[Cc-it] Utilizzo del marchio Creative Commons

Andrea Glorioso sama a miu-ft.org
Dom 18 Lug 2004 13:01:05 EDT


>>>>> "Ado" == Ado Pieretti <cc a copyzero.org> writes:

    > Non sono  un legale  ma a  rigor di logica  non  dovrebbe essere
    > necessaria nessuna concessione per l'utilizzo del Corporate Logo
    > e  del  Logotype  di   CC,  così  come  non è  richiesta nessuna
    > concessione per l'utilizzo dei Creative Commons Public Copyright
    > License Marks.  L'unica  condizione richiesta per l'utilizzo del
    > Corporate Logo e del Logotype di CC è  che il marchio punti solo
    > ed esclusivamente alla homepage di creativecommons.org.

In  questo senso creativecommons.it  e` gia` chiaramente in violazione
della politica di concessione d'uso  del marchio (l'immagine del  logo
CC, infatti, non punta a http://www.creativecommons.org/).  Assumo che
l'aggiunta di .it  al logo CC  non cambi sostanzialmente la  faccenda;
non sono  pero` un  esperto  di  marchi, quindi  (piu` per  curiosita`
personale) mi piacerebbe sentire l'opinione di qualche specialista.

Il punto poi, a mio modo di vedere, e` piu` sottile.

Su  questa  lista   si  e`  creata  una   contrapposizione tra Partner
Institution e  "resto del mondo CC.it".   I motivi (che come sociologo
potrebbero pure interessarmi ma che come persona dal poco tempo libero
m'interessano molto meno) sono vari, alcuni giustificati, altri meno.

Ma  a me pare  che il concetto essenziale  che sfugge  e` che la lotta
(perche` di questo  si tratta,  e`  inutile nascondersi dietro ad   un
dito) non e`  tra PI e  "resto del mondo  CC.it", ma tra "mondo CC.it"
(che comprende *anche* le PI) e "resto del mondo" tout court.

E` plausibile che Creative Commons non si metterebbe a fare il diavolo
a quattro perche`, per  esempio, i termini  di utilizzo del logo  "CC"
non sono stati rispettati su http://www.creativecommons.it/.  

Pero` potete   stare sicuri che,  se  http://creativecommons.it/ fosse
qualcosa  di  appena appena  significativo  (lo dico senza  offesa per
nessuno, e` una semplice constatazione oggettiva), il mancato rispetto
di questi termini  di utilizzo del logo  verrebbero  *subito* presi da
qualche "cattivo" (che  so, RIAA,  MPAA,  SIAE, qualsiasi  azienda  di
software  proprietario,  qualche MEP  foraggiato da Vivendi-Universal,
etc, etc)  come  esempio di quanto   poco affidabile  sia  il progetto
Creative Commons, di   come sia assurdo  pensare di  poter affidare il
proprio "intellectual asset" a gente che non sa nemmeno far rispettare
i propri "asset" in casa, e via discorrendo.

Ovviamente si  tratterebbe  di critiche pretestuose  (in questo caso).
Ma come sappiamo, la  moglie di Cesare  dev'essere al di sopra di ogni
sospetto.

    > [CC]  potrebbe revocarla, a  suo insindacabile giudizio, anche a
    > CC.ita, ma   CC.ita non potrà  essere responsabile dell'utilizzo
    > fatto del logo sino a quel momento.

Per curiosita`, la mancanza di responsabilita` di CC.it (in questo
caso) da dove lo desumi?

Ciao,

--
Andrea Glorioso             sama a miu-ft.org         +39 333 820 5723
        .:: Media Innovation Unit - Firenze Tecnologia ::.
	      Conquering the world for fun and profit




Maggiori informazioni sulla lista cc-it