[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Dom 18 Lug 2004 16:39:55 EDT


> Rispondo anche se dal sorriso  presumo si tratti  di una battuta - no,
> non  credo proprio.  In realta`  non so quale sia   lo stato legale di
> CC.org e se - ipotizzandone l'esistenza - lo statuto di CC.org preveda
> l'impossibilita`     di     "dirottamento" degli        scopi  sociali
> dell'organizzazione.

Perché una licenza "all rights reserved" sarebbe contraria agli scopi 
sociali, se un marchio registrato non lo è? :-D
Se CC è un'associazione no-profit (lo è?), i proventi del marchio registrato 
che fine fanno? :-) Se per statuto CC *non deve* esercitare alcuna attività 
commerciale, che vantaggi in più può trarre, dall'uso del marchio 
registrato, rispetto a quelli che può offrirgli il diritto d'autore?
A proposito: dov'è lo statuto di CC? Qualcuno l'ha mai letto?
Per l'eventuale costituzione dell'associazione cc.ita, credo che potrebbe 
essere di qualche utilità... 


> Per fare un esempio  pratico in un altro campo,  tutti i  contratti di
> lavoro  di MIU-FT prevedono esplicitamene  l'*obbligo* di rilasciare i
> programmi per elaboratore con una  licenza ritenuta "libera" secondo i
> criteri di FSF e  tutto cio` che  non e` programma per elaboratore con
> una  licenza  che salvaguardi  *almeno* la  possibilita` di  copiare e
> ridistribuire liberamente  l'opera, a scopi  non di lucro.  Chi lavora
> per MIU-FT non puo`, anche volendo, "dirottare" l'operato di MIU-FT.

Ma se lo scopo deve essere non di lucro, sarà ben difficile che l'autore 
dell'opera "Superbubba" possa registrare il marchio "Superbubba" e beccarsi 
i relativi proventi. O può farlo? :-? 


> Non sono un legale,  quindi non mi  addentro nella problematica se sia
> possibile utilizzare il  diritto  d'autore per  tutelare  un marchio e
> viceversa.   

Un marchio è pur sempre un'opera dell'ingegno. 


> Continuo a pensare che  l'utilizzo dei marchi, se volto a
> tutelare  l'immagine di un'associazione  o  di  un progetto come   CC,
> AGNULA o  simili, sia piu` che ragionevole  - i benefici sono maggiori
> delle controindicazioni (che francamente non riesco a vedere).

Verissimo, benefici soprattutto economici. 


> Non capisco.

I marchi registrati, ad esempio, si possono "affittare" (pensa alla 
Coca-Cola): è un bell'affare, soprattutto se gestito a livelli 
internazionali. 

 

>     > La *battuta* nasceva dal fatto che CC invita le persone ad
>     > affidarsi al "CCopyleft", ma per tutelare se stessa si è
>     > affidata all'"ufficio marchi e brevetti". :-D 
> 
> Non vedo il problema -  quando io rilascio  un programma sotto licenza
> GNU GPL o  altra licenza libera e  qualcuno viola tale licenza,  io mi
> affido   allo  stesso  sistema  giuridico   che    tutela la   cultura
> proprietaria.
> E` questo il  vero  colpo di  genio di  Richard Stallman e  della Free
> Software Foundation  - Lawrence Lessig,  per sua stessa ammissione, si
> e` richiamato  a questo  metodo di "usare   il sistema per colpire  il
> sistema" nell'elaborare i principi di base di CC.

Il tuo paragone sarebbe perfetto se Stallman avesse registrato il marchio 
"Copyleft". :-) Ma per evidenti ragioni di coerenza (e contro ogni principio 
di profitto), si è ben guardato dal farlo: credo che sia per questo che si è 
messo l'aureola in testa! :-D 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it