[Cc-it] Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Dario Negri darionegri a hotmail.com
Mer 21 Lug 2004 17:17:35 EDT


> Copyleft è una parola di uso comune[*] poiché è un metodo e in quanto
> tale attribuibile, a differenza di Creative Commons che è un
> progetto[**] come lo è ad esempio Agnula http://www.agnula.org/.
> Attribution, Noncommercial, Share Alike potrebbero invece essere
> considerati metodi: se mai Share Alike dovesse diventare un termine di
> uso comune per indicare le modalità di ri-distribuzione di un' opera,
> qualunque essa sia, allora sarebbe giusto annullarne il deposito.
> Tra l'altro le parole *Creative* e *Commons* insieme, non sono di uso
> comune, semplicemente, perchè più giovani di copyleft, resta comunque il
> fatto che anche se tra qualche anno diventassero conosciute su larga
> scala rimarrebbero comunque suscettibili (ti rubo il termine perchè mi
> piace:) di registrazione in quanto rappresentative di un progetto e non
> di un metodo.
> Mi piace pensare a Creative Commons come ad un sostantivo e a Copyleft
> come un aggettivo.

Il fatto è che sia i sostantivi che gli aggettivi sono una sequenza di
lettere e se su
una sequenza di lettere c'è il copyright allora di quella sequenza di
lettere non puoi farne un marchio registrato.
Anche se Creative Commons non avesse il marchio registrato, io non potrei
chiamare il mio negozio "Creative Commons".
La legge non distingue tra metodi, progetti ecc.: la legge parla di
originalità del nome. E' tanto elementare quanto "spietato".

Saluti, Dario Negri.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it