[Cc-it] Re: Utilizzo del marchio Creative Commons

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Dom 18 Lug 2004 15:50:59 EDT


>>>>> "Ado" == Ado Pieretti <cc a copyzero.org> writes:

    >> Non sono riuscito a trovare loghi di CC (sito cc.org a parte)
    >> dopo una rapida ricerca.  Se ne trovi, possiamo verifica quanti
    >> di questi rispettano i termini di utilizzo.

    > Se fai una ricerca per immagini su Google, trovi diversi
    > loghi...  Esempio di logo in regola:
    > http://www.opensourcetext.org/links.htm Esempio di logo non in
    > regola: http://www.smau.it/smau/view_NO.php?IDcontent=14693

Non mi stupisce che SMAU non sia in regola.

    >> Perche` CC non sostiene il pubblico dominio "tout court", o
    >> l'assenza di regolamentazione in materia di "proprieta`
    >> intellettuale" (perdonate il termine).

    > Quindi potremmo aspettarci da CC *anche* una licenza "all rights
    > reserved"? :-D

Rispondo anche se dal sorriso  presumo si tratti  di una battuta - no,
non  credo proprio.  In realta`  non so quale sia   lo stato legale di
CC.org e se - ipotizzandone l'esistenza - lo statuto di CC.org preveda
l'impossibilita`     di     "dirottamento" degli        scopi  sociali
dell'organizzazione.

Per fare un esempio  pratico in un altro campo,  tutti i  contratti di
lavoro  di MIU-FT prevedono esplicitamene  l'*obbligo* di rilasciare i
programmi per elaboratore con una  licenza ritenuta "libera" secondo i
criteri di FSF e  tutto cio` che  non e` programma per elaboratore con
una  licenza  che salvaguardi  *almeno* la  possibilita` di  copiare e
ridistribuire liberamente  l'opera, a scopi  non di lucro.  Chi lavora
per MIU-FT non puo`, anche volendo, "dirottare" l'operato di MIU-FT.

    >> Inoltre, per progetti come CC, il valore di "immagine" e`
    >> elevatissimo, e in tal senso e` ragionevole tutelarlo con un
    >> marchio.

    > Sarebbe stato   ragionevole  anche  tutelarlo  con  il  semplice
    > diritto  d'autore: il logo di CC   ben noto  e nessuno potrebbe
    > depositare un marchio  simile, n utilizzarlo  senza il permesso
    > di CC.  

Non sono un legale,  quindi non mi  addentro nella problematica se sia
possibile utilizzare il  diritto  d'autore per  tutelare  un marchio e
viceversa.   Continuo a pensare che  l'utilizzo dei marchi, se volto a
tutelare  l'immagine di un'associazione  o  di  un progetto come   CC,
AGNULA o  simili, sia piu` che ragionevole  - i benefici sono maggiori
delle controindicazioni (che francamente non riesco a vedere).

    >  Pi  che  di questioni di   "immagine"  direi che  si tratta di
    > questioni "economiche". ;-)

Non capisco.

    > La *battuta* nasceva dal fatto che CC invita le persone ad
    > affidarsi al "CCopyleft", ma per tutelare se stessa si 
    > affidata all'"ufficio marchi e brevetti". :-D

Non vedo il problema -  quando io rilascio  un programma sotto licenza
GNU GPL o  altra licenza libera e  qualcuno viola tale licenza,  io mi
affido   allo  stesso  sistema  giuridico   che    tutela la   cultura
proprietaria.

E` questo il  vero  colpo di  genio di  Richard Stallman e  della Free
Software Foundation  - Lawrence Lessig,  per sua stessa ammissione, si
e` richiamato  a questo  metodo di "usare   il sistema per colpire  il
sistema" nell'elaborare i principi di base di CC.

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit



Maggiori informazioni sulla lista cc-it