[Cc-it] probemi legali? Allora risolviamoli tutti.

tom montrellune a teatre.com
Dom 18 Lug 2004 11:13:39 EDT





<(batto sempre sul solito punto)
<La situazione del sito creativecommons.it  particolare.
<Il dominio  infatti registrato a nome di Lorenzo De Tomasi. 
<
<Ora: questa situazione per quest'anno non pu essere certo modificata. 
<
<La domanda  questa:
<In che maniera si pu metter su creativecommons.it, registrato appunto <nome 
<di Lorenzo de Tomasi, ma renderlo "organo" della lista di discussione? 
<(questa) 
Secondo me il fatto che  il dominio sia registrato a nome di un privato, il quale comunque non ne rivendica alcuna esclusiva, ma anzi Ŕ attivo nel progetto, se pu˛ rappresentare qualcosa di atipico, sicuramente non Ŕ un aspetto di particolare problematicitÓ. 
<
<E' possibile fare questo? 
<
<Oppure occorre creare un'associazione? 
Possibile Ŕ possibile fare tutto, l'errore che non bisongna commettere Ŕ pensare che una forma legale (quale l'associazione per esempio) sia di per se in grado di risolvere i problemi.
Certo la sua struttura pu˛ essere pi¨ funzionale rispetto a certi scopi, ma Ŕ fondamentale prima che si individuino tali scopi e i modi per raggiungerli.
Sto dicendo che prima di arrivare a questo punto Ŕ necessario saperre prima di tutto che soggetto siamo (la discussione che si Ŕ sviluppata fin'ora, con  l'intervento ultimo di Ricolfi), a questo punto sapremo che divisione Ŕ necessario creare -se Ŕ necessrio crarla- fra cc-it e cc-org/i-commons. Una volta stabilite le nostre  prerogative e i modi attraverso cui attuarle, allora si pu˛ convenire di creare un'associazione, se del caso.
Penso che sia fondamentale la risposta di Christiane alla mail che Danilo e Lorenzo hanno inviato, e in base a questa, valutare la disponibilitÓ delle PI a muoversi secondo l'ipotesi b) della mail di Ricolfi recentemete richiamata.



<Io continuo a battere sul solito punto: la situazione  "anomala" a <monte e 
<tantissimi disguidi possono/potrebbero derivare proprio da questo <aspetto. 
<
<Come ho sempre chiarito penso che il sito debba essere espressione <ALMENO di 
<questa lista (se fosse anche espressione delle PI sarebbe il massimo).
<Penso che formalizzare questo aspetto sia importante. (se dobbiamo <risolvere 
<i problemi legali risolviamoli a fondo e dal principio) 
<
Ripeto che pi¨ di un  problema legale si tratta di capire fino a che punto siamo cc-it progetto autonomo di diffusione di cc-org ma che non ha nessuna relazione ufficiale con esso, soprattutto per quanto riguarda le opinioni espresse e altre possibili responsabilitÓ, o se invece,  e in che misura- siamo un loro "organo".

Chiarito questo allora non sarÓ eccessivamente gravoso strutturare il progetto anche sotto aspetti "legali".
<Dico questo non solo perch penso sia opportuno "vincolare" il sito al 
<maggior numero di persone, proprio per evitare disguidi (l'abuso "di 
<potere", o l'arbitrio per dirla spicciola) ma perch penso occora <stabilire 
<per bene delle regole e delle modalit di pubblicazione affinch appunto <si 
<scongiuri del tutto la possibilit che su  creativecommons.it finiscano 
<contenuti SCADENTI o controproducenti. 
<
d'accordo
<Inoltre, per dirla ancora pi spicciola, penso sia opportuno tutelare <chi 
<lavora al sito stesso.
<(che gi non  retribuito...figuriamoci poi se....sorvolo) 
d'accordo pure su questo.
Penso che l'idea di pubblicare solo come notizia privata e attendere l'approvazione di almeno un'altra persona, possa essere un processo sufficientemente garantista e non ecessivamente gravoso.


<Un saluto 

Ciao
 
Tom

_____________________________________________________________
<---o0o--->
Aconsegueix el_teu_email a teatre.com gratu¤tament a http://teatre.com
 :-))-:



Maggiori informazioni sulla lista cc-it