[Cc-it] Utilizzo del marchio Creative Commons

Ado Pieretti cc a copyzero.org
Dom 18 Lug 2004 12:05:25 EDT


Non sono un legale ma a rigor di logica non dovrebbe essere necessaria 
nessuna concessione per l'utilizzo del Corporate Logo e del Logotype di CC, 
così come non è richiesta nessuna concessione per l'utilizzo dei Creative 
Commons Public Copyright License Marks.
L'unica condizione richiesta per l'utilizzo del Corporate Logo e del 
Logotype di CC è che il marchio punti solo ed esclusivamente alla homepage 
di creativecommons.org.
Se occorresse una concessione per l'utilizzo del Corporate Logo e del 
Logotype di CC allora dovrebbe occorrere una concessione anche per 
l'utilizzo dei Creative Commons Public Copyright License Marks.
Licenziatario del logo è colui che utilizza il logo (c h i u n q u e), non 
chi ne richiede la concessione per l'utilizzo (non prevista): il 
licenziatario, per poter utilizzare il logo nel rispetto della relativa 
licenza d'uso (pubblicata alla pagina http://creativecommons.org/policies: 
tanto sono quelle 4 righe) deve assicurarsi che il marchio punti solo ed 
esclusivamente alla homepage di creativecommons.org.
E' chiaro che (come si evince dalla suddetta pagina) se il logo viene 
utilizzato (pur nel rispetto della condizione) in un contesto estraneo a CC, 
probabilmente CC revocherà la licenza... potrebbe revocarla, a suo 
insindacabile giudizio, anche a CC.ita, ma CC.ita non potrà essere 
responsabile dell'utilizzo fatto del logo sino a quel momento. 

Credo che non sia affatto opportuna la traduzione della pagina 
http://creativecommons.org/policies, in quanto si tratta di una licenza 
d'uso e dovrebbe provvedervi CC.org o persone da essa delegate a farlo:
anche perché credo che CC voglia utilizzare la legge USA per tutelare se 
stessa e non quella italiana. :-) Se pubblicate anche la traduzione, 
ricordatevi di specificare che non ha nessun valore legale (un po' come 
avviene per la traduzione della GPL).
Siate consapevoli anche del fatto che se, ad esempio, CC.org si sentisse 
calunniata dai contenuti di CC.ita, procedesse a querela ed effettivamente 
una responsabilità penale venisse confermata dal giudice, quest'ultima 
riguarderebbe una persona fisica e non un'eventuale associazione:
dunque, se anche decideste di formare un'associazione, ricordatevi che una 
"testa" serve sempre. :-) Se oggi accadesse qualcosa del genere, la "testa" 
sarebbe quella di Lorenzo De Tomasi (non me ne voglia) :-D... per una 
associazione, invece, risponde generalmente il presidente indicato nell'atto 
costitutivo (che anche per il codice civile è per così dire il 
rappresentante legale "di default"). 


Ciao, Ado. 


P.S.
Ah, già, il sito australiano: beh, o si sono fatti scrupoli inutili o CC.org 
gli ha revocato la licenza (sarebbe interessante capire perché).



Maggiori informazioni sulla lista cc-it