[Cc-it] Policy del sito italiano

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Mer 14 Lug 2004 10:07:02 EDT


>Alberto Gilardi scrive:
>Non so fino a che punto sia possibile sostenere che la risposta di
>Christiane sia un'esplicita autorizzazione all'uso del marchio (CC) e
>del logotipo Creative Commons. 
>
>Danilo Moi risponde:
>Non esageriamo.
>Anzitutto l'email di Christiane è chiara: abbiamo l'ok per mettere su il 
>sito.
>Che logotipo dobbiamo utilizzare?
>Quello della coca cola? :-) 
>  
>
Mi rendo conto che la cosa possa sembrare assurda a chi non ha 
dimestichezza di legalese, ma nella mia esperienza, "please start to 
work on the Italian website!" non garantisce affatto un permesso di 
utilizzare logo e logotipo in deroga alla policy esplicitamente indicata 
nella pagina http://creativecommons.org/policies.

Se qualcuno segue la ML di Openoffice.org, saprà che qualcosa di simile 
è accaduto tempo fa con la pubblicazione di una raccolta di clipart per 
OOo.
Un volenteroso grafico aveva rilasciato nel pubblico dominio con CCPDL 
una raccolta di oltre 400 clipart per OOo di altissima qualità, ma che 
contenevano tra gli altri anche (guarda caso :-P ) il logo della coca 
cola, e quello di Microsoft Windows e un immagine della croce uncinata 
nazista.
In lista alcune persone, esperte in materia legale, gli avevano fatto 
notare che il rilascio di tali loghi erano una violazione di termini di 
licenza dei rispettivi marchi e che in alcuni stati il possesso di 
simboli che richiamano al nazionalsocialismo era considerato reato penale.

> "La strada dell'inferno è lastricata di buone intenzioni".

IMHO dove si prevedono in modo esplicito taluni obblighi per l'utilizzo 
di un marchio, per derogarvi ci vuole previsione altrettanto esplicita, 
del tipo
<<please start to work on the Italian website! Creative Commons permits 
the use of the double C in a circle, the words and logotype "Creative 
Commons," in combination with the words and logotype ".it" as long as it 
is used only to point to the Italian website 
http://www.creativecommons.it >>".
Rimango scettico sul valore derogatorio della frase di Christiane per le 
tre semplici ragioni che ho già indicato nella precedente e-mail.

   1. Perché le PI hanno dovuto firmare un impegno scritto, per poter
      usare logo e logotipo al solo fine di tradurre la CCPL? (IMHO è
      quantomeno strano che costringano due dipartimenti universitari a
      firmare un impegno scritto e poi concedano logo e logotipo con una
      semplice mail a dei privati per la realizzazione di un intero
      sito). I miei dubbi nascono dal fatto che non riesco a trovare una
      logica in questa differenza di trattamento.
   2. Perché indicare una policy di gestione del marchio molto chiusa e
      poi derogarvi per tutti i siti nazionali? Sarebbe stato più
      sensato se Creative Commons avesse scritto le proprie policy
      direttamente in modo da permettere l'uso del suo marchio per la
      creazione dei siti nazionali.
   3. Un ulteriore dubbio è legato al sito australiano che mi è stato
      citato (http://www.creativecommons.org.au), il quale benché sia
      stato registrato e creato dalle PI australiane ha evitato
      accuratamente di usare sia il logo (CC) che il logotipo Creative
      Commons. Se con una semplice email avessero potuto derogare alle
      policy di gestione del marchio, perché non l'avrebbero fatto?

La mia è certamente solo un opinione, e come tale può essere sbagliata, 
ma non posso fare a meno di mettere in guardia tutti quelli che si 
stanno impegnando per il successo delle licenze Creative Commons in 
Italia dal fare quello che a me sembra un passo falso.

>Nella sezione principale caricheremo le traduzioni di creativecommons.org, 
>nella sezione news SPECIFICHEREMO CHIARAMENTE che i suoi contenuti sono 
>pubblicati da volontari che tali persone non sono legate a 
>creativecommons.org, che sono iscritte alla lista di discussione ufficiale 
>ma che NON FANNO PARTE delle partner instituitions etc etc
>Penso sia sufficiente scrivere dei buoni disclaimer e il problema si 
>risolve, se poi qualcuno vorrà fare il "puntiglioso" si farà i 
>"puntigliosi".
>  
>
L'inserimento di disclaimer è la soluzione che da tempo ho suggerito, e 
non posso che trovarmi d'accordo, anzi ho già espresso la mia 
disponibilità alla loro stesura. Quello che non capisco è perché non si 
vuole assolutamente usare un logo e un logotipo nuovi, originali ed 
indipendenti da quelli di CC, soluzione che risolverebbe tutti i problemi.
In fondo quello che conta sono i contenuti, no? ;-)

>Inoltre: si scriverà la stessa policy che sta su creativecommons.org e si 
>specifichierà che creativecommons.it non offre nessun servizio legale e bla 
>bla bla. 
>
>Condivido comunque la prudenza e la necessità di chiarire per bene le cose 
>affinchè non si creino spiacevoli inconvenienti.
>Non tanto perchè si può incappare in problemi legali (questo mi pare 
>improbabile, a meno che non ci si imbatta in qualcuno che HA INTENZIONE DI 
>CREARLI, ma veramente mi chiedo a cosa questo eventuale qualcuno possa 
>appigliarsi) ma affinchè l'immagine di creativecommons.org delle creative 
>commons stesse non siano inficiate. 
>  
>
Sottoscrivo in pieno. In fondo tutti ci stiamo impegnando per lo stesso 
obbiettivo, possiamo avere diversità di vedute, ma non dobbiamo mai 
dimenticare che abbiamo un unico scopo.
Tuttavia non posso condividere la tua opinione, IMHