[Cc-it] Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Dario Negri darionegri a hotmail.com
Gio 22 Lug 2004 05:41:55 EDT


>Non posso chiamare il mio negozio "Copyleft": è di uso comune a livello
>internazionale qualunque siano le motivazioni che lo rendono tale.
>Non posso chiamare il mio negozio "Creative Commons" per le stesse
>ragioni? (supponendo per un istante che Creative Commons non fosse un
>trademark)

Non è per il semplice fatto che una parola è di uso comune a livello
internazionale (o anche solo nazionale)
che non si può registrare: "scrigno", ad esempio, è una parola di uso
comune, ma è anche un marchio registrato.
Il fatto è che "Copyleft", come fa notare Ado Pieretti, è un neologismo
noto, cioè una parola
che una persona  ha inventato per indicare una determinata cosa e che tante
altre persone conoscono.
Se mi appropriassi di quel nome per sfruttarne la fama ("scrigno" non ha una
fama, ma "copyleft" sì)
il mio comportamento sarebbe chiaramente scorretto ed anticoncorrenziale: e
questo lo posso anche capire, visto che
non l'avevo scelto a caso. :) Lo stesso discorso potrebbe farsi per
"Creative Commons"
(supponendo che non sia una marchio registrato).

>Non ne sono sicuro, certo è che le parole Creative e Commons insieme non
>godono della fama del termine copyleft e quindi suppongo, che se la
>legge ammette la possibilità di fare di una parola, non protetta da
>copyright, un marchio registrato sulla base della sua originalità e
>quindi sul suo livello di diffusione, allora suppongo, potrei chiamare
>il mio negozio Creative Commons

In soldoni: potresti registrare il marchio Creative Commons solo se Creative
Commons,
oltre a non essere un marchio registrato,  non fosse il nome di una nota
associazione.
Ma anche se non fosse un'associazione nota e tu registrassi il marchio,
avresti comunque dei problemi:
a incominciare dal dominio su Internet (che normalmente il marchio
garantisce: vedi il caso "Armani").
Se la sconosciuta CC ha iniziato l'attività prima di te ed ha il dominio
"creativecommons"
quello resta a lei (a meno che non decida di vendertelo: generalmente accade
proprio questo) .









Maggiori informazioni sulla lista cc-it