[Cc-it] Re: Policy del sito italiano

creatives a attivista.com creatives a attivista.com
Gio 15 Lug 2004 08:27:12 EDT


Rispondo a Pinna e Gilardi 

Premetto che "non me la sto prendendo", forse il tono dell'email può 
apparire un po' forte...disgraziatemente tramite email non possiamo 
veicolare il tono della voce :-) 

Inoltre: se forse sono stizzito non lo sono certo a causa di Pinna o Gilardi 
ne a causa di nessuno su questa lista. 

Per quanto riguarda la nostra discussione:
Probabilmente prendo troppo alla leggera gli aspetti legali, sicuramente ciò 
avviene per "inesperienza" e sicuramente per l' umanissimo fattore 
psicologico legato alle energie che sto impiegando per creativecommons.it. 

Abbiamo comunque appurato che, per quanto concerne il problema dei logotipi, 
è opportuno contattare la creative commons.
Credo che su questo punto non sia opportuno soffermarsi ulteriormente. 

Per quanto riguarda tutti gli altri aspetti legali (ad esempio i 
disclaimers): nessuno vi vieta, anzi, vi invito ad occuparvene voi in prima 
persona.
(e potete farlo anche senza che io vi inviti :-) 

Pinna scrive:
ma quale sarebbe esattamente questo "problema dei privati"?
puoi definirlo un po' meglio?
ti riferisci al mio messaggio sull'intestazione ai domini o ad altro? 

Danilo Moi risponde:
Si anche.
Però ho voluto "rievocare per bene il problema" non tanto per chi, come te, 
conosce tutto il corso degli eventi, ma per chi come Gilardi è iscritto in 
lista e segue gli eventi stessi da un tempo più recente.
Poichè certi aspetti possono APPARIRE PER COME NON SONO ho ritenuto 
opportuno chiarire citando appunto i due messaggi citati. 

Chiudo su questo punto, o diventico polemico davvero...e come si vede lo 
sono già stato abbastanza in passato:-) 

Un saluto
Danilo Moi
http://www.attivista.com
http://www.annozero.org
http://www.creativecommons.it
http://www.iskida.org 

 

pinna Scrive: 

