[Cc-it] Re: Policy del sito italiano

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Ven 16 Lug 2004 10:47:01 EDT


Sono andato a rileggermi un po' di post arretrati e ho trovato un
intervento in aprile del Project Lead Prof. Ricolfi, del quale cito un
estratto:

>Intervengo su di un tema su cui molto si e discusso nei giorni passati, 
>dopo averne discusso soprattutto con Marco Ciurcina e Juan carlos De 
>Martin. Vorrei ricordarvi che  L'unica finalita' di iCommons Italy e' la 
>traduzione e l'adattamento delle CCPL.
>Le  due affiliate institutions, il Dipartimento di Scienze Giuridiche e 
>l'IEIIT-CNR, si sono formalmente impegnati in tal senso. Secondo l'accordo 
>sottoscritto con Creative Commons,  qualsiasi altro utilizzo del nome e dei 
>loghi  Creative Commons deve essere autorizzato per scritto da Creative 
>Commons Corporation. Di conseguenza, la proposta di creare un sito Creative 
>Commons italiano -proposta di cui discutiamo privatamente da molti mesi sia 
>con De Tomasi sia con altri- e' molto interessante e personalmente ci 
>trova sostanzialmente d'accordo, ma e' al di fuori del mandato di iCommons 
>Italy.
>Sono, quindi, possibili due alternative (peraltro non mutuamente esclusive):
>  
>
>>/1. si crea anche subito un sito in italiano //SUI creative commons, masenza usare
>>//ne' il dominio creativecommons.it, //ne' il nome "Creative Commons", ne' il logo.
>>//Questo lo puo' fare chiunque, senza particolari //condizioni.
>>//
>>//2. si contatta Creative Commons Corporation //per chiedere se e a quali condizioni e' possibile
>>//creare un sito ufficiale Creative Commons Italia, //creativecommons.it.
>>//Da quello che e' possibile vedere sulla Rete, //solo il Giappone (l'unico paese, guarda caso,
>>//che ha terminato il processo iCommons) //ha in questo momento un sitonazionale
>>//--creativecommons.jp, con grafica molto simile a// creativecommons.org./
>>
>Se la lista e' d'accordo, possiamo contattare Creative Commons per iniziare 
>ad esplorare l'opzione 2).
>  
>
Mi pare di cogliere nel messaggio una sostanziale disponibilità delle PI
verso il sito creativecommons.it, anche al punto di prendersi l'incarico
di mediare con Creative Commons Usa la concessione di una autorizzazione
scritta all'uso di logo e logotipo nel sito italiano.
Dal messaggio mi sembra di capire che sia solo l'impegno scritto preso
con Creative Commons Usa e l'assenza di una concessione scritta di logo
e logotipo ad impedirgli di partecipare (privatamente) alla
realizzazione di contenuti per il sito http:\\www.creativecommons.it.
E' un peccato che questo messaggio ci sia sfuggito in precedenza, perché
probabilmente se la ML avesse approfittato di questa disponibilità e
avesse chiesto alle PI di mediare la concessione di logo e logotipo, ora
non saremmo qui a discuterne, ma potremmo tutti (PI e ML) concentrare le
nostre energie verso il sito.
Credo che non sia troppo tardi per cercare di trovare una coesione
maggiore che ci permetta di lavorare tutti insieme, ciascuno con le
peculiarità che lo contraddistinguono, per il successo delle licenze
Creative Commons in Italia.
A questo punto credo che occorra sapere se le Partner Institutions sono
ancora disposte a mediare per sapere se e a quali condizioni Creative
Commons è disposta a legittimare il sito ufficiale Creative Commons
Italia, http:\\www.creativecommons.it.










Maggiori informazioni sulla lista cc-it