[Cc-it] Re: Resoconto della riunione delle PI del 20/7

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Sab 24 Lug 2004 05:15:12 EDT


Ado Pieretti ha scritto:

>> Alberto Gilardi ha scritto:
>> Dalle Partner Institutions e venuto anche un suggerimento sulla 
>> struttura che dovrebbe avere la futura associazione: per assicurare 
>> un minimo di democraticità, senza compromettere l'efficenza 
>> decisionale,si e proposto di dare all'associazione una struttura 
>> decentralizzata a livello locale, raccordata con una federazione di 
>> associazioni di secondo grado.
>
> Le PI hanno specificato quali requisiti dovrebbero avere le 
> associazioni confederate? 

L'unico requisito auspicato è la democraticità.
La proposta di creare più associazioni confederate nasce con l'intento 
di salvaguardare questa esigenza.
Data la grande esperienza che le Partner Institutions vantano nel campo 
del diritto industriale e commerciale, hanno suggerito un modello, ma 
come ho detto la decisione relativa al "se creare un'associazione" e a 
"quale tipo di associazione" è lasciata all'autonomia della lista.

> [/Omissis/] Visto che anche le PI hanno dato parere favorevole, vorrei 
> chiedere ai membri della lista se ritengono opportuno incominciare a 
> discutere sulla opportunità di costituire o meno un'associazione CC. 
> Se emergessero subito molti pareri negativi, mi farei tante seghe 
> mentali di meno. :-)

Se ne è già discusso qua e là, è mi sembrato che vi fossero alcuni 
pareri favorevoli.

> Tuttavia, decidere una cosa così importante soltanto in lista non mi 
> sembra molto serio: cosa accadrebbe se tutti i membri della mia 
> associazione si iscrivessero in lista o se uno stesso utente si 
> iscrivesse 50 volte con 50 nomi diversi? Secondo me, bisognerebbe 
> proporre a tutti i membri della lista un incontro in cui decidere sul 
> da farsi: per le associazioni dovrebbe presentarsi o comunque avere 
> potere decisorio una sola persona.

Questo non è affatto detto. Anche chi è già membro di altre associazioni 
potrebbe volersi iscrivere come privato e non come membro di una certa 
associazione. Ciascuno ha diritto di esprimere il proprio parere.
Per l'incontro, credo che il giorno che sarà stabilito per la 
presentazione della CCPL 2.0 sarebbe una data perfetta anche per un 
incontro tra i membri della ML che volessero entrare a far parte di 
un'eventuale associazione.
L'importante (IMHO) è discutere ora sul contenuto che dovrebbe avere un 
eventuale statuto di un'eventuale associazione, in modo da poter 
sottoporre il prima possibile alle Partner Institutions, una bozza di 
statuto, sul quale loro potrebbero esprimere pareri, vista la loro 
notevole esperienza nel campo, prima di proporlo a Creative Commons per 
l'approvazione.

> Tuttavia, siccome l'Italia è lunga ed il tempo a disposizione è sempre 
> poco, la soluzione migliore potrebbe essere quella di "schedare" tutti 
> i membri in lista (in pratica dovrebbero fornire un documento di 
> identità): a quel punto, anche le decisioni prese in lista sarebbero 
> serie. Cosa ne pensate? Non è ora di incominciare a contarci? :-)

Non precipitiamo, anzi andiamoci con i piedi di piombo.
Sono parecchio allergico alle "schedature"  :-) a qualunque fine vengano 
effettuate. Poi credo che la tua proposta sarebbe di difficile 
attuazione (si tratta di dati sensibili) e non credo che tutti sarebbero 
d'accordo a darli. In mano a chi, poi?
Inoltre credo che la natura della lista sia più consultiva che decisoria.
Le decisioni che si dovessero prendere in lista sono già (almeno 
potenzialmente :-) ) serie, questo dipende dalla serietà dei 
partecipanti alla ML. Se con "serie" fai riferimento al loro valore 
legale, temo che non sarebbero valide neppure con il metodo che hai 
proposto, perché qualcuno potrebbe sempre accedere alla mia casella di 
posta e fingere di essere il sottoscritto.
E' solo la mia opinione, naturalmente.

-Alberto Gilardi-





Maggiori informazioni sulla lista cc-it