[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Lun 19 Lug 2004 05:59:45 EDT


>>>>> "Ado" == Ado Pieretti <cc a copyzero.org> writes:

    >> > Perché una licenza "all rights reserved" sarebbe contraria
    >> agli > scopi sociali, se un marchio registrato non lo è? :-D
    >> 
    >> I motivi te li ho gia` spiegati.  Naturalmente si tratta della
    >> mia opinione, che pero` mi ha pare coerente con il resto
    >> dell'impianto generale su cui ho strutturato le mie (le nostre)
    >> attivita`.

    > Mi hai spiegato che una licenza "all rights reserved" sarebbe
    > contraria agli scopi sociali, non mi hai spiegato perché
    > registrare un marchio non lo è. 

Avevo capito che la domanda si riferisse alle licenze e non ai marchi.
Tra  l'altro penso di aver  risposto anche sui marchi:  per me, e` una
questione di strategia d'immagine.

    >  Se si trattasse dell'unico  modo per tutelarsi, condividerei la
    >  scelta (perché sarebbe una  scelta  obbligata), ma siccome, *se
    > non ci  sono   intenti commerciali* (e   in CC  non   dovrebbero
    >   essercene)   e  se  c'è    *sufficiente  notorietà*  (e   CC è
    >  sufficientemente nota),  si può utilizzare  il semplice diritto
    > d'autore...  ripeto: Stallman del  "copyleft" non ne ha fatto un
    > marchio   registrato  (la stessa  cosa  non  può dirsi  di "open
    > source": evidentemente sono due "filosofie" diverse).

Pero` FSFE ha  fatto di AGNULA un marchio  registrato.  Come mai?   Mi
pare evidente che le scelte non siano  cosi` obbligate o nette come tu
sembri porle.

    >> Ti faccio notare, tra l'altro, che in CC esistono gia` delle
    >> opere dell'ingegno che non puoi modificare: le licenze.  Questo
    >> significa che CC o FSF (non si puo` modificare nemmeno il testo
    >> della GNU GPL) promuovono cultura proprietaria?

    > Anche il copyleft è basato sul copyright: e non è certo fonte di
    > cultura proprietaria. E' proprio utilizzando *in un certo modo*
    > il copyright che è possibile promuovere la cultura non
    > proprietaria.  

Personalmente credo che  utilizzando  in un certo modo  qualsiasi cosa
(persino i sistemi in stile TCPA) sia possibile promuovere cultura non
proprietaria.  I marchi non fanno eccezione, per quel che mi riguarda.

    > Le   licenze,  infatti, dicono:   "the    work is  protected  by
    > copyright": si tratta  del diritto  d'autore, utilizzato *in  un
    > certo  modo* (anche quando   applichi la GPL  scrivi "copyright"
    > accanto al  tuo nome).  Il fatto è  che noi stavamo parlando del
    > marchio registrato, che è cosa ben  diversa dal diritto d'autore
    > :-)

Se non  erro  sei stato tu   ad introdurre il discorso del  copyright,
parlando delle licenze   "all  rights   reserved" (io ho     presunto,
probabilmente sbagliando, che tu ti riferissi alle licenze relative ai
diritti d'autore).

    > Comunque sia chiaro: il trarre qualche beneficio economico da
    > un'attività non è sinonimo di cultura proprietaria, anzi, una
    > licenza non è libera (secondo Gnu) se ha una clausola "senza
    > fini di lucro".  La mia è solo una curiosità: in pratica, vorrei
    > sapere se esistono magliette CC a cui è attaccato un prezzo. :-D
    > Tutto qui.  Così mi spiegherei l'utilità del marchio registrato.

Non lo so - ma comprendo la tua obiezione.  Probabilmente la questione
va discussa con CC, perche` la formulazione del marchio, ora come ora,
e` probabilmente troppo restrittiva.

    > Se posso   distruggere "i cattivi"  utilizzando le   *mie* armi,
    > preferisco.  Nella fattispecie, preferisco lottare  "sguainando"
    > il copyright anziché l'"ufficio marchi e brevetti".

Francamente  non colgo  la  differenza, ma   rispetto il tuo  punto di
vista.

    >> Ribadisco un'altra volta: non sono un legale, quindi non so in
    >> che modo e se un marchio possa essere tutelato dalla
    >> legislazione sul copyright meglio o peggio che dalla
    >> legislazione sui marchi.

    > Fidati  di me allora.  :-) Si può.   Devi considerare un marchio
    > niente  altro che quello  che è:   un'opera dell'ingegno. Se  un
    > pittore famoso avesse dipinto due  "c" in un cerchio, adesso  CC
    > avrebbe un altro logo. :-)

Scusa, lo dico senza  nessunissima  offesa, ma qualche mail   addietro
sostenevi di  non essere un  legale - quindi, a meno  che non mi porti
dei riferimenti piu` precisi, non  mi "fido" di  te piu` di quanto  mi
fidi di me stesso.

