[Cc-it] [Comunità] [Associazione] Una proposta per la struttura dell'eventuale associazione

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Mer 28 Lug 2004 06:27:57 EDT


Da qualche giorno sono impegnato a tempo pieno alla chiusura di due 
progetti lavorativi e non sono riuscito a partecipare più di tanto alla 
discussione sull'eventuale associazione.
Vi invio una mail che avevo iniziato a scrivere sull'argomento nella 
speranza che possa dare un contributo alla discussione.
Spero di non dire troppe cose già affrontate e risolte: in tal caso 
scusatemi, ma non sono riuscito a seguire la discussione fino in fondo. 
Mi riprometto di aggiornarmi al più presto.

Saluti a tutti,
Lorenzo

In riferimento a quanto riportato da Alberto Gilardi:

> Dalle Partner Institutions e venuto anche un suggerimento sulla 
> struttura che dovrebbe avere la futura associazione: per assicurare un 
> minimo di democraticità, senza compromettere l'efficenza 
> decisionale,si e proposto di dare all'associazione una struttura 
> decentralizzata a
> livello locale, raccordata con una federazione di associazioni di 
> secondo grado.

Penso che l'obiettivo di un'eventuale futura associazione sia non 
quello di "assicurare un minimo di democraticità, senza compromettere 
l'efficenza decisionale", ma bensì di ottenere la massima democraticità 
e apertura senza compromettere l'efficienza decisionale. A questo scopo 
sono fermamente convinto che sarà necessario abolire ogni gerarchia 
all'interno dell'associazione, cercando di ottenere la piena 
uguaglianza di tutti i membri. Penso che gli strumenti offerti dalle 
nuove tecnologie informatiche, già al loro stato attuale, rendano 
possibile una struttura orizzontale fondata sulla democrazia 
partecipativa.

In questo'ottica trovo interessante il suggerimento delle Partner 
institution di adottare una struttura decentralizzata a livello locale, 
in quanto permetterebbe lascerebbe maggiore libertà di azione 
eliminando i problemi di una struttura gerarchica. Credo però che sia 
importante puntualizzare che questa scelta sarebbe dettata 
esclusivamente da questioni pratiche legate ai limiti imposti dalle 
"barriere geografiche". Dovrebbe essere obiettivo dell'associazione 
abbattere queste barriere grazie agli strumenti offerti dai nuovi mezzi 
di comunicazione. Ritengo che tutti i processi decisionali debbano 
essere aperti alla partecipazione di chiunque sia interessato al 
progetto, che sia o meno membro dell'eventuale associazione. Non vorrei 
che eventuali obblighi di iscrizione o l'esistenza di ruoli definiti e 
gerarchie diventino deterrenti alla libera partecipazione.

Una mia proposta sarebbe quella di creare due differenti modalità di 
aggregazione:
	1. Gruppi di lavoro nazionali e internazionali, aperti e 
partecipativi, organizzati in base alle competenze delle persone. Il 
loro operato si svolgerebbe principalmente in rete, grazie all'ausilio 
di strumenti come telefono, mailing list (anche specifiche), wiki, 
blog, sito web ecc. Esempi già avviati di questa tipologia di gruppi 
sono costituiti dai partecipanti a cc-it a lists.ibiblio.org, alle 
svariate mailing list aperte da Creative Commons Usa, alla lista di 
discussione Copywhat (sul diritto d'autore in generale), al progetto 
Copydown, all'associazione Assoli (specifico sul software libero) ecc. 
Il frutto del lavoro online di questi gruppi dovrebbe automaticamente 
essere reso pubblico e libero da diritti d'autore, eccetto il diritto 
morale di attribuzione della paternità.
	2. Gruppi ad aggregazione locale, aperti e partecipativi, composti da 
persone con competenze eterogenee, che si incontrerebbero fisicamente 
per elaborare e discutere faccia a faccia le questioni emerse a livello 
nazionale e internazionale grazie all'apporto dei gruppi di cui al 
punto 1. Un  esempio già avviato di questa tipologia di gruppi è il 
gruppo di lavoro attivato dallle Partner institution. Sarebbe obbligo 
di queste realtà locali rendere pubblici i resoconti di ogni riunione 
in tempi relativamente brevi.

Chiunque potrebbe partecipare contemporaneamente a uno o più gruppi di 
entrambe le categorie. Le due tipologie di gruppi sarebbero 
complementari e, dal momento della creazione di un'associazione, l'una 
non potrebbe esitere senza l'altra.
I gruppi di aggregazione locale permetterebbero di risolvere il 
problema dell'identità dei membri sollevato da Ado Pieretti ovvero di 
scongiurare l'ipotesi dell'utente che si iscrive 50 volte con 50 nomi 
diversi. I membri si conoscerebbero personalmente e le decisioni 
importanti potrebbero essere prese durante le riunioni locali da 
persone presenti fisicamente.
Una volta conosciutisi personalmente sarebbe anche difficile creare 
false identità virtuali.

Cosa ne pensate?




Maggiori informazioni sulla lista cc-it