[Cc-it] Resoconto della riunione delle PI del 20/7

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Ven 23 Lug 2004 13:23:31 EDT


 Invio alla ML il mio resoconto della riunione delle Partner 
Institutions svoltasi il 20 luglio presso lo Studio Legale 
Tosetto-Weigmann in Corso Duca degli Abruzzi 15 a Torino.
 Alla riunione hanno partecipato il Project Lead Ricolfi e il Dott. De 
Martin, oltre agli gli avvocati Bottero, Ciurcina, Cogo, Travostino, al 
Dott. Benussi ed al sottoscritto.
 Ancora una volta gli argomenti trattati sono stati di natura 
squisitamente legale: oltre ad aver approvato la versione definitiva 
della bozza di traduzione italiana della licenza ad opera del Project 
Lead Ricolfi, si sono esaminate le modifiche che gli avvocati Ciurcina e 
Travostino hanno proposto per dare piena cittadinanza alla CCPL 2.0 nel 
nostro ordinamento giuridico.
 Restano ancora sul tappeto solo tre questioni di natura legale, 
relative ai diritti connessi, al contratto di mandato SIAE e alla 
clausola di diritto internazionale privato proposta dal Project Lead 
tedesco, Prof. Metzger.
 Alla luce di quanto emerso dalla riunione, i passaggi che rimangono per 
giungere alla presentazione della CCPL italiana sono dunque cinque:

   1. Stesura definitiva della CCPL italiana, ovvero incorporazione 
delle modifiche nella traduzione.
   2. Approvazione della CCPL italiana da parte del gruppo di lavoro 
delle PI.
   3. Pubblicazione della CCPL nel wiki.
   4. Ritraduzione in inglese della CCPL e delle relative modifiche.
   5. Approvazione della CCPL ritradotta da parte di Creative Commons.
   6. Presentazione della CCPL al pubblico.

  I primi due passaggi sono ormai quasi compiuti, entro agosto (grazie 
all'avv. Cogo) dovrebbe essere compiuto il quarto, ed entro Settembre 
dovrebbe giungere il via libera ufficiale da parte di Creative Commons.

 Per quanto riguarda più da vicino gli argomenti discussi di recente in 
lista, ovvero la questione del sito http:\\www.creativecommons.it e la 
creazione di un'associazione, le Partner Institutions si sono mostrate 
favorevoli ad entrambe le iniziative.
 Relativamente al sito.
 Pur riconoscendo che logo e marchio sono usati in modo difforme da 
quanto previsto da Creative Commons, le Partner Institutions, non hanno 
obiezioni a che si vada  avanti nella creazione del sito, usando 
tuttavia la necessaria prudenza.
 In particolare si raccomanda di non inserire nel sito materiale che 
possa ingenerare affidamento di terzi.
 Le Partner Institutions hanno chiarito che il loro compito è statico, e 
destinato a compiersi con la presentazione della CCPL 2.0 italiana.
 La parte dinamica (ovvero la revisione di materiale da pubblicare sul 
sito), non di loro competenza, dovrebbe essere realizzata dalla comunità 
interessata - associazione od altro - ed il raccordo con la PI  potrebbe 
essere ipoteticamente affidato ad un incaricato retribuito dal 
dipartimento di Scienze Giuridiche, che si occupi dell'ordinaria 
amministrazione, contattando le Partner Institutions solo nei casi più 
difficili.
 Relativamente alla creazione di un'associazione.
 Le Partner Institutions si sono nuovamente dimostrate disponibili a 
contattare Creative Commons per la concessione del nome e del marchio al 
fine di creare un'associazione italiana che persegua statutariamente gli 
obbiettivi della promozione e diffusione della licenza CCPL.
 Tale richiesta potrebbe utilmente essere proposta in una fase terminale 
del processo di localizzazione della CCPL, verosimilmente in uno dei 
passaggi che ho precedentemente indicato con i punti 5 e 6.
 Dalle Partner Institutions e venuto anche un suggerimento sulla 
struttura che dovrebbe avere la futura associazione: per assicurare un 
minimo di democraticità, senza compromettere l'efficenza decisionale,si 
e proposto di dare all'associazione una struttura decentralizzata a
 livello locale, raccordata con una federazione di associazioni di 
secondo grado.


 -Alberto Gilardi-




Maggiori informazioni sulla lista cc-it