[Cc-it] Re: Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Mer 21 Lug 2004 21:10:31 EDT


Luca Brazzoli Scrive: 

> Copyleft è una parola di uso comune[*] poiché è un metodo e in quanto
> tale attribuibile, a differenza di Creative Commons che è un
> progetto[**] come lo è ad esempio Agnula http://www.agnula.org/.
> Attribution, Noncommercial, Share Alike potrebbero invece essere
> considerati metodi: se mai Share Alike dovesse diventare un termine di
> uso comune per indicare le modalità di ri-distribuzione di un' opera,
> qualunque essa sia, allora sarebbe giusto annullarne il deposito. 
> Tra l'altro le parole *Creative* e *Commons* insieme, non sono di uso
> comune, semplicemente, perchè più giovani di copyleft, resta comunque il
> fatto che anche se tra qualche anno diventassero conosciute su larga
> scala rimarrebbero comunque suscettibili (ti rubo il termine perchè mi
> piace:) di registrazione in quanto rappresentative di un progetto e non
> di un metodo.
> Mi piace pensare a Creative Commons come ad un sostantivo e a Copyleft
> come un aggettivo.

> [*] lo è talmente tanto in ambito informatico da essere spesso
> utilizzata dandole un significato errato 
> 
> [**]termine probabilmente non del tutto corretto per sintetizzarne il
> significato
 

Anche "open source" è una parola di uso comune[*] ed indica una possibilità, 
la possibilità di guardare un codice sorgente. Eppure è un trademark: come 
te lo spieghi? :-) "Open", poi, è un aggettivo a tutti gli effetti. :-)
Se "open source" non fosse un trademark, Negri non potrebbe comunque farne 
un marchio registrato: come te lo spieghi? :-)
Ed è una coincidenza che il trademark "open source" sia nelle mani degli 
autori di una certa accezione del termine "open source"?
Inoltre, Gnu dice che un marchio registrato non risolve sul serio i problemi 
legati al termine "open source". Come te lo spieghi? :-) 

"Copyleft" è un neologismo (è originale per definizione) ed è noto.
Se una persona (Stallman?) può dimostrare di essere l'autore del logo 
raffigurante un cerchio con all'interno una "c" rovesciata e/o di essere 
l'autore di un logotipo "Copyleft" e/o dell'invenzione letteraria 
"copyleft", perché non potrebbe registrare il marchio "copyleft"?
Ma a quel punto: perché dovrebbe registrarlo??? :-D
E, infatti, "copyleft" non è un marchio registrato e la stessa Gnu 
sottolinea il fatto che "un marchio registrato non avrebbe risolto sul serio 
i problemi legati al termine "open source"". 

Questo modo di utilizzare il copyright non è comune,
ma ciò non significa che non sia possibile, legittimo, praticato, opportuno.
Su Interlex (ma non solo lì) c'è addirittura chi sostiene che non ha senso 
avere la compresenza di copyright, da una parte, e di marchi e brevetti, 
dall'altra (dato l'accavallamento di aree di competenza). 

Beh... ho la netta sensazione che siamo andati un po' off-topic. :-DDD
Forse è meglio continuare in privato o su altre liste. 

Ciao, Ado.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it