A scanso di equivoci,  ribadisco che non  c'e` nulla di personale - ma
nelle discussioni sono abituato a ragionare sui fatti oggettivi.

    >> Non lo so, ma sono d'accordo che potrebbe (sottolineo il
    >> potrebbe) essere interessante leggerlo.  In realta` i principi
    >> di base sono noti, e la legislazione statunitense e`
    >> sufficientemente diversa da quella italiana che leggere lo
    >> statuto di CC.org non mi pare particolarmente interessante *per
    >> costruire l'associazione italiana*.

    > Non    credo che la   legislazione  americana   permetta ad  una
    > associazione  che in uno     statuto si dichiara   no-profit, di
    > esercitare  qualche    attività  commerciale  (anche  minima): è
    > quell'aspetto lì che trovo  interessante... anche *per costruire
    > l'associazione italiana* (*se* deve essere costruita sul modello
    > di quella americana).

Si`, lo permette per alcune fattispecie e a seconda della quantita` di
denaro movimentato.  Non ho  mai approfondito perche` non mi interessa
creare un'associazione negli States,  ma all'epoca discutei della cosa
con dei  musicisti  statunitensi  -  poi  dirottammo  il tutto   sulle
associazioni culturali italiane, last  not least perche` qui in Italia
posso far riferimento  a  dei  legali che lavorano  per  MIU-FT  e  mi
possono aiutare in questo senso.

    > Siccome non vuoi andare off-topic, non parliamo di AGNULA o di
    > altro.  Restiamo su CC: "Except for the limited purpose of
    > indicating to the public that the Work is licensed under the
    > CCPL, neither party will use the trademark "Creative Commons" or
    > any related trademark or logo of Creative Commons without the
    > prior written consent of Creative Commons".  Io tutta questa
    > libertà d'uso non la vedo. :-) 

Hai ragione.   Ma  cio` non  autorizza a   pensare che l'utilizzo  del
marchio sia dovuto  alla  volonta`  di far soldi    (come non e`   per
AGNULA).

    > E non mi spiego la  registrazione del marchio  se non sono state
    > preventivate delle possibili attività commerciali.

Credo che la cosa migliore sia chiedere  direttamente a CC.  In genere
sono piuttosto aperti a questo tipo di domande.   

    >> Trademark acknowledgements are the statements that
    >> such-and-such is a trademark of so-and-so.  *The GNU Project
    >> has no objection to the basic idea of trademarks,* but these
    >> acknowledgements feel like kowtowing, and there is no legal
    >> requirement for them, so we don't use them."

    > Siamo  fuori  tema: 

Tu  hai parlato di   Stallman, io ho   riportato quanto scritto  negli
standard del progetto GNU.

    > Comunque  non si tratta  di  avere qualcosa in contrario  contro
    >  l'idea *base* del marchio registrato  (nemmeno  io ce l'ho), si
    >  tratta di *fare propria* o  *non  fare propria* questa idea (da
    >  quanto mi  riporti, non  mi sembra  affatto che  Gnu  la faccia
    > propria).

Forse dobbiamo intenderci su cosa significhi "far propria un'idea", ma
credo che inizieremmo un discorso sulla metafisica dell'azione che non
mi interessa iniziare.

Ribadisco solo una cosa:  FSFE, che e`  in  Europa il  *referente* del
progetto GNU,  ha  registrato il   marchio "AGNULA";  pur non  essendo
(ancora) formalmente  parte del progetto  GNU, AGNULA ha quel nome con
quella `GNU' in mezzo  per un motivo, cosi`  come c'e` un motivo se la
FSFE ha partecipato  al progetto come   partner ufficiale dal  2002 al
2004.  Aggiungo che la decisione di registrare il marchio e` venuta da
FSFE,  e che  plausibilmente FSFE  registrera` marchi  simili per ogni
progetto europeo al quale partecipera`  (cosi` faremo noi, altrettanto
plausibilmente).  Se questo non significa "far propria" un'idea, forse
dobbiamo intenderci sui termini.

Non mi interessa parlare  di AGNULA, ma  io sto portando dei fatti: la
politica di FSF(E) relativamente ai marchi non e` di rifiuto, anzi.  A
maggior ragione mi pare lecito che lo  faccia CC (che ha una posizione
differente da FSF(E) su varie questioni).

Cio` detto, credo che sia corretto chiedere a CC  circa la politica di
utilizzo  del  marchio (o  dei marchi), cosi`    come penso sia lecito
decidere di  non utilizzare  lo  strumento "marchio"  allo stesso modo
nelle attivita` personali e/o  dell'associazione che  eventualmente si
andra` a formare.

Tutto   questo,   ritengo, potra`  essere  deciso   dai  soci medesimi
dell'associazione,  secondo  i criteri  che   verranno indicati  dallo
statuto.

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it