[Cc-it] Re: Resoconto della riunione delle PI del 20/7

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Lun 26 Lug 2004 13:42:33 EDT


> Perdonami, non capisco quale sia l'altro problema cui ti riferisci. :-\

Era quello che tu risolvi spostando il momento della decisione alla 
riunione. 

 

> Chi fosse impossibilitato a partecipare potrebbe sempre ricorrere ad una 
> delega, l'importante è che in lista ci si accordi preventivamente su 
> un'ordine del giorno (che può contenere diverse opzioni, per uno stesso 
> punto) e che chi deleghi la propria opinione, lo faccia indicando con 
> chiarezza la posizione che intende assumere nei confronti di ciascun punto 
> dell'ordine del giorno.

Ecco, "è qui che ti volevo": se vogliamo risolvere il problema così (ed 
anche questo mi sta bene), è *necessario* che i membri della lista siano a 
conoscenza del fatto che, per la prossima riunione, hanno la possibilità di 
*delegare*.
Se questa è la soluzione, credo che sia opportuno fare un comunicato 
ufficiale sia sulla lista che sul sito (bene in vista).
Da un punto di vista giuridico, la delega di uno sconosciuto conta ben poco, 
comunque, ripeto, mi sta bene. 

 

> Prima di risponderti, vorrei rifletterci un po' su con calma, 
> ma di primo acchito sarei portato a condividere la tua proposta, a patto 
> naturalmente che gli obbiettivi statutari che si sceglieranno, rientrino 
> in quelli previsti dalla normativa.

Beh, credo che nessuno qui abbia intenzione di andare contro la legge. :-) 

 

> Il problema attuale è che, in assenza di un'associazione, bisogna decidere 
> chi si assume l'onere di raccogliere e verificare tali dati sensibili, chi 
> ha la fiducia di (potenzialmente) tutti i membri della lista ed è disposto 
> a raccogliere e gestire tali dati garantendo la necessaria privacy?
> Tu a chi daresti la tua fiducia per un incarico del genere? E sei sicuro 
> che gli altri membri condividerebbero la tua scelta?

Un attimo, ci sono cose che non sono soggette al nostro arbitrio:
un atto costitutivo si fa (in riunione) in presenza di tutti i costituenti, 
che in quell'occasione *devono* fornire tutti i dati necessari.
In quella seduta viene letto l'atto (da parte del presidente della seduta: 
da non confondersi col presidente dell'associazione), viene eventualmente 
modificato, viene approvato e vengono votati il presidente, il segretario, 
il tesoriere e i consiglieri (tutto ciò, ovviamente, risulterà nell'atto 
costitutivo, che altro non è che un verbale assembleare): cioè il consiglio 
direttivo.
Se l'atto viene registrato da un notaio, il problema dell'affidamento dei 
dati non si pone. Se invece l'associazione non ha personalità giuridica 
(cioè, in pratica, riversa ogni responsabilità sul suo presidente): 
certamente un incaricato dovrà farsi qualche coda all'ufficio del registro 
con i dati altrui in mano. Ma se l'associazione viene registrata in una 
grande città, tuttavia, quell'incaricato, più che meritevole di sospetti 
(comunque privi di senso) sarà meritevole di grande riconoscenza: perché 
dovrà farsi delle code di 5-6 ore (non sto scherzando). :-) 


Sul resto ho già chiarito in risposta a Tom. 

Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it