> creatives a attivista.com, Wed, Jul 14, 2004 at 07:21:43PM +0200:
>> Gilardi scrive:
>> Perché le PI hanno dovuto firmare un impegno scritto, per poter
>>     usare logo e logotipo al solo fine di tradurre la CCPL? (IMHO è
>>     quantomeno strano che costringano due dipartimenti universitari a
>>     firmare un impegno scritto e poi concedano logo e logotipo con una
>>     semplice mail a dei privati per la realizzazione di un intero
>>     sito).  
>> 
>> Danilo Moi risponde:
>> Tutti questi "problemi" sembrano nascere da un aspetto.
>> Appunto dal fatto che un privato ha registrato creativecommons.it 
> 
> no, io non vedo perche' debba essere questa l'origine di ogni problema.
> il problema e' l'uso dei loghi.
> ti si sta solo spiegando perche' quella breve mail di christiane, da un
> punto di vista formale, probabilmente non possa essere considerata alla
> stregua di (esempio:) un'autorizzazione scritta a usare i loghi di CC.
> nota che nessuno ti ha detto che probabilmente CC vietera' l'uso dei
> loghi. io credo e auspico che un problema simile non si debba
> verificare, ma per esserne certo non mi basterebbe quella frase di
> christiane. si e' trattato di una risposta molto breve e generica, data
> da una persona iper-impegnata su molti fronti. 
> 
> 
>> La situazione è senza dubbio anomala.
>> (e si provi a sostenere che io non l'ho mai criticata...date uno sguardo ai 
>> miei messaggi dei primi mesi di questa lista)
>> Nessuno ha mai avuto da ridire: o forse non è così? 
> 
> bene. ma non te la prendere cosi'! :) 
> 
>  
>> Ho ripescato un mio messaggio dove parlavo proprio di questo problema.
>> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2003-November/000035.html
>> [...]
>> Se le cose stanno così scrivilo pure.
>> Bada però che da come hai impostato il tutto sembra che il project leader
>> sei tu...e non mi pare le così stiano così.
>> Da quanto affermi sembra che tu e amelia vi siate registrati spontaneamente
>> il dominio creativecommons.it poi abbiate contattato la creative commons e
>> abbiate quindi concordato assieme a de martin la figura di Ciurcina come
>> project leader.(Mi sembra strana come modalità, si parla del cnr e del
>> politecnico, siamo in italia e noi italiani tendiamo ad essere poco seri, ma
>> francamente mi sembra davvero eccesivo che due istituzioni del genere
>> portino avanti un progetto seguendo questo schema: esistono iter accademici
>> e burocratici da rispettare...ripeto, se sei sicuro di quanto affermi libero
>> di scriverlo)
>> [...]  
>> 
>> Lorenzo rispose così:
>> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2003-November/000036.html
>> [...]
>> Non sono Project Lead, però è effetivamente andata così: io e Antonio 
>> abbiamo
>> contattato CC.org, tradotto le licenze e chiesto il permesso per acquistare 
>> il dominio. In
>> seguito Christiane ci ha messo in contatto con De Martin e Ciurcina e 
>> insieme abbiamo
>> concordato Ricolfi come Project Lead. È stata una sequenza di eventi 
>> casuali dovuta alla
>> semplice presa d'iniziativa di 4 singole persone.
>> [...]  
>> 
>> QUALCUNO lo ha mai smentito?
>> NO.
>> ERA TUTTO OK. 
> 
> concorderai con me che trattandosi dell'iniziativa di 4 persone, nessuno
> oltre a loro avrebbe potuto confermare o smentire le modalita' con cui
> si e' svolta tale iniziativa. ne' avrebbe avuto il titolo o il potere di
> impedire tale iniziativa. ne' l'interesse a farlo, probabilmente. 
> 
> 
>  
>> Inoltre: del fatto che fosse tutto lecito ho avuto prova ulteriore con la 
>> risposta di Christiane ad Aprile.  
>> 
>> Ergo: risolto il problema "dei privati". 
> 
> ma quale sarebbe esattamente questo "problema dei privati"? 
> puoi definirlo un po' meglio?
> ti riferisci al mio messaggio sull'intestazione ai domini o ad altro? 
> 
>  
> 
>> Per quanto mi riguarda: la "situazione" diventa ancora più lecita, e con 
>> Lorenzo ne abbiamo parlato chiaramente e dettagliamente quando abbiamo 
>> cominciato a collaborare, SE IL SITO E' GESTITO ALMENO DAI MEMBRI DELLA 
>> LISTA.
>> Non è forse così?  
>> 
>> Per quanto riguarda i logotipi:
>> credo proprio che creativecommons.org sappia che gli stiamo utilizzando.
> 
> ecco, io non lo darei per scontato, considerata la mole di lavoro che
> grava sulle spalle delle persone di Creative Commons e il fatto che da
> diverso tempo lavorano con i riflettori puntati addosso. 
> 
>  
> 
>> Hanno avuto qualcosa da ridire?
>> NO.
>> Vogliamo essere pignoli?
> 
> no, non si tratta di pignoleria. pignoleria significa attaccarsi a
> particolari trascurabili per il gusto di farlo.
> questo progetto nasce dall'esigenza di tradurre e diffondere testi
> legali, che in quanto tali non possono prescindere dalla precisione e
> dall'attenzione con cui si scelgono le parole e con cui si definiscono
> i metodi usati. 
> la questione di cui si discuteva, che era ben precisa e riguardava 
> l'uso dei loghi, va trattata con la stessa precisione. 
> 
> 
>> Chiediamo nuovamente a creativecommons.org 
> 
> male non puo' fare 
> 
> 
>> Un saluto  
>> 
>> Danilo Moi
> 
> ciao e grazie per i tuoi sforzi
> pinna
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it