;
1.3 X identifica automaticamente (se possibile) la descrizione rdf 
della risorsa, compresa la licenza e i dati sul suo autore B, 
altrimenti l'autore A li descrive manualmente a X;
1.4 l'autore A specifica la lingua in cui vuole tradurre la risorsa. Se 
concesso dalla licenza, può anche cambiare quella della traduzione 
rendendola più libera.
1.5 l'autore A, se lo desidera può identificare e descrivere se stesso 
per risultare tra i co-autori della traduzione dell'opera.
	Possono bastare anche solo un id, una password, l'e-mail ed, 
eventualmente, l'url della propria homepage contenente una descrizione 
rdf di se stesso. Sarebbe auspicabile un identificatore univoco 
assoluto, come il codice fiscale.
1.6 X mostra una schermata di editing con un iFrame che visualizza 
l'opera originale e, a fronte, un campo per l'immissione della 
traduzione;
1.7 L'autore A traduce con il testo a fronte;
1.8 L'autore A salva e viene citato tra gli autori;
1.9 Un autore B legge la traduzione e apporta alcune modifiche. Salva e 
anche egli risulta tra gli autori.
1.10 La versione di A e quella di B restano entrambe salvate in file 
differenti e catalogate nella history del wiki.

Cosa ne pensate? Proviamo a sviluppare ulteriormente lo scenario? Lo 
mettiamo su sourceforge?

Alcune considerazioni e dubbi:
1. uno strumento come un wiki ben si adatta alla modifica di opere 
esclusivamente testuali o ipertestuali, con immagini, filmati, ecc. 
integrati nel testo in modo abbastanza semplice.
Risulterebbe abbastanza difficile applicarlo ad un impaginato complesso 
in cui l'integrazione tra oggetti non testuali è molto forte. In 
particolare non sarebbe possibile produrre direttamente con il wiki il 
prodotto finito. Potrebbe esserlo per formati aperti fondati su Xml 
(come Svg per la grafica vettoriale).
2. Ti consiglierei di prendere in considerazione il progetto tutto 
italiano in via di sviluppo http://platypuswiki.sourceforge.net/, di un 
wiki basato sul web semantico che permetterà di produrre contenuti in 
Xhtml e Rdf, poi facilmente convertibili in altri formati, come rtf o 
pdf, in modo pressoché automatico.

Ciao a tutti,
Lorenzo


Martedì, 1 Giu 2004, alle 17:28 Europe/Rome, DAVIDE MERONI ha scritto:

> Ciao a tutti,è da un pò di tempo che ho un'idea che mi gira nella 
> testa...e dopo svariate ricerche su internet non sono riuscito a 
> trovare niente che si avvicini a quello che ho in mente...
> Pensavo alla costruzione di un wiki in cui inserire traduzioni di 
> testi rilasciati sotto CCL,e quindi copiabili,distribuibili e anche 
> modificabili,perchè credo che una traduzione sia in un certo modo una 
> modifica dell'opera originale.Ognuno sarà libero di inserire le 
> proprie traduzioni di testi,per esempio un appassionato di meccanica 
> potrà inserire la traduzione di un testo di meccanica rilasciato sotto 
> CCL,tradotto magari dall'inglese o dal giapponese o altro 
> ancora....Tramite il wiki ognuno potrà essere revisore degli altri,si 
> potrebbe aprire una mailing list o una bacheca dove inserire i titoli 
> a cui si sta lavorando,in modo da non trovarsi a tradurre lo stesso 
> testo 2 o più volte,disperdendo così le energie,piuttosto si potrebbe 
> collaborare in sintonia allo stesso testo.Il progetto potrebbe 
> prendere dimensioni più ampie,attraverso l'ipotetica nascita di 
> "fratelli" in lingue diverse..così si potrebbero tradurre 
> autori,mettiamo itaiani,in altre lingue e farli conoscere anche 
> all'estero,dando così visibilità ad autori che non godono di grande 
> fama fuori dai confini nazionali.Lo stesso varrebbe per stranieri che 
> forse in Italia non vengono tradotti ma che forse meriterebbero di 
> esserlo.....
> Questa è grossomodo l'idea a cui stavo pensando,sicuramente 
> migliorabile e da studiare meglio,ma spero serva magari come punto di 
> partenza....
> Grazie per l'attenzione,attendo risposte!!
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it