[Cc-it] Una domanda e una puntualizzazione.

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Lun 19 Lug 2004 08:23:57 EDT


creatives a attivista.com wrote:

> Chiedo: devo cancellare la frase
> "Creative Commons.it fa parte del progetto International Commons." 
> dall'homepage?
> (Appunto perchè molti hanno espresso il dubbio)

Come ho già scritto IMHO credo che sarebbe opportuno, dato che (sempre 
IMHO) il progetto International Commons è destinato solo alla 
localizzazione della CCPL.

> Segnalo il mio messaggio successivo al cambiamento dell'homepage 
> stessa, chiedevo esplicitamente che si riscrivesse l'homepage attuale 
> (la definivo impresentabile, forse esagerando)
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-June/000585.html
> (nessuno ha mai risposto e ovviamente si è lasciato cadere)
> Il problema non sarebbe comunque sorto se prima della pubblicazione 
> sull'homepage si fosse presentato il tutto in lista.
> Inoltre: Il problema non sarebbe sorto o sarebbe stato risolto subito 
> se qualcuno avesse riposto a quel messaggio.

Hai perfettamente ragione, il problema è che a volte per mancanza di 
tempo qualche messaggio scappa, o viene letto con superficialità e 
lasciato senza risposta. Mea culpa in primis, dato che leggo rapidamente 
i messaggi che riguardano argomenti tecnici.
Ma ultimamente mi sembra di vedere un'interazione crescente all'interno 
della lista e tra la lista stessa e le PI.

> Forse Lorenzo è stato precipitoso, e con questo non voglio certo 
> dissociarmi dal suo lavoro che apprezzo, a parte qualche dettaglio che 
> non condivido (ma è normale), però invito Lorenzo a farsi molti 
> scrupoli d'oggi in poi, anche sulla sezione news e anche se il sito è 
> "under construction".
> Tale invito è esteso a tutti coloro che hanno un account sulla sezione 
> news stessa.

Sono perfettamente d'accordo, la cautela è fondamentale quando si 
gestisce un sito che attiene, anche solo latamente, a questioni giuridiche.

> Voglio aggiungere inoltre una nota alla risposta che ho dato a Gilardi 
> avantieri
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-July/000713.html
> Gilardi scrive:
> [...]Quello che non capisco è perché non si sia dato mandato alle PI 
> di occuparsi della cosa, dato che loro si erano esplicitamente offerti 
> di farlo ("Se la lista e' d'accordo, possiamo contattare Creative 
> Commons per iniziare ad esplorare l'opzione 2 -ovvero la realizzazione 
> di un sito che sfruttasse logo e logotipo registrati da Creative 
> Commons-"), ciò non avrebbe reso tutto più semplice? E non avrebbe 
> anche facilitato il coinvolgimento delle Partner Institutions nel 
> sito?[...]
> Danilo Moi risponde:
> Rispondevo al messaggio di  Ricolfi il 17 Aprile con questo messaggio.
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-April/000284.html
> Ci tengo che Gilardi lo legga perchè potrà notare che nessuno ha 
> "impedito alle PI di occuparsi del problema". (come se fosse poi in 
> mio potere farlo)
> Inoltre Gilardi noterà che in quell'email esprimo le stesse posizioni 
> che ho sempre assunto, mi soffermo in particolare sulla necessità 
> della supervisione da parte delle PI dei contenuti:

Avevo letto il tuo messaggio e anche quello successivo di Milo Cutty, ma 
credo che in quel preciso momento non fosse stato compreso il senso del 
messaggio del Project Lead Ricolfi.
IMHO era quello di offrirsi di intercedere per ottenere una 
autorizzazione formale all'uso dei marchi registrati da Creative Commons 
per la realizzazione del sito, autorizzazione simile a quella ottenuta 
dalle PI per il porting della licenza CCPL.
Quello che non ho capito è perché dopo la tua risposta affermativa e 
quella di Milo Cutty non si sono portati avanti i contatti con le PI.

> [...]
> le partner institutions porrebbero un "veto" alla pubblicazione se i 
> contenuti dovessero essere inequivocabilmente riconosciuti come 
> incompatibili con le creative commons o risultassero
> "dannosi" sia per le creative commons che per le partner institutions 
> stesse[..]
> (soluzione che ho sempre auspicato, soluzione che mi pare comunque 
> improbabile considerati gli impegni delle PI evidenziati da Ricolfi
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-July/000714.html)

In effetti le persone fisiche che sono entrate a far parte del progetto 
in veste di Partner Institutions sono oberate di lavoro, questo era già 
stato evidenziato da loro stesse nella riunione del 30/6, alla quale ho 
partecipato.
Credo, come ha scritto il Project Lead Ricolfi, che la riunione del 20/7 
sia il luogo migliore per discutere di tutte queste cose vis à vis.

> Nota: con questo non sto polemizzando con Gilardi.

Non c'è dubbio, magari tutte le polemiche fossero così... :-) anzi ti 
ringrazio per i chiarimenti.

> Poichè il suo ingresso in lista è successivo a tanti eventi potrebbe 
> avere una visione parziale di tutto il processo.
> Un saluto
> Danilo Moi 

Un saluto

-Alberto Gilardi-





Maggiori informazioni sulla lista cc-it