R: [Cc-it] Associazione CC

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Lun 26 Lug 2004 09:14:18 EDT


creatives a attivista.com ha scritto:

>> Lorenzo De Tomasi scrive:
>> [Omissis] Penso sia prematuro iniziare a definire già da ora uno 
>> statuto: sarebbe invece più consono all'attuale situazione di 
>> incertezza presentare e valutare diverse proposte, delineando le 
>> differenti forme di associazione possibili, evidenziando per ciascuna 
>> i possibili vantaggi e svantaggi e indicando la via e le metodologie 
>> tramite le quali possono essere costituite. [Omissis]
>
Cito quanto ho scritto in una mail di risposta ad Ado Pieretti:
"IMHO il confronto che si sta già svolgendo in lista, potrebbe essere 
reso più proficuo abbozzando uno statuto associativo e concentrando gli 
interventi su quest'ultimo, in particolare sugli obbiettivi che una tale 
associazione intenda statutariamente perseguire; individuati con 
chiarezza tali obbiettivi, credo che la scelta (strumentale) del tipo 
associativo più adatto a perseguirli sarebbe enormemente facilitata".

>> Sarei ben felice se le Pi potessero fornire maggiori informazioni e 
>> utili consigli in questa direzione. [Omissis] 
>
>
> Danilo Moi risponde:
> Sottoscrivo le parole di Lorenzo.
> I termini adottati e la forma sono diversi ma il concetto è lo stesso 
> già espresso:
> L'associazione ha un senso solo se la sua nascita è guidata dalle PI.

Temo che le PI sia durante la riunione, sia negli ultimi messaggi del 
Project Lead Ricolfi, abbiano ribadito che:

   1. "il loro compito è statico, e destinato a compiersi con la
      presentazione della CCPL 2.0 italiana."
   2. "è giusto che l'iniziativa associativa sia tutta di chi si occupa
      attivamente di CC o di cose ad esso collegate. Sia in lista, sia
      fuori lista, decidete voi; e fate ogni scelta, statutaria,
      ideologica, comunicazionale, corrispondente".
   3. "Per noi, che siamo già un po' più vecchietti (io ne ho 52 il
      prossimo lunedì) [la localizzazione della CCPL] è un'entusiasmante
      addizione al nostro carnet di impegni [Omissis]. Di qui la
      divaricazione che percepite, che, però, penserei non sia di
      intenti, ma di modi e soprattutto di tempi."

Il senso di questi interventi, mi sembra teso a chiarire che il compito 
di creare un'associazione è tutto sulle spalle della lista, in quanto 
quelle delle PI sono già oberate da impegni che non consentono loro di 
aggiungerne altri. Mi sembra anche di cogliere negli stessi interventi 
la riaffermazione di una comunione di intenti, con tuttavia con una 
separazione di ruoli.
Le PI si sono assunte l'oneroso impegno (tecnico) di tradurre le 
licenze. Alla comunità, alla società civile, il compito (politico) di 
diffonderne l'uso, con un sito, un'associazione o quant'altro.
Naturalmente, questa è solo la mia interpretazione del senso degli 
interventi delle PI.
Un saluto,

-Alberto Gilardi-
















Maggiori informazioni sulla lista cc-it