[Cc-it] Associazione CC

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Lun 19 Lug 2004 14:22:36 EDT


Caro Tom e cari tutti,

>>>>> "tom" == tom  <montrellune a teatre.com> writes:

    > Prima  di impegnarti personalmente in  tale direzione, credo che
    > sarebbe opportuno che tu   proponessi il progetto in  lista,  in
    > quanto sembra  (io)  che ci  siano  partecipanti non concordi al
    > riguardo.

Per proporre un  progetto in lista (e  non semplicemente un'idea o  un
abbozzo di  idea)   dovro` comunque impegnarmi  personalmente;  domani
sapro` se tale  impegno potra` essere  anche professionale.  Per me si
tratta di una differenza notevolissima.

    > Apprezzo la tua  iniziativa, e  sono  sicuro che il  tuo apporto
    > personoale/professionale  sia prezioso nella costituzione di una
    > eventuale forma associativa, ma in  primo luogo ciò deve essere
    > fatto in lista, secondo   me ovviamente, e soprattutto  si  deve
    > valutare l'attuale opportunità di  procedere in tal senso.   Ci
    > sono dei  problemi  ancora  in discussione  la  cui soluzione è
    > necessaria per poter  operare nella direzione che  tu prospetti.
    > Se creiamo un'associazione,   senza aver  chiaro  -a parte   gli
    > aspetti più formali  che non rappresentano grossi  ostacoli- il
    > modo in cui  vogliamo  collaborare, e  ancor più importante  le
    > possibilità che ci  sono  concesse di collaborare [0],   allora
    > rischieremmo di arrivare ad avere una serie  di problemi tali da
    > autoalimentarsi e sottrarci molte risorse.

Questi sono tutti elementi da discutere e io sono felicissimo di farlo
-  anche se credo  a questo punto che  tale discussione *non* dovrebbe
avvenire su cc-it, il cui charter originale era tutt'altro.

A questo  proposito   chiederei  a  CC  di    attivare  un'altra lista
(cc-it-community?)  sulla scia di quanto  gia` fatto in USA (creazione
di cc-community, proprio perche`  cc-legal stava ampiamente debordando
dal  charter).   Questo  a meno  che qualcuno   non esprima un  parere
fortemente contrario entro lunedi` 26/07. [0]

    > Questa sorta   di impedimenti,  già  di per  se degni  di nota,
    > verrebbero estremizzati qualora creassimo un'associazione, ossia
    > una  forma    legale per  organizzare   e  tutelare   il  nostro
    > funzionamento, la  quale fosse  riconsosciuta giuridicamente, ma
    > che non  fosse in  grado  di mettere  d'accordo neppure  i  suoi
    > associati.

Dipende quali sono gli associati.  Non e` detto che  tutti i membri di
questa  lista   debbano esserlo  -  magari non   condividono gli scopi
sociali, o i soci fondatori non ritengono di volere che facciano parte
dell'associazione, etc, etc.

Naturalmente io spero che ci   sia la massima partecipazione di  tutti
coloro che possono fare  del bene  ad  una eventuale associazione,  ma
francamente non  parto  dal presupposto che tutti  i  lettori di cc-it
debbano farne  parte  (ne` che  eventuali non   lettori di  cc-it  non
debbano farne parte).

Tra l'altro un'associazione ha questo  di buono -  se lo statuto viene
scritto adeguatamente, eventuali situazioni  di disaccordo  si possono
risolvere abbastanza  rapidamente, rispetto  a quanto avviene  a volte
via mailing  list.  Poi e` naturale che   ci vuole maturita`  da parte
degli associati di non iniziare un giochino al massacro - ma se questa
immaturita  c'e`, per  me  e` meglio che  venga  fuori  subito in modo
esplicito, cosi` almeno so con chi lavorare e con chi no.

    > Pertanto  credo che la  tua  proposta  sia interessante ma   non
    > attuale.  Una  volta risolti i problemi  che  ho indicato sopra,
    > solo allora penso sarà opportuno  dedicare le nostre (di tutti)
    > limitate    risorse, e  io   mi    dichiaro già interessato   a
    > collaborare per il progetto in questione.

I punti pendenti che indichi mi pare siano:

- il "nostro" ruolo (chi e` "noi" in questo caso?  Io so gia` qual e`
  il mio ruolo e non ho problemi con esso)

- il  ruolo di cc.it; ti   riferisci  ad iCommons  Italy, ovvero  alle
  Partner Institutions?  

  Se  e`  cosi`,  il  loro  ruolo mi pare   abbastanza chiaro,  ovvero
  "tradurre" in italiano le licenze Creative Commons, attivita` per la
  quale - e solo per questa - hanno ricevuto da parte di CC un mandato
  ad  utilizzare il "marchio"  Creative Commons;  le PI  si  sono rese
  disponibili a mediare  con CC per  la cessione del marchio  anche al
  fine di redigere il sito web creativecommons.it.

  Se  invece  con  cc-it ti  riferisci  a  questa lista,   mi pare che
  originariamente   essa  dovesse essere  dedicata esclusivamente alla
  traduzione e contestualizzazione delle licenze CC in italiano; ad un
  rapido scivolamento  verso altri argomenti    (sempre legati a   CC)
  Christiane Aschenfeldt (coordinatrice di iCommons) ha detto:

  http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2003-November/000047.html

    "Dear Pinna,
    dear readers, 

    my guidelines   were only suggestions on how   (in my opinion) the
    discussion could become more  efficient.  But please go ahead  and
    discuss every CC-related topic you  would like to on this  mailing
    list as long as it is fine with your project lead Marco.

    All the best, 

    Christiane"

  Non mi pare  (sottolineo il "mi pare")  che il prof.  Ricolfi si sia
  espresso in  qualche senso, quindi credo  che possiamo  dire che per
  quanto  attiene  al  rispetto  del charter, il  ruolo   di cc-it sia
  abbastanza chiaro: fare delle bellissime discussioni sul ruolo di CC
  in Italia,  ogni tanto scannarsi l'un  l'altro per delle minuzie che
  potrebbero  risolversi  in venti  secondi se  fossimo davanti ad una
  birra anziche` dietro ad un monitor, annunciare progetti affini a CC
  e, di tanto  in  tanto,  fare da   asilo agli  appelli  delle PI  di
  correggere  le   licenze, appelli  non troppo   seguiti   (prima che
  rispondiate: si`, sono ironico, sarcastico e poco serio).

- il  rapporto ufficiale con  le PI; dal mio  punto di  vista non c'e`
  nessun "rapporto ufficiale" con le PI.  Le PI sono delle istituzioni
  fatte di persone in carne  ed ossa, di  cui  conosciamo i nomi,  gli
  indirizzi di posta elettronica  e in alcuni   casi anche i visi e  i
  numeri  di telefono.  Se si vuole  porre una domanda  alle PI, la si
  pone a uno qualsiasi tra  il prof.  Ricolfi,  Juan Carlos de Martin,
  Marco Ciurcina, etc, etc [1].  Se si riceve una risposta, ottimo. Se
  non la   si riceve, significa che   (a) l'interlocutore non   ha mai
  ricevuto  la domanda   (capita   anche  all'epoca   dei   bit)   (b)
  l'interlocutore   e` stanco o  si  e` dimenticato  di rispondere (c)
  l'interlocutore non vuole rispondere per i motivi suoi.

  Queste considerazioni - che nulla  tolgono al giudizio sull'abilita`
  delle PI di comunicare con il resto del  mondo, se uno vuole passare
  il tempo su queste riflessioni - non  mi pare incidano in alcun modo
  su un  rapporto "ufficiale" con  le PI, che non  mi pare  esista ne`
  abbia ragione  di esistere.   Al piu` ci  sono  alcune  persone che,
  essendo a cavallo tra   mondi diversi o forse  semplicemente perche`
  sono  piu` abituate a   confrontarsi con mondi  diversi,  ogni tanto
  fanno da tramite.  Tutto qui.

- Il  "nostro" grado di rappresentanza e  in  quali termini di CC.org;
  anche qui, vorrei capire  cosa intendi con  "noi".  Io so qual e` il
  mio grado di rappresentanza di CC.org: nessuno.  Le PI forse possono
  avere un rapporto piu` formale con CC.org, ma direi che nemmeno loro
  sono  "rappresentative"  di CC.org, se  non  per quanto attiene alla
  localizzazione italiana delle licenze.

  Quindi la domanda e`: si vuole essere rappresentativi di CC.org?  Io
  non ne vedo  la necessita`, nel momento in  cui si condividono degli
  obbiettivi affini.  Al piu`  si puo`  informare CC.org della  nostra
  esistenza o chiedere il permesso di utilizzare  il logo CC al di la`
  del  riferimento alle  licenze (se proprio  vogliamo -   io non sono
  convinto che   sia necessario).  Non  sono certo  che sia necessario
  chiedere  il  permesso  per usare il  nome   Creative Commons Italia
  (penso di si`) ma anche in quel caso  si puo` chiedere il permesso a
  CC.

  Tutto cio` non implica necessariamente alcuna "rappresentativita`".

  Vogliamo invece essere rappresentativi?  Si  fa una telefonata con i
  capoccia di  CC.org e  si inizia  a  ragionare con loro sui  tempi e
  sulle  modalita` migliori per raggiungere  lo scopo.  E qui si torna
  al punto di partenza, cioe` che per fare  tutto questo e` necessario
  tempo  ed energia, ragion  per  cui io domani  devo  chiedere quanto
  posso rendere queste attivita` parte del mio lavoro.

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit

[0] Cerco di muovermi secondo il metodo  del "rough consensus" proprio
    di IETF, ma per essere  pienamente trasparente avverto che in caso
    percepissi blocchi non risolvibili, procedero` nella direzione che
    ritengo   piu`   corretta -    ovviamente  prendendomi  tutta   la
    responsabilita` del caso (come solitamente  faccio).  Questo e` il
    mio modo di lavorare  in generale,  non  solo in questo  caso.  Di
    buono c'e` che con il tempo sono diventato molto piu` paziente.

[1] Ho mantenuto l'appellativo onorifico solo per il prof. Ricolfi, in
    virtu` del suo status di capoprogetto - spero che gli altri membri
    delle PI non me ne vogliano. :)



Maggiori informazioni sulla lista cc-it