[Cc-it] probemi legali? Allora risolviamoli tutti.

MentalRay mentalray a tin.it
Dom 18 Lug 2004 13:59:40 EDT


>Possibile  possibile fare tutto, l'errore che non bisongna commettere  pensare che una forma legale (quale l'associazione per esempio) sia di per se in grado di risolvere i problemi.

non risolve tutti i problemi ma tutela in gran parte il lavoro svolto da piu' parti: una associazione inoltre puo' garantire una continuita' temporale degli obiettivi primari che uno o piu' singoli non necessariamente possono garantire: ammettiamo solo per ipotesi che per motivi personali qualsiasi chi ora coordina il progetto si allontani: che garanzia si ha che il progetto resti operativo e che possa crescere, evitando tra l'altro di sovraccaricare di lavoro e di responsabilita'  chi ora anima questo progetto?

Per questo motivo e per altri ritengo necessaria non solo la costituzione di una associazione che possa raccogliere semplici utenti come posso esser io oppure istituzioni come le universita' od altri soggetti che desiderano contribuire al progetto, ma che al suo interno si creino delle figure di riferimento che possano garantire fin da subito quella "trasparenza" e "ricambio" che tutti credo desiderino per la gestone e le scelte di sviluppo di questo progetto.

A prescindere dall'essere o meno costola diretta di cc-org (questione che si dirimera' a mio avviso solo con un confronto diretto tra cc-org e la posizione unitaria che riusciremo a concordare come "gruppo operativo") credo sia primario risolvere la questione associazione/movimento e questione dominio/marchio creative commons per il territorio italiano, in quanto, e mi dispiace ripetermi, il dispositivo di primo grado sull'attribuzione del dominio armani.it di fatto ha privilegiato la tutela di un marchio rispetto a tutte le regole di buon senso e di temporalita' che hanno retto fino ad ora le questioni legate alle dispute sui domini.
E questa e' una situazione a cui dobbiamo prestare massima attenzione.

Che si voglia o meno per la legge italiana dovremmo registrare e tutelare il marchio cc per il territorio italiano: anche perche' dubito che cc-org abbia tempo e risorse per intervenire eventualmente nel territorio italiano in caso di dispute o violazioni ed abusi vari.

Una soluzione a mio avviso pratica potrebbe essere accordarsi con cc.org per tutelare e valorizzare il marchio/progetto cc-org sul solo territorio italiano stipulando un accordo generico che garantisce entrambe le parti da eventuali "cambi di rotta" indesiderati o manipolazioni che devierebbero il progetto dai suoi scopi principali.

Ovviamente non puo' essere un solo singolo a farsi carico e ad essere garante di un simile accordo, ecco perche' personalmente ritengo strategica la costituzione di una associazione che si ponga come naturale "interlocutrice istituzionale".
 


gio

___________________________________________
"In quiete dopo la tempesta
 in quiete prima della battaglia
 in quiete all'apparenza per nascondere il tumulto
 in quiete in sostanza per poter roteare nel caos".

                                                  Giovanni Lindo Ferretti




Maggiori informazioni sulla lista cc-it