[Cc-it] Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Luca Brazzoli mrmay a autistici.org
Mer 21 Lug 2004 16:50:13 EDT


Il mer, 2004-07-21 alle 20:17, Dario Negri ha scritto:

> La parola "copyleft" è di uso comune, a livello internazionale, per
> designare il metodo per
> realizzare free software.
> Tale parola non è pertanto suscettibile di registrazione come marchio
> (ovvero un eventuale
> deposito sarebbe nullo) qualora venga richiesta la relativa privativa
> nel settore di
> appartenenza (informatica).
> 
> Data la notorietà di Creative Commons, anche se Creative Commons non
> avesse registrato il marchio, nessuno
> avrebbe potuto registrare un marchio con lo stesso nome, perché è il
> copyright a non consentirlo.

Copyleft è una parola di uso comune[*] poiché è un metodo e in quanto
tale attribuibile, a differenza di Creative Commons che è un
progetto[**] come lo è ad esempio Agnula http://www.agnula.org/.
Attribution, Noncommercial, Share Alike potrebbero invece essere
considerati metodi: se mai Share Alike dovesse diventare un termine di
uso comune per indicare le modalità di ri-distribuzione di un' opera,
qualunque essa sia, allora sarebbe giusto annullarne il deposito. 
Tra l'altro le parole *Creative* e *Commons* insieme, non sono di uso
comune, semplicemente, perchè più giovani di copyleft, resta comunque il
fatto che anche se tra qualche anno diventassero conosciute su larga
scala rimarrebbero comunque suscettibili (ti rubo il termine perchè mi
piace:) di registrazione in quanto rappresentative di un progetto e non
di un metodo.
Mi piace pensare a Creative Commons come ad un sostantivo e a Copyleft
come un aggettivo.

Ciao
Luca

[*] lo è talmente tanto in ambito informatico da essere spesso
utilizzata dandole un significato errato

[**]termine probabilmente non del tutto corretto per sintetizzarne il
significato





Maggiori informazioni sulla lista cc-it