[Cc-it] Re: Resoconto della riunione delle PI del 20/7

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Dom 25 Lug 2004 12:31:56 EDT


> Si è dato il caso solo in alcuni decreti ingiuntivi di pagamento, che poi sono stati perentoriamente ricorsi e annullati, in quanto vi è differenza fra la definizione di firma debole che tu indichi e il caso della mail.

Il mio riferimento a quella giurisprudenza non voleva significare che la 
password per l'accesso ad una casella di posta elettronica ha certamente 
valore di firma debole (non avrei detto "addirittura"): era soltanto un modo 
per rafforzare il mio ragionamento, che era teso a spiegare come in realtà 
l'uso della casella di posta elettronica, accompagnato dall'uso di documenti 
di identità e varie conferme telefoniche, sia obiettivamente un metodo 
"serio". Se avessi voluto mettere la questione su un piano squisitamente 
giuridico, mi sarebbe bastato fare riferimento alla Costituzione, che 
sancisce la segretezza della corrispondenza:
dunque, nulla è più "serio" di una casella di posta elettronica, così come 
nulla è più "serio" di una cassetta della posta (pensate quante cose, anche 
molto importanti, vi troviamo dentro). E l'equiparazione tra casella e 
cassetta (ai fini della tutela), è confermata dal Garante.
E poi dimmi: che valore probatorio ha un documento d'identità? :-)
Il suo utilizzo non sarebbe il modo più "serio" per gestire i rapporti 
interpersonali tra degli sconosciuti che volessero costituire 
un'associazione? *Secondo me* è così. 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it