[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Lun 19 Lug 2004 02:39:12 EDT


>>>>> "Ado" == Ado Pieretti <cc a copyzero.org> writes:

    >> Rispondo anche se dal sorriso presumo si tratti di una battuta
    >> - no, non credo proprio.  In realta` non so quale sia lo stato
    >> legale di CC.org e se - ipotizzandone l'esistenza - lo statuto
    >> di CC.org preveda l'impossibilita` di "dirottamento" degli
    >> scopi sociali dell'organizzazione.

    > Perché una licenza "all  rights reserved" sarebbe contraria agli
    > scopi  sociali, se un marchio registrato  non  lo è? :-D 

I motivi te  li ho gia` spiegati.   Naturalmente  si tratta della  mia
opinione,  che pero`  mi ha pare  coerente con  il resto dell'impianto
generale su cui ho strutturato le mie (le nostre) attivita`.

Ti faccio notare,  tra  l'altro, che  in CC esistono  gia` delle opere
dell'ingegno che non  puoi  modificare: le licenze.  Questo  significa
che CC o FSF (non  si puo` modificare nemmeno il  testo della GNU GPL)
promuovono cultura proprietaria?

Ci sono degli  ambiti in cui lasciare  liberta` di modifica  ha senso,
altri in cui non lo  ha, specie in un momento  in cui bisogna  lottare
contro delle controparti che vogliono distruggerti.

    > Se  CC è  un'associazione  no-profit  (lo è?),  i  proventi  del
    > marchio registrato  che fine fanno? :-) Se  per  statuto CC *non
    > deve* esercitare alcuna  attività  commerciale, che vantaggi  in
    > più può  trarre,  dall'uso del  marchio registrato,   rispetto a
    > quelli che può offrirgli il diritto d'autore?

Ribadisco  un'altra volta: non  sono un legale,  quindi non  so in che
modo e  se un  marchio possa  essere tutelato  dalla legislazione  sul
copyright meglio o peggio che dalla legislazione sui marchi.

    > A proposito: dov'è lo statuto di CC? Qualcuno l'ha mai letto?
    > Per l'eventuale costituzione dell'associazione cc.ita, credo che
    > potrebbe essere di qualche utilità...

Non  lo so,  ma sono  d'accordo che potrebbe  (sottolineo il potrebbe)
essere  interessante  leggerlo.  In realta`  i  principi  di base sono
noti, e la  legislazione  statunitense e` sufficientemente diversa  da
quella  italiana   che  leggere lo  statuto  di   CC.org  non  mi pare
particolarmente interessante *per costruire l'associazione italiana*.

    >> Per fare un esempio pratico in un altro campo, tutti i
    >> contratti di lavoro di MIU-FT prevedono esplicitamene
    >> l'*obbligo* di rilasciare i programmi per elaboratore con una
    >> licenza ritenuta "libera" secondo i criteri di FSF e tutto cio`
    >> che non e` programma per elaboratore con una licenza che
    >> salvaguardi *almeno* la possibilita` di copiare e ridistribuire
    >> liberamente l'opera, a scopi non di lucro.  Chi lavora per
    >> MIU-FT non puo`, anche volendo, "dirottare" l'operato di
    >> MIU-FT.

    > Ma se lo scopo deve essere non di lucro,  sarà ben difficile che
    > l'autore  dell'opera  "Superbubba"  possa registrare il  marchio
    > "Superbubba" e beccarsi i relativi proventi. O può farlo? :-?

Non ho capito questa frase, e non mi interessa continuare a discutere
di MIU-FT (sarebbe off topic qui) che ho citato solo come esempio di
"imposizione della liberta`".

    >> Continuo a pensare che l'utilizzo dei marchi, se volto a
    >> tutelare l'immagine di un'associazione o di un progetto come
    >> CC, AGNULA o simili, sia piu` che ragionevole - i benefici sono
    >> maggiori delle controindicazioni (che francamente non riesco a
    >> vedere).

    > Verissimo, benefici soprattutto economici.

Per piacere, leggiti  i link che  posto.  Chiunque  puo` utilizzare il
marchio AGNULA senza pagare alcunche`, basta che rispetti i termini di
utilizzo (in sintesi, deve trattarsi di  progetti di Software Libero).
Per quanto  riguarda il marchio  CC, vedo  una liberta`  d'uso  ancora
maggiore.

    > Il tuo paragone sarebbe perfetto se Stallman avesse registrato
    > il marchio "Copyleft". :-) Ma per evidenti ragioni di coerenza
    > (e contro ogni principio di profitto), si è ben guardato dal
    > farlo: credo che sia per questo che si è messo l'aureola in
    > testa! :-D

http://www.gnu.org/prep/standards_5.html

  "Please do not   include  any  trademark acknowledgements   in   GNU
  software packages or documentation.

  Trademark acknowledgements are the  statements that such-and-such is
  a trademark of so-and-so.  *The GNU  Project has no objection to the
  basic   idea of trademarks,*  but   these acknowledgements feel like
  kowtowing, and there  is no legal  requirement for them, so we don't
  use them."

(nota la parte evidenziata)

Inoltre *risottolineo* che il marchio AGNULA e` registrato dalla FSFE,
che e` un'associazione  "sorella" di FSF-US  - ti posso assicurare che
se  FSF (che e`  ben informata  del  progetto AGNULA, nella persona di
Eben Moglen) non   fosse stata d'accordo  con la  faccenda, si sarebbe
espressa vigorosamente.

Per ulteriori  discussioni su AGNULA    o sui marchi,  che non   siano
direttamente rilevanti per CC, prego tutti di  scrivermi off-list o di
parlare su users a lists.agnula.org  (lista in  inglese),  dato che  qui
siamo off topic.

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it