[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Lun 19 Lug 2004 10:58:33 EDT


Ado Pieretti ha scritto:

>> Registrare un marchio è fondamentale per difendere il buon nome e la 
>> reputazione di qualcosa.
>
> Dipende dalle circostanze: se il tuo nome è noto e non prevedi 
> attività commerciali, perché dovresti registrarlo?
> Tutte le associazioni che non hanno fatto del proprio nome un marchio 
> registrato non possono difendere il loro buon nome e la loro reputazione?

Dimentichi che non devi usare le categorie italiane per il diritto 
Anglosassone.
Se il buon Larry Lessig non avesse registrato il marchio "creative 
commons" e al punto in cui siamo, arrivassi io e lo registrassi per 
usare il marchio "Creative Commons" per denominare un sistema DRM, il 
buon Lessig non potrebbe farci nulla.

>> Se CC non fosse marchio registrato, io potrei fare qualcosa di 
>> assolutamente contrario alla filosofia CC e etichettarlo CC, 
>> infangando il buon nome del progetto.
>
> I marchi sono 'segni distintivi', proprio perché servono a distinguere 
> qualcosa dall'insieme di tutto il resto.
>
> Non è vero. :-) Prova a calunniare un'associazione o anche una persona 
> fisica che non abbia fatto del proprio nome un marchio registrato e 
> poi te ne accorgi se puoi fare quello che ti pare. :-D

La calunnia è un reato penale, io sto parlando di contraffazione, sono 
due cose molto diverse.

>> L'utilità del marchio va al di là del merchandising :-)
>
> Solo se il nome è poco noto.

No, va al di là del merchandising in ogni caso. (Art.1 l.m.)

> 1. - 1. I diritti del titolare del marchio d'impresa registrato 
> consistono nella facoltà di far uso esclusivo del marchio. Il titolare 
> ha il diritto di vietare ai terzi, salvo proprio consenso, di usare:
> a) un segno identico al marchio per prodotti o servizi identici a 
> quelli per cui esso è stato registrato;
> b) un segno identico o simile al marchio registrato, per prodotti o 
> servizi identici o affini, se a causa dell'identità o somiglianza fra 
> i segni e dell'identità o affinità fra i prodotti o servizi, possa 
> determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che può 
> consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni;
> c) un segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o 
> servizi non affini, se il marchio registrato goda nello Stato di 
> rinomanza e se l'uso del segno senza giusto motivo consente di trarre 
> indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del 
> marchio o reca pregiudizio agli stessi.
> 2. Nei casi menzionati al comma 1 il titolare del marchio può in 
> particolare vietare ai terzi di apporre il segno sui prodotti o sulle 
> loro confezioni; di offrire i prodotti, di immetterli in commercio o 
> di detenerli ai fini, oppure di offrire o fornire i servizi 
> contraddistinti dal segno; di importare o esportare prodotti 
> contraddistinti dal segno stesso; di utilizzare il segno nella 
> corrispondenza commerciale e nella pubblicità (1).

Nota che non si parla di prodotti o servizi destinati a essere forniti 
dietro corrispettivo.
Si parla di prodotti e servizi tout court.
Che poi generalmente si registri un marchio per scopi commerciali è un 
altro discorso, ma anche il copyleft è un uso originale del copyright.

>> Non capisco il senso della tua affermazione: marchio e diritto 
>> d'autore sono entrambe forme di tutela della proprietà intellettuale, 
>> ma qui finisce la similitudine, hanno scopi, formalità e metodi di 
>> tutela affatto diversi.
>
> Parlavo del marchio "as it is", non del marchio registrato.
> Il marchio in sé è un'opera dell'ingegno e dunque protetta dal copyright.

Il marchio non è mai un'opera dell'ingegno è un segno distintivo, sono i 
segni (grafici o verbali) che lo costituiscono che possono essere 
oggetto di tutela autoriale, ma restano due cose distinte.

> Se lo registri, le due forme di tutela si sommano.

Le due tutele si esercitano sullo stesso oggetto, ma restano distinte, 
sia per scopi che per formalità. che per tipologia di tutela.

> CC non avrebbe mai potuto registrare un marchio non originale, ossia 
> coperto da diritti d'autore altrui: a dimostrazione dell'efficacia del 
> copyright.

Il diritto d'autore nasce per tutelare solo l'autore, non i terzi.
Pertanto nulla impedisce che io crei un marchio molto simile, atto ad 
ingenerare confusione, e che lo sfrutti proprio per ingenerare confusione.





Maggiori informazioni sulla lista cc-it