[Cc-it] Re: Policy del sito italiano

pinna pinna a autistici.org
Gio 15 Lug 2004 05:13:35 EDT


creatives a attivista.com, Wed, Jul 14, 2004 at 07:21:43PM +0200:
> Gilardi scrive:
> Perché le PI hanno dovuto firmare un impegno scritto, per poter
>     usare logo e logotipo al solo fine di tradurre la CCPL? (IMHO è
>     quantomeno strano che costringano due dipartimenti universitari a
>     firmare un impegno scritto e poi concedano logo e logotipo con una
>     semplice mail a dei privati per la realizzazione di un intero
>     sito). 
> 
> Danilo Moi risponde:
> Tutti questi "problemi" sembrano nascere da un aspetto.
> Appunto dal fatto che un privato ha registrato creativecommons.it 

no, io non vedo perche' debba essere questa l'origine di ogni problema.
il problema e' l'uso dei loghi.
ti si sta solo spiegando perche' quella breve mail di christiane, da un
punto di vista formale, probabilmente non possa essere considerata alla
stregua di (esempio:) un'autorizzazione scritta a usare i loghi di CC.
nota che nessuno ti ha detto che probabilmente CC vietera' l'uso dei
loghi. io credo e auspico che un problema simile non si debba
verificare, ma per esserne certo non mi basterebbe quella frase di
christiane. si e' trattato di una risposta molto breve e generica, data
da una persona iper-impegnata su molti fronti.


> La situazione è senza dubbio anomala.
> (e si provi a sostenere che io non l'ho mai criticata...date uno sguardo ai 
> miei messaggi dei primi mesi di questa lista)
> Nessuno ha mai avuto da ridire: o forse non è così? 

bene. ma non te la prendere cosi'! :)

 
> Ho ripescato un mio messaggio dove parlavo proprio di questo problema.
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2003-November/000035.html
> [...]
> Se le cose stanno così scrivilo pure.
> Bada però che da come hai impostato il tutto sembra che il project leader
> sei tu...e non mi pare le così stiano così.
> Da quanto affermi sembra che tu e amelia vi siate registrati spontaneamente
> il dominio creativecommons.it poi abbiate contattato la creative commons e
> abbiate quindi concordato assieme a de martin la figura di Ciurcina come
> project leader.(Mi sembra strana come modalità, si parla del cnr e del
> politecnico, siamo in italia e noi italiani tendiamo ad essere poco seri, ma
> francamente mi sembra davvero eccesivo che due istituzioni del genere
> portino avanti un progetto seguendo questo schema: esistono iter accademici
> e burocratici da rispettare...ripeto, se sei sicuro di quanto affermi libero
> di scriverlo)
> [...] 
> 
> Lorenzo rispose così:
> http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2003-November/000036.html
> [...]
> Non sono Project Lead, però è effetivamente andata così: io e Antonio 
> abbiamo
> contattato CC.org, tradotto le licenze e chiesto il permesso per acquistare 
> il dominio. In
> seguito Christiane ci ha messo in contatto con De Martin e Ciurcina e 
> insieme abbiamo
> concordato Ricolfi come Project Lead. È stata una sequenza di eventi 
> casuali dovuta alla
> semplice presa d'iniziativa di 4 singole persone.
> [...] 
> 
> QUALCUNO lo ha mai smentito?
> NO.
> ERA TUTTO OK. 

concorderai con me che trattandosi dell'iniziativa di 4 persone, nessuno
oltre a loro avrebbe potuto confermare o smentire le modalita' con cui
si e' svolta tale iniziativa. ne' avrebbe avuto il titolo o il potere di
impedire tale iniziativa. ne' l'interesse a farlo, probabilmente.


 
> Inoltre: del fatto che fosse tutto lecito ho avuto prova ulteriore con la 
> risposta di Christiane ad Aprile. 
> 
> Ergo: risolto il problema "dei privati". 

ma quale sarebbe esattamente questo "problema dei privati"? 
puoi definirlo un po' meglio?
ti riferisci al mio messaggio sull'intestazione ai domini o ad altro?



> Per quanto mi riguarda: la "situazione" diventa ancora più lecita, e con 
> Lorenzo ne abbiamo parlato chiaramente e dettagliamente quando abbiamo 
> cominciato a collaborare, SE IL SITO E' GESTITO ALMENO DAI MEMBRI DELLA 
> LISTA.
> Non è forse così? 
> 
> Per quanto riguarda i logotipi:
> credo proprio che creativecommons.org sappia che gli stiamo utilizzando.

ecco, io non lo darei per scontato, considerata la mole di lavoro che
grava sulle spalle delle persone di Creative Commons e il fatto che da
diverso tempo lavorano con i riflettori puntati addosso.



> Hanno avuto qualcosa da ridire?
> NO.
> Vogliamo essere pignoli?

no, non si tratta di pignoleria. pignoleria significa attaccarsi a
particolari trascurabili per il gusto di farlo.
questo progetto nasce dall'esigenza di tradurre e diffondere testi
legali, che in quanto tali non possono prescindere dalla precisione e
dall'attenzione con cui si scelgono le parole e con cui si definiscono
i metodi usati. 
la questione di cui si discuteva, che era ben precisa e riguardava 
l'uso dei loghi, va trattata con la stessa precisione.


> Chiediamo nuovamente a creativecommons.org 

male non puo' fare


> Un saluto 
> 
> Danilo Moi

ciao e grazie per i tuoi sforzi
pinna



Maggiori informazioni sulla lista cc-it