[Cc-it] Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Luca Brazzoli mrmay a autistici.org
Gio 22 Lug 2004 04:14:27 EDT


Il mer, 2004-07-21 alle 23:17, Dario Negri ha scritto:

> Il fatto Ŕ che sia i sostantivi che gli aggettivi sono una sequenza di
> lettere e se su
> una sequenza di lettere c'Ŕ il copyright allora di quella sequenza di
> lettere non puoi farne un marchio registrato.

Mi sono riferito a sostantivi ed aggettivi (probabilmente in maniera
forzata) unicamente per sottolineare la loro differenza modale e per
evidenziare come questa abbia consentito una diffusione maggiore di un
termine rispetto ad un altro.
Sono d'accordo con te che non Ŕ certo la differenza tra sostantivi ed
aggettivi che rende registrabili gli uni e non gli altri, non era questo
il senso delle mie parole.  

> Anche se Creative Commons non avesse il marchio registrato, io non potrei
> chiamare il mio negozio "Creative Commons".

Non posso chiamare il mio negozio "Copyleft": Ŕ di uso comune a livello
internazionale qualunque siano le motivazioni che lo rendono tale.
Non posso chiamare il mio negozio "Creative Commons" per le stesse
ragioni? (supponendo per un istante che Creative Commons non fosse un
trademark)
Non ne sono sicuro, certo Ŕ che le parole Creative e Commons insieme non
godono della fama del termine copyleft e quindi suppongo, che se la
legge ammette la possibilitÓ di fare di una parola, non protetta da
copyright, un marchio registrato sulla base della sua originalitÓ e
quindi sul suo livello di diffusione, allora suppongo, potrei chiamare
il mio negozio Creative Commons 

> La legge non distingue tra metodi, progetti ecc.: la legge parla di
> originalitÓ del nome. E' tanto elementare quanto "spietato".

Sono d'accordo. Probabilmente ieri sera non mi sono spiegato in maniera
chiara: concesso che il criterio di giudizio legale per quanto riguarda
la registrazione di un marchio non protetto da copyright valuta
l'originalitÓ, intesa come livello di diffusione del nome, la mia
distinzione tra metodi e progetti aveva lo scopo di analizzare i motivi
che hanno permesso ad un termine, Copyleft, di diffondersi maggiormente
rispetto ad un altro termine, Creative Commons.

ciao
Luca




Maggiori informazioni sulla lista cc-it