[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Lun 19 Lug 2004 08:14:49 EDT



Ado Pieretti ha scritto:

>>>  Perché una licenza "all  rights reserved" sarebbe contraria agli   
>>> scopi  sociali, se un marchio registrato  non  lo è? :-D 
>>
>> I motivi te  li ho gia` spiegati.   Naturalmente  si tratta della  
>> mia opinione,  che pero`  mi ha pare  coerente con  il resto 
>> dell'impianto generale su cui ho strutturato le mie (le nostre) 
>> attivita`.
>
> Mi hai spiegato che una licenza "all rights reserved" sarebbe 
> contraria agli scopi sociali, non mi hai spiegato perché registrare un 
> marchio non lo è. Se si trattasse dell'unico modo per tutelarsi, 
> condividerei la scelta (perché sarebbe una scelta obbligata), ma 
> siccome, *se non ci sono intenti commerciali* (e in CC non dovrebbero 
> essercene) e se c'è *sufficiente notorietà* (e CC è sufficientemente 
> nota), si può utilizzare il semplice diritto d'autore... ripeto: 
> Stallman del "copyleft" non ne ha fatto un marchio registrato (la 
> stessa cosa non può dirsi di "open source": evidentemente sono due 
> "filosofie" diverse).

Registrare un marchio è fondamentale per difendere il buon nome e la 
reputazione di qualcosa.
I marchi sono 'segni distintivi, proprio perché servono a distinguere 
qualcosa dall'insieme di tutto il resto.
Se CC non fosse marchio registrato, io potrei fare qualcosa di 
assolutamente contrario alla filosofia CC e etichettarlo CC, infangando 
il buon nome del progetto.

>> Ti faccio notare,  tra  l'altro, che  in CC esistono  gia` delle 
>> opere dell'ingegno che non  puoi  modificare: le licenze.  Questo  
>> significa che CC o FSF (non  si puo` modificare nemmeno il  testo 
>> della GNU GPL) promuovono cultura proprietaria?
>
> Anche il copyleft è basato sul copyright: e non è certo fonte di 
> cultura proprietaria. E' proprio utilizzando *in un certo modo* il 
> copyright che è possibile promuovere la cultura non proprietaria.
> Le licenze, infatti, dicono: "the work is protected by copyright": si 
> tratta del diritto d'autore, utilizzato *in un certo modo* (anche 
> quando applichi la GPL scrivi "copyright" accanto al tuo nome).
> Il fatto è che noi stavamo parlando del marchio registrato, che è cosa 
> ben diversa dal diritto d'autore  :-)
> Comunque sia chiaro: il trarre qualche beneficio economico da 
> un'attività non è sinonimo di cultura proprietaria, anzi, una licenza 
> non è libera (secondo Gnu) se ha una clausola "senza fini di lucro".
> La mia è solo una curiosità: in pratica, vorrei sapere se esistono 
> magliette CC a cui è attaccato un prezzo. :-D Tutto qui.
> Così mi spiegherei l'utilità del marchio registrato.

L'utilità del marchio va al di là del merchandising :-)

>> altri in cui non lo  ha, specie in un momento  in cui bisogna  
>> lottare contro delle controparti che vogliono distruggerti.
>
> Ci sono degli  ambiti in cui lasciare  liberta` di modifica  ha senso,
>
> Se posso distruggere "i cattivi" utilizzando le *mie* armi, preferisco.
> Nella fattispecie, preferisco lottare "sguainando" il copyright 
> anziché l'"ufficio marchi e brevetti".
>
>> Ribadisco  un'altra volta: non  sono un legale,  quindi non  so in 
>> che modo e  se un  marchio possa  essere tutelato  dalla 
>> legislazione  sul copyright meglio o peggio che dalla legislazione 
>> sui marchi.
>
> Fidati di me allora. :-) Si può. Devi considerare un marchio niente 
> altro che quello che è: un'opera dell'ingegno. Se un pittore famoso 
> avesse dipinto due "c" in un cerchio, adesso CC avrebbe un altro logo. 
> :-)

Non capisco il senso della tua affermazione: marchio e diritto d'autore 
sono entrambe forme di tutela della proprietà intellettuale, ma qui 
finisce la similitudine, hanno scopi, formalità e metodi di tutela 
affatto diversi.

>> essere  interessante  leggerlo.  In realta`  i  principi  di base 
>> sono noti, e la  legislazione  statunitense e` sufficientemente 
>> diversa  da quella  italiana   che  leggere lo  statuto  di   CC.org  
>> non  mi pare particolarmente interessante *per costruire 
>> l'associazione italiana*.
>
> Non  lo so,  ma sono  d'accordo che potrebbe  (sottolineo il potrebbe)
>
> Non credo che la legislazione americana permetta ad una associazione 
> che in uno statuto si dichiara no-profit, di esercitare qualche 
> attività commerciale (anche minima): è quell'aspetto lì che trovo 
> interessante... anche *per costruire l'associazione italiana* (*se* 
> deve essere costruita sul modello di quella americana).

>> marchio AGNULA senza pagare alcunche`, basta che rispetti i termini 
>> di utilizzo (in sintesi, deve trattarsi di  progetti di Software 
>> Libero).
>> Per quanto  riguarda il marchio  CC, vedo  una liberta`  d'uso  
>> ancora maggiore.
>
> Per piacere, leggiti  i link che  posto.  Chiunque  puo` utilizzare il
>
> Siccome non vuoi andare off-topic, non parliamo di AGNULA o di altro.
> Restiamo su CC: "Except for the limited purpose of indicating to the 
> public that the Work is licensed under the CCPL, neither party will 
> use the trademark "Creative Commons" or any related trademark or logo 
> of Creative Commons without the prior written consent of Creative 
> Commons".
> Io tutta questa libertà d'uso non la vedo. :-)
> E non mi spiego la registrazione del marchio se non sono state 
> preventivate delle possibili attività commerciali.

Come ho detto tutela del nome. E' la prima finalità del marchio.

>>   a trademark of so-and-so.  *The GNU  Project has no objection to 
>> the   basic   idea of trademarks,*  but   these acknowledgements feel 
>> like   kowtowing, and there  is no legal  requirement for them, so we 
>> don't  use them."
>
>   Trademark acknowledgements are the  statements that such-and-such is
>
> Siamo fuori tema: si sta parlando di CC, che come sai, ad esempio, non 
> rispetta quella "regola di libertà by Gnu" rappresentata dalla 
> impossibilità di inserire una clausola "senza fini di lucro" in una 
> licenza d'uso. CC ha una filosofia un po' diversa da Gnu... anche un 
> campo di attività diverso... il suo, come ho già detto altrove, non è 
> un Copyleft ma un "CCopyleft". Comunque non si tratta di avere 
> qualcosa in contrario contro l'idea *base* del marchio registrato 
> (nemmeno io ce l'ho), si tratta di *fare propria* o *non fare propria* 
> questa idea (da quanto mi riporti, non mi sembra affatto che Gnu la 
> faccia propria).
>
> Ciao, Ado.
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> .
>





Maggiori informazioni sulla lista cc-it