[Cc-it] associazione: proposte e riflessioni

MentalRay mentalray a tin.it
Lun 26 Lug 2004 21:32:37 EDT


Pensandoci in questi giorni, ho buttato giu' qualche idea per l'associazione. 


1) problema rappresentanza democratica: 
personalmente propongo un consiglio formato da diverse componenti: da un lato associazioni, enti e soci "storici", dall'altro da un numero variabile di rappresentanti per i singoli individui che aderiscono all' "associazione cc".

Nello specifico:

Associazioni onlus: 
ognuna di esse ha un solo rappresentante con delega di voto: sono ammesse di diritto tutte le associazioni che presentano negli obiettivi statutari la promozione o l'adozione delle cc o i medesimi obiettivi della nostra associazione, mentre per le altre l'ammissione avviene dopo la dichiarazione scritta a perseguire senza alcuna riserva scopi e/o finalita'  cc.
Da valutare il blocco (che io personalmente consiglierei) nei confronti di associazioni politiche,  direttamente od indirettamente schierate che, nel caso che l'associazione diventi di un certo "peso", potrebbero tentare di sfruttare la posizione dell'associazione stessa per fini non in linea con lo statuto.

Enti: 
ognuno di essi ha diritto ad un rappresentante con facolta' di voto. in questo gruppo farei confluire universita', enti statali o privati come fondazioni et simili e  le PI che hanno aderito fino ad ora garantendo cosi' la continuita' e l'aderenza tra il progetto che e' stato fino ad ora e quello che sara' in futuro. a differenza di altri non ritengo "statico" il ruolo delle PI ed auspico che continuino il loro lavoro in seno a questa prossima associazione.

Soci "storici": 
darei rappresentanza diretta con diritto di voto anche al gruppo "soci storici" di questo progetto, in virtu' del lavoro fin qui ottenuto. 
Dato che sono l'ultimo arrivato non spetta a me stabilire chi possa fregiarsi del titolo di "socio storico", quindi che si decida una linea guida con cui indicare il socio "storico".
inoltre darei all'assemblea dei soci facolta' di iscrivere in seconda battuta all'elenco dei soci "storici" singole persone che, nel corso del tempo, si prodigheranno particolarmente nel portare avanti le finalita' dell'associazione. in questo modo si potrebbero premiare singole persone per l'operato apportato.
infine si dovrebbe scegliere se dare al gruppo singolo voto oppure dare un tot di delegati secondo un rapporto rappresentanti/soci "storici" a monte determinato.

Rappesentanza per i singoli individui
in questo caso stabilirei un rapporto rappresentanti/singoli associati ben definito, al fine di ottenere la quota di rappresentanti (eletti direttamente dall'assemblea dei singoli aventi diritto al voto secondo la regola "un uomo un voto") ognuno con singolo diritto di voto e che partecipa all'assemblea dei rappresentanti dei soci.
  
Per evitare problemi di sorta equilibrerei il piu' possibile il numero dei rappresentanti dei singoli con una progressione del tipo (la butto li' giusto per far capire la cosa):
fino a 199 associati: 1 rappresentante ogni 25  persone
da 200 a 599 associati: 1 rappresentante ogni 50 persone
da 600 a 1000 associati 1 rappresentante ogni 100 persone

questo meccanismo se da un lato cerca di bilanciare la rappresentanza dei singoli dall'altro e' la base affinche' i singoli stessi pensino ad aggregarsi in forme associative, passando cosi'  ad avere un  rappresentate fisso con diritto di voto anziche' affidarsi all'elezione diretta.

ovviamente il singolo associato non deve far parte di alcuna associazione gia' rappresentata e nel momento in cui entra a far parte di una di esse perde il suo status di elettore e di eleggibile all'interno del gruppo dei singoli associati.
In questo modo si regola sia il numero di singoli associati che eventuali tentativi di "rastrellamento" di rappresentanti con diritto di voto da parti delle associazioni.

Inoltre c'e' da considerare il fatto che  maggiore e' il numero dei singoli maggiore e' la probabilita' che per questioni logistiche e pratiche tendano a raggrupparsi in associazioni o gruppi locali o al massimo regionali, cercando quindi 
di ottenere una rappresentanza fissa e garantita anziche' prendersi il "rischio" delle elezioni dirette: in questo modo si potrebbe dar avvio a quella presenza sul territorio simile alle associazioni lug pur dando ad ogni nuova associazione "locale"  visibilita' e diritto di voto all'interno dell'associazione principale.  

2) statuto
oltre che le finalita' dell'associazione (che io limiterei alla divulgazione, alla tutela di cc e al coordinamento/promozione di attivita' cc related per il territorio italiano),
bisognera' indicare gli organi dell'associazione stessa ovvero:

assemblea dei soci 
ovvero l'insieme e le tipologie di soci che possono aderire all'associazione.

assemblea dei rappresentanti dei soci
composta secondo rappresentanza (vedi punto 1) dall'assemblea dei soci

consiglio direttivo 
eletto con cadenza biennale dall'assemblea dei rappresentanti dei soci, decide al suo interno le cariche di:

presidente

vice presidente

segretario

tesoriere

eventuali cariche specifiche (ad esempio rapporti con le associazioni locali, o portavoce ufficale, coordinamento gruppo legale  ecc ecc. )

Nei restanti rappresentanti aventi diritto al voto individuerei anche un collegio dei probi viri (minimo 3, possibilmente sempre in numero dispari) a cui vanno delegate le funzioni di controllo e di corretto svolgimento delle attivita' dell'associazione, nonche' il ruolo di garanti per ogni controversia in seno all'associazione e per le elezioni dei rappresentanti del gruppo dei singoli non facenti capo alle associazioni e del consiglio direttivo.

L'assemblea dei rappresentanti dei soci inoltre potra' a discrezione delegare per compiti specifici persone non direttamente presenti all'interno dell'assemblea stessa nel caso si rendesse utile o necessario per il conseguimento degli obiettivi statutari.
tali deleghe termineranno naturalmente a scadenza del direttivo in carica o per decisione irrevocabile dell'assemblea dei rappresentanti dei soci o per dimissione della persona delegata. 

3)La veste giuridica che adotterei e' quella dell'associazione onlus, che permette non solo di poter gestire risorse economiche, ma anche di accedere a concorsi e a bandi nazionali ed europei specifici.
Non so cosa ci sara' in serbo per il 2005 ma se arrivasse un finanziamento UE per un progetto che puo' far promuovere cc  non mi spiacerebbe affatto.

4) quote associative: 
come ogni associazione che si rispetti l'autofinaziamento e' il primo passo per l'autonomia economica: per questo propongo quote differenziate per associazioni, enti e singoli: le prime due potrebbero pagare ad esempio 100 euro l'anno, mentre i singoli una quota simbolica tipo 5/10 euro (non di piu').
Per le fondazioni (specie quelle bancarie, spesso interessate a livello locale se vedono tra i partner universita' o altri enti prestigiosi) alzerei parecchio l'iscrizione, intorno ai 500 euro o in alternativa chiederei una cospicua donazione per far fronte alle attivita' dell'associazione :)))))

Comunque sia con quote basse si permetterebbe anche alle piccole associazioni di poter iscriversi agevolmente.

a voi ogni commento in merito a quanto scritto.

Giovanni Favara


___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it