[Cc-it] Associazione CC

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Sab 24 Lug 2004 13:24:21 EDT


Caro Tom,

>>>>> "tom" == tom  <montrellune a teatre.com> writes:

    > Si ma non possiamo crare un'associazione sulla base di "o con me
    > o contro di me" (inteso in senso blando),  ossia credo che, se e
    > qualora questo progetto  divenisse attuale, il modello sul quale
    > basarsi  dovrebbe   essere   quello    del   maggior    consenso
    > raggiungibile fra  le persone  interessate  e che fin'ora  hanno
    > dedicato tempo ed energie a questo progetto [0]

E` una questione di scelte.  Se avessi voluto creare un'associazione
senza consultare nessuno, non avrei scritto qui in lista. :)

D'altronde, come ho  gia` avuto modo di dire  in passato, non  vivo il
coinvolgimento di questa  lista (come di altre persone  al di fuori di
questa lista) come un  obbligo imprescindibile.  Se ritengo sia  utile
un coinvolgimento altrui - e in questo caso lo ritengo - mi muovo in
tal senso, altrimenti n o.

    > < <Naturalmente io spero che ci sia la massima partecipazione di
    > tutti <coloro che possono fare del bene ad una eventuale
    > associazione, ma <francamente non parto dal presupposto che
    > tutti i lettori di cc-it <debbano farne parte (ne` che eventuali
    > non lettori di cc-it non <debbano farne parte).

    > Altro punto, secondo me, che sostiene la non attualità della
    > costituzione in associazione.

Non capisco il  punto.  Se intendi dire  (e` un'ipotesi) che "conditio
sine qua non" per la costituzione di un'associazione e` che lo statuto
indichi  che  di   essa   devono  far   parte tutti  gli   iscritti  a
cc-it a lists.ibiblio.org,  non sono d'accordo -  nel senso  che mi puo`
andar bene ma, come detto, non la considero una condizione essenziale.

    > Su questo punto pienamete d'accordo. Ma la stesura dello statuto
    > e` di tale importanza da rappresentare quasi l'essenza stessa
    > dell'associazione. 

D'accordissimo.

    > Leggi: energie e lavoro da dedicarci. Ne abbiamo a sufficienza
    > per rislovere anche gli altri dubbi, che, sempre IMHO, sono più
    > stringenti?

Potrei  essermi perso qualcosa per strada,  ma quali sono questi altri
dubbi?

    > Su questo punto  mi  trovo in  totale disaccordo. Ossia,  avendo
    > gia` avuto modo di chiarire  quale e` il  ruolo delle PI,  credo
    > che esse dovrebbero avere  un ruolo molto  piu` attivo in questa
    > lista.  Esprimere   un parere  giuridico    non e`  fornire  una
    > consulenza. C'e` differenza nel discutere,  anche solo con degli
    > input a titolo personale,  su temi legati  ai topics della lista
    > da un  lato, e non volersi compromettere  in  alcun modo per non
    > fornire pareri  legali  dei quali si  potrebbe (inverosimilmente
    > con    adeguati   disclaimers) venire    chiamati  a  rispondere
    > dall'altro.

Questa comunque   rimane una  valutazione   soggettiva e in  un'ultima
analisi una decisione  delle PI, che per motivi  di tempo, di voglia o
per altri  motivi  imprescindibili non ritengono  di voler intervenire
per discutere di cio` che non attiene strettamente alla localizzazione
delle  licenze.    Non vedo  su  cosa  si  possa  o  meno   essere "in
disaccordo".

    > Scusa,  ma nel momento in cui   discutiamo in una lista chiamata
    > cc-it e che curiamo un sito cc.it,  pur non ufficialmente, verso
    > il pubblico, verso  chi si vuol  avvicinare a questo mondo,  noi
    > rappresentiamo qualcosa anche solo per le idee che esprimiamo.

Il concetto di "rappresentanza" di cui  pensavo stessimo discutendo ha
una valenza  piu`  ufficiale.  In questo  senso noi  (come lista)  non
rappresentiamo  CC, ne` lo  fanno le PI   italiane se non nelle minima
misura in cui sono state chiamate a localizzare le licenze (e anche in
quel caso dubito si possa parlare di rappresentanza).

    > Il punto sta nello stabilire se noi siamo  una sorta di amici di
    >  cc i   quali  per filantropia  cercano  di diffondere  le  loro
    > istanze,   traducendo letteralmente  testi [1], oppure,  essendo
    > capaci di esprimere  pensieri piu` complessi, quali per  esempio
    >  la relazione   fra il  progetto   cc e la situazione   italiana
    >     (cultural-giuridico-economico-tecnico-eccetera)      possimo
    > spingerci oltre. In entrambe i casi -si  tratta solo di capirci-
    > perche` le  conseguaze a  livello organizzativo,  associativo  e
    >   rappresentativo  (anche come  "non  rappresentanza)   assumono
    > direzioni diversi.

Immodestamente ritengo di appartenere alla seconda categoria, ma non
per questo mi sento di "rappresentare" alcunche`.

Ci   tengo  a sottolineare  questo  punto,  perche`  il problema della
"rappresentenza"  e` sorto in  passato con  altre associazioni e,  non
essendo stato sufficientemente chiarito, ha portato a grossi problemi.

Io rappresento solo me stesso, MIU-FT dopo aver ricevuto l'OK da parte
dei miei colleghi;  potrei rappresentare un'eventuale associazione che
si occupi delle tematiche collegate al progetto Creative Commons, se e
quando tale associazione decidesse in tal senso.

Per il resto, non rappresento niente e nessuno.

Ci  tengo a precisare  che la mia posizione non  e`  quella di chi non
vuole prendere responsabilita` (magari  :) - semplicemente ritengo che
prima di avventurarsi nel  campo minato della "rappresentativita`" sia
meglio pensarci otto volte.  Io sicuramente lo faro` sedici volte.

    > Altro problema da risolvere prima di procedere come tu consigli.

Mi   pare  del  tutto scollegato.     Io posso creare  un'associazione
culturale (o altro) che  promuova  la filosofia del progetto  Creative
Commons senza per  questo chiedere autorizzazione a chicchessia (fatti
salvi i  vincoli di utilizzo del  marchio  o quant'altro).   Negli USA
gia` lo fanno da tempo.

    > < Tutto cio` non implica necessariamente alcuna
    > "rappresentativita`".

    > Non di tipo legale, forse, ma sicuramente nei confronti del
    > "pubblico".

Questo punto andrebbe probabilmente approfondito.  

    > < Vogliamo invece essere rappresentativi?  Si fa una telefonata
    > con i < capoccia di CC.org e si inizia a ragionare con loro sui
    > tempi e < sulle modalita` migliori per raggiungere lo scopo.

    > Per esempio.

    > E qui si torna al punto di partenza, cioe` che per fare tutto
    > questo e` necessario tempo ed energia, ragion per cui io domani
    > devo chiedere quanto posso rendere queste attivita` parte del
    > mio lavoro.

    > Tu come tutti.

Non sono abituato  ad esprimere  giudizi di  nessun  tipo sul  lavoro,
sugli  impegni e  sull'energia   altrui  -   informo solo  della   mia
situazione, in maniera da sapere  quanto e come  si puo` contare su di
me e su MIU (si puo`).

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it