[Cc-it] Re: Resoconto della riunione delle PI del 20/7

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Sab 24 Lug 2004 06:36:23 EDT


> L'unico requisito auspicato è la democraticità.
> La proposta di creare più associazioni confederate nasce con l'intento di 
> salvaguardare questa esigenza.
> Data la grande esperienza che le Partner Institutions vantano nel campo 
> del diritto industriale e commerciale, hanno suggerito un modello, ma come 
> ho detto la decisione relativa al "se creare un'associazione" e a "quale 
> tipo di associazione" è lasciata all'autonomia della lista.

Sarebbe democratico che una stessa persona iscritta in lista con 50 nomi 
differenti esprimesse il suo parere? Capisci il problema della lista qual'è? 
:-) Teoricamente l'associazione potrebbe non costituirsi anche per il 
dispetto di un imbecille. Non mi pare serio. Tu che dici? 


> Se ne è già discusso qua e là, è mi sembrato che vi fossero alcuni pareri 
> favorevoli.

Sì ma come ci regoliamo? Quanti pareri favorevoli occorrono? Si va a numero 
o a percentuale? Come facciamo? Non è facile! 

 

> Questo non è affatto detto. Anche chi è già membro di altre associazioni 
> potrebbe volersi iscrivere come privato e non come membro di una certa 
> associazione. Ciascuno ha diritto di esprimere il proprio parere.

Superato un problema così (non è detto comunque che la tua motivazione sia 
condivisa dagli altri), resta l'altro: come lo risolviamo??? :-) 

 

> Per l'incontro, credo che il giorno che sarà stabilito per la 
> presentazione della CCPL 2.0 sarebbe una data perfetta anche per un 
> incontro tra i membri della ML che volessero entrare a far parte di 
> un'eventuale associazione.

Dunque chi viene ha voce in capitolo e chi non viene (magari perché 
impossibilitato) no? Ti sembra democratico? :-) 


> L'importante (IMHO) è discutere ora sul contenuto che dovrebbe avere un 
> eventuale statuto di un'eventuale associazione, in modo da poter 
> sottoporre il prima possibile alle Partner Institutions, una bozza di 
> statuto, sul quale loro potrebbero esprimere pareri, vista la loro 
> notevole esperienza nel campo, prima di proporlo a Creative Commons per 
> l'approvazione.

Io credo che una O.N.L.U.S. sia la forma organizzativa migliore:
è l'unico modo per avere fondi da investire. Questo è il mio parere.
Gli altri cosa ne pensano? 


> Non precipitiamo, anzi andiamoci con i piedi di piombo.
> Sono parecchio allergico alle "schedature"  :-) a qualunque fine vengano 
> effettuate. Poi credo che la tua proposta sarebbe di difficile attuazione 
> (si tratta di dati sensibili) e non credo che tutti sarebbero d'accordo a 
> darli. In mano a chi, poi?
 

Abbi pazienza, ma chi vuole costituire l'associazione dovrà pur risultare 
con tanto di nome, cognome, codice fiscale e residenza all'interno dell'atto 
costitutivo! :-) Se vogliamo garantire la democraticità non ci sono altre 
soluzioni. Se non ci contiamo, come facciamo ad agire democraticamente??? 
L'anonimato crea dei grossi problemi: il voto può essere segreto ma non i 
votanti. Daremmo la possibilità ad un votante di mettere nell'urna tutte le 
schede che vuole: non è affatto democratico.
Sono cotrario anche io alle "schedature", ma come possiamo fare altrimenti?? 

 

> Inoltre credo che la natura della lista sia più consultiva che decisoria.
> Le decisioni che si dovessero prendere in lista sono già (almeno 
> potenzialmente :-) ) serie, questo dipende dalla serietà dei partecipanti 
> alla ML. 

Esatto: come fai ad essere sicuro di tale serietà? Come fai ad essere sicuro 
del fatto che non ci siano doppioni o persone che intervengono in mala fede 
solo per fare dispetti? 

> Se con "serie" fai riferimento al loro valore legale, temo che 
> non sarebbero valide neppure con il metodo che hai proposto, perché 
> qualcuno potrebbe sempre accedere alla mia casella di posta e fingere di 
> essere il sottoscritto.
> E' solo la mia opinione, naturalmente.

E no, se mi parli di casella di posta elettronica, ti dico subito che ad una 
password di accesso ad una casella di posta elettronica è dato dalla 
giurisprudenza addirittura valore di firma debole.
Quindi la casella di posta elettronica darebbe sufficienti garanzie, anche 
in termini di legge (pensa alle iscrizioni alle associazioni, che 
normalmente vengono effettuate via fax o via e-mail).
Inoltre, posso capire che qualcuno ti entri nella casella di posta 
elettronica, ma la tua carta di identità dove la prende?? :-)
E il tuo numero di telefono? :-) E la conferma telefonica (che fa il 
bastardo, ti entra in casa ogni volta che suona il telefono?? :-D)? :-)
Dai... sarebbe il modo più sicuro tra quelli praticabili (mi permetto di 
dirlo con una certa obiettività). 


Ciao, Ado. 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it