Re: [Cc-it] [Comunità] [Associazione] Una proposta per la struttura dell'eventuale associazione

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Mer 28 Lug 2004 09:51:00 EDT


Mercoledì, 28 Lug 2004, alle 15:38 Europe/Rome, Alberto Gilardi ha 
scritto:

> Lorenzo De Tomasi ha scritto:
>
>> In riferimento a quanto riportato da Alberto Gilardi:
>>
>>> Dalle Partner Institutions e venuto anche un suggerimento sulla 
>>> struttura che dovrebbe avere la futura associazione: per assicurare 
>>> un minimo di democraticità, senza compromettere l'efficenza 
>>> decisionale, si è proposto di dare all'associazione una struttura 
>>> decentralizzata a livello locale, raccordata con una federazione di 
>>> associazioni di secondo grado.
>>
>> Penso che l'obiettivo di un'eventuale futura associazione sia non 
>> quello di "assicurare un minimo di democraticità, senza compromettere 
>> l'efficenza decisionale", ma bensì di ottenere la massima 
>> democraticità e apertura senza compromettere l'efficienza 
>> decisionale. A questo scopo sono fermamente convinto che sarà 
>> necessario abolire ogni gerarchia all'interno dell'associazione, 
>> cercando di ottenere la piena uguaglianza di tutti i membri. Penso 
>> che gli strumenti offerti dalle nuove tecnologie informatiche, già al 
>> loro stato attuale, rendano possibile una struttura orizzontale 
>> fondata sulla democrazia partecipativa.
>
> Sono ovviamente d'accordo, l'idea non era di fare un'associazione con 
> un livello di democraticità, il più basso possibile fino al punto in 
> cui tale a-democraticità avesse compromesso l'efficienza decisionale.
> La mia frase era costruita in un modo (che ritenevo) palesemente 
> ironico, non doveva assolutamente essere interpretata nel senso di cui 
> sopra. In primo luogo perché l'efficienza decisionale è esaltata dalla 
> dittatura, qualunque economista confermerà che la scelta del dittatore 
> è in assoluto quella che minimizza i costi transattivi. (anche questo 
> è detto in senso ironico) :-)
> In secondo luogo perché il suggerimento delle PI non avrebbe avuto 
> senso.

Volevo solamente precisare quelle che per me sono le priorità :-)

> Relativamente all'uso delle tecnologie, ben vengano, ma non bisogna 
> scordarsi dei loro limiti: possono anche essere fonte di malintesi, 
> come l'esempio di questo mio messaggio rende evidente.

Pienamente d'accordo, tanto che se leggi la mia tesi c'è un capitolo 
intero dedicato ai limite delle tecnologie.
http://biografica.tzone.it/lorenzodetomasi/#commonscontent

Saluti,
Lorenzo



Maggiori informazioni sulla lista cc-it