[Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web

pinna pinna a autistici.org
Ven 16 Lug 2004 14:19:29 EDT


creatives a attivista.com, Fri, Jul 16, 2004 at 02:06:41PM +0200:
> pinna Scrive:
> nel nostro caso, le partner institution di iCommons Italy sono
> invece estranee a www.creativecommons.it 
> 
> Danilo Moi risponde:
> ma va?
> Quando lo dicevo a novembre perchè nessuno diceva nulla?

perche' anche se le partner institution di iCommons Italy sono estranee 
a www.creativecommons.it non c'e' nulla di male nel fatto in se'.


> Quante volte ho espresso i miei dubbi a riguardo?
> perchè nessuno rispondeva? 
> 
> Era tutto ok allora?
> O sbaglio? 

per quanto mi riguarda era ok allora e lo e' anche oggi.
personalmente, mi piace l'idea di un sito dedicato alle licenze creative
commons sviluppato dalla comunita' delle persone che sono interessate a
usare e diffondere queste licenze: un sito come quello che mira ad essere
www.creativecommons.it, indipendente dalle partner institution e
potenzialmente complementare ad esse (almeno questa e' l'idea che mi
sono fatto di quello che puo' essere www.creativecommons.it).


> Perchè ora le cose sono cambiate?

quali cose sono cambiate?
:)

> Perchè non vi siete espressi prima?
> RISPONDETE: PERCHE' NON VI SIETE ESPRESSI PRIMA??????? 

come saprai, usare nelle e-mail il maiuscolo corrisponde a 
gridare. perche' gridi? 
:)

non sto capendo dove sia il problema. andrea glorioso ha fatto alcune
osservazioni, fondate, su un concetto espresso all'interno del sito
www.creativecommons.it, e ne stiamo discutendo. 

la frase in questione e' tradotta dal sito di iCommons Australia 
e descrive il ruolo della relativa partner institution. 
io ho messo in luce uno dei motivi per cui quella situazione non e'
esattamente uguale a quella di www.creativecommons.it, e l'ho fatto 
con l'intento di contribuire alla discussione. 

ciao
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it