[Cc-it] probemi legali? Allora risolviamoli tutti.

pinna pinna a autistici.org
Lun 19 Lug 2004 10:07:30 EDT


Alle 19:59, domenica 18 luglio 2004, MentalRay ha scritto:
> >Possibile  possibile fare tutto, l'errore che non bisongna 
commettere  pensare che una forma legale (quale l'associazione per 
esempio) sia di per se in grado di risolvere i problemi.
> 
> non risolve tutti i problemi ma tutela in gran parte il lavoro 
svolto da piu' parti: una associazione inoltre puo' garantire una 
continuita' temporale degli obiettivi primari che uno o piu' singoli 
non necessariamente possono garantire: ammettiamo solo per ipotesi 
che per motivi personali qualsiasi chi ora coordina il progetto si 
allontani: che garanzia si ha che il progetto resti operativo e che 
possa crescere, evitando tra l'altro di sovraccaricare di lavoro e di 
responsabilita'  chi ora anima questo progetto?
> 
> Per questo motivo e per altri ritengo necessaria non solo la 
costituzione di una associazione che possa raccogliere semplici 
utenti come posso esser io oppure istituzioni come le universita' od 
altri soggetti che desiderano contribuire al progetto, ma che al suo 
interno si creino delle figure di riferimento che possano garantire 
fin da subito quella "trasparenza" e "ricambio" che tutti credo 
desiderino per la gestone e le scelte di sviluppo di questo progetto.

non ho niente in contrario con la costituzione di un'associazione, ma 
come e' gia' stato detto un'associazione non e' garanzia della 
continuita' dell'attivita'. il lavoro dell'associazione e' dato dal 
lavoro delle persone che ne fanno parte: se nell'associazione 
entriamo in 50, tutti molto volenterosi, e dopo due mesi sono rimaste 
4 persone a fare le cose, l'associazione e' bell'e costituita ma non 
risulta utile.  non voglio tarpare le ali a nessuno, semplicemente 
penso che non ci si debba illudere *troppo* a questo proposito. 
certamente la forma strutturata e la divisione in ruoli che comporta 
la costituzione di un'associazione possono essere d'aiuto 
nell'organizzazione del lavoro.

d'altronde l'esistenza di un'associazione non preclude affatto la 
possibilita' di contribuire alla diffusione delle licenze libere in 
altre maniere - oppure *anche* in altre maniere. 
sono d'accordo con andrea glorioso sul fatto che questa lista non e' 
certo l'unico ambito in cui si lavora sulle licenze creative commons, 
forse dovremmo tenerlo piu' a mente (parlo per me).

ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it