[Cc-it] Marchio registrato vs copyright: chi vince?

Dario Negri darionegri a hotmail.com
Mer 21 Lug 2004 14:17:19 EDT


Ho visto che si è discusso molto sulla questione del marchio registrato e mi sento "chiamato in causa".
Devo concordare (anche se non vorrei... poi capirete perché) con quello che ha detto
Ado Pieretti. Porto la mia esperienza personale: sono comproprietario di un negozio di informatica
ed io e i miei soci volevamo lanciare la nostra attività con un marchio ad effetto: "COPYLEFT".
Pensavamo che fosse possibile, in quanto "COPYLEFT" non è un marchio registrato.
La doccia fredda è arrivata proprio da chi non ha alcun interesse a *regalare* docce fredde (ne riporto una):

Egregio Signor Negri,

La parola "copyleft" è di uso comune, a livello internazionale, per designare il metodo per
realizzare free software.

Tale parola non è pertanto suscettibile di registrazione come marchio (ovvero un eventuale
deposito sarebbe nullo) qualora venga richiesta la relativa privativa nel settore di
appartenenza (informatica).

Cordiali saluti.
Riccardo Arena
________________________________________
ARENA, Viale Certosa 135, 20151 Milano,   Italy
Tel: +39-02-38006672      Fax: +39-02-38002927
mailto:info a arena-patent.com
http://www.arena-patent.com



Data la notorietà di Creative Commons, anche se Creative Commons non avesse registrato il marchio, nessuno
avrebbe potuto registrare un marchio con lo stesso nome, perché è il copyright a non consentirlo.


Saluti, Dario Negri.

-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML è stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20040721/a66ed62c/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it