[Cc-it] Re: Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Luca Brazzoli mrmay a autistici.org
Gio 22 Lug 2004 06:57:25 EDT


Il gio, 2004-07-22 alle 03:10, Ado Pieretti ha scritto:

> Anche "open source" è una parola di uso comune[*] ed indica una possibilità, 
> la possibilità di guardare un codice sorgente. Eppure è un trademark: come 
> te lo spieghi? :-)

Il termine open source, nato verso la fine degli anni '90, quando è
stato registrato non era di uso comune.

> "Open", poi, è un aggettivo a tutti gli effetti. :-)

Per quanto riguarda l'equivoco lessicale mi sono spiegato in maniera più
chiara nella mail di risposta a Dario Negri.

> Se "open source" non fosse un trademark, Negri non potrebbe comunque farne 
> un marchio registrato: come te lo spieghi? :-)

Negri, forse, non potrebbe farne adesso un marchio registrato, 10 anni
fa avrebbe potuto.

> Ed è una coincidenza che il trademark "open source" sia nelle mani degli 
> autori di una certa accezione del termine "open source"?

Non è una coincidenza, semplicemente il marchio è registrato a nome di
chi qualche hanno indietro a deciso di riferirsi alla Open Source
Definition che a sua volta derivava dalla Debian Free Software
Guidelines. Chi ha registrato il marchio open source ha dato alla parola
l'accezione che più credeva corretta che la si condivida o meno.
Ben più grave sarebbe stato se dopo anni promozione di un'accezione
verbale si fosse deciso di registrare una nome "ormai" di uso e di
accezione comune.

> Inoltre, Gnu dice che un marchio registrato non risolve sul serio i problemi 
> legati al termine "open source". Come te lo spieghi? :-) 

Attenzione, non sto sostenendo che sia giusto o sbagliato, utile o
inutile registrare un marchio, cerco di capire quando e perchè lo si
possa o non lo si possa fare

> "Copyleft" è un neologismo (è originale per definizione) ed è noto.
> Se una persona (Stallman?) può dimostrare di essere l'autore del logo 
> raffigurante un cerchio con all'interno una "c" rovesciata e/o di essere 
> l'autore di un logotipo "Copyleft" e/o dell'invenzione letteraria 
> "copyleft", perché non potrebbe registrare il marchio "copyleft"?

Non ne sono sicuro, ma se qualcuno riuscisse a dimostrare di esserne
*effettivamente* l'autore non gli si potrebbe impedire la possibilità di
registrarene il marchio a prescindere, a questo punto, dal livello di
diffusione del nome, del logo, ecc.

> Ma a quel punto: perché dovrebbe registrarlo??? :-D

Prevenzione di utilizzi scorretti del nome ma, come hai giustamente
fatto notare tu citando GNU, con tutti i limiti del caso.

> Beh... ho la netta sensazione che siamo andati un po' off-topic. :-DDD
> Forse è meglio continuare in privato o su altre liste.

ops! chiedo scusa alla lista per questa ulteriore divagazione OT forse
la lista di copyDOWN è più indicata a queste tematiche. 

ciao
Luca 





Maggiori informazioni sulla lista cc-it