[Cc-it] Re: Policy del sito italiano

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Ven 16 Lug 2004 16:02:39 EDT


creatives a attivista.com wrote:

>> Alberto Gilardi scrive:
>> E' un peccato che questo messaggio ci sia sfuggito in precedenza, perché
>> probabilmente se la ML avesse approfittato di questa disponibilità e
>> avesse chiesto alle PI di mediare la concessione di logo e logotipo, ora
>> non saremmo qui a discuterne, ma potremmo tutti (PI e ML) concentrare le
>> nostre energie verso il sito. 
>
> Danilo Moi risponde:
> A me non è certo sfuggito, sicuramente neanche ad altri.
> Spedimmo il messaggio a Christiane proprio perchè Ricolfi pose quelle 
> problematiche.
> Chiedemmo l'autorizzazione proprio perchè Ricolfi espose quei dubbi.

Quello che non capisco è perché non si sia dato mandato alle PI di 
occuparsi della cosa, dato che loro si erano esplicitamente offerti di 
farlo ("Se la lista e' d'accordo, possiamo contattare Creative Commons 
per iniziare ad esplorare l'opzione 2 -ovvero la realizzazione di un 
sito che sfruttasse logo e logotipo registrati da Creative Commons-"), 
ciò non avrebbe reso tutto più semplice? E non avrebbe anche facilitato 
il coinvolgimento delle Partner Institutions nel sito?

> Però penso occorra evidenziare le parole di Ricolfi del messaggio che 
> citi.
> [..]la proposta di creare un sito Creative Commons italiano -proposta 
> di cui discutiamo privatamente da molti mesi sia con De Tomasi sia con 
> altri- e' molto interessante e personalmente ci trova sostanzialmente 
> d'accordo, ma e' al di fuori del mandato di iCommons Italy.[...]
> Come vedi le PI non si occupano del sito, del sito se ne stanno 
> occupando alcuni membri della lista di discussione.
> (te compreso)

Io ho interpretato il messaggio del Project Lead Ricolfi non come un 
rifiuto a partecipare al sito, ma in un senso diverso e precisamente in 
questo: "Vorremmo partecipare al sito, ma non possiamo, dato che l'uso 
del logo e del marchio sono concessi da Creative Commons solo con uno 
specifico contratto scritto, e noi questo permesso scritto l'abbiamo 
ottenuto solo per la traduzione, non per il sito. Se la lista è 
d'accordo vorremmo chiederlo anche per il sito".

> Tali membri sono stati autorizzati tramite un'email da 
> creativecommons.org
> (la risposta al messaggio suddetto)
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-April/000293.html
>
>> Dear Lorenzo,
>> please start to work on the Italian website!
>> Thank you very much for your work,
>> all the best, Christiane 
>
> Questo non significa creare una contrapposizione sito-PI, nessuno 
> impedisce alle PI di partecipare attivamente al sito: se ciò accadesse 
> saremmo anzi a loro completa disposizione e la loro parola sarebbe 
> "legge" (tanto per stare in tema)

> Dico di più: auspico davvero che ciò accada affinchè si scongiuri del 
> tutto la possibilità che il sito "degeneri" creando più danni che 
> altro.(Questa è la mia paura, già dichiarata)
> Mi piacerebbe tanto che Ricolfi e Ciurcina e De Martin ci 
> consigliassero e ci guidassero, anche in maniera "informale".

Allora non dobbiamo far altro che contattare le Partner Institutions e 
chiedere loro quali consigli ci possono dare e se sono ancora disposti a 
fare da tramite per ottenere in concessione i marchi registrati da 
Creative Commons per il sito italiano, e se e a quali condizioni le PI 
sono disposte a partecipare nel sito http:\\www.creativecommons.it.

> Riguardo i logotipi.
> Abbiamo chiesto a Christiane: aspettiamo la risposta.

Ho letto la mail, un grazie a te e a Lorenzo per la vostra rapidità.

> Un saluto
> Danilo Moi

A presto

-Alberto Gilardi-




Maggiori informazioni sulla lista cc-it