[Cc-it] Re: Perplessita` sul sito web

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Ven 16 Lug 2004 10:46:40 EDT


>
>
>pinna Scrive:
>nel nostro caso, le partner institution di iCommons Italy sono
>invece estranee a www.creativecommons.it 
>
>Danilo Moi risponde:
>
>[Omissis]
>
>E' comunque vero.
>Le partner institutions non sono implicate direttamente nel sito 
>creativecommons.it, la loro funzione è tradurre le licenze e
>adattarle.(...qui traslascio un punto, ma dovrebbe essere ben noto) 
>
>Resta il fatto inequivocabile che la creativecommons.org ha avvallato 
>l'esistenza di questo sito, come ha autorizzato l'inizio del lavoro al sito 
>stesso.
>O VOLETE NEGARLO? 
>
>Ergo: creativecommons.it fa parte del progetto "international commons" ese 
>c'è qualcuno che deve smentire è la creativecommons.org
>
Io credo che non si possa dire che il sito creativecommons.it faccia
parte del progetto iCommons, perché da quanto mi è dato di capire,
quest'ultimo è rivolto solo alla traduzione e adattamento della licenza
CCPL, non alla creazione di siti nazionali gemelli di
http:\\www.creativecommons.org.
La mia opinione nasce dal fatto che la pagina web
http://creativecommons.org/projects/international/ menziona solo i
progetti che portano avanti la traduzione, non quelli che portano avanti
la creazione di siti nazionali.
Con questo non voglio assolutamente sminuire il contributo che la
passione e l'impegno dei creatori del sito stanno apportando
all'adozione delle licenze Creative Commons in Italia, semplicemente
ritengo che si tratti di due cose diverse, entrambe fondamentali, ma
ciononostante diverse.

>Dobbiamo ancora contattare Christiane per chiederle anche questo?
>A questo punto se avete così tanti dubbi scrivetele direttamente voi. 
>
Credo che questi problemi nascano dalla mancanza di raccordo tra la ML e
le PI.
Invece di chiedere sempre a Christiane, sarebbe meglio (IMHO) che
trovassimo un'intesa migliore con le PI e che valutassimo la loro
disponibilità a fare da tramite per la concessione di logo e logotipo e
per cercare un loro coinvolgimento attivo nella creazione dei contenuti
del sito.
Mi sbaglierò, ma durante la riunione cui ho partecipato e nella
comunicazione che ho citato nell'altro mio post di oggi
(http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2004-April/000283.html) mi è
parso di vedere una certa disponibilità da parte delle persone che
partecipano al progetto in veste di PI a partecipare (in forma privata e
personale) al sito, ma solo dopo aver ottenuto un'autorizzazione formale
da parte di Creative Commons.
Credo che quello che impedisce loro di partecipare sia solo questo
vincolo formale, al cui rispetto si sono contrattualmente impegnati e
forse lo scarso tempo a loro disposizione, non la mancanza di passione o
di buona volontà.
Perché non chiediamo loro formalmente di prendersi l'onere di contattare
CC e chiedere la concessione del logo e logotipo, e (mentre ci siamo)
chiediamo loro a quali condizioni sarebbero disposti a partecipare a
http:\\www.cretivecommons.it?

Un Saluto

-Alberto Gilardi-






Maggiori informazioni sulla lista cc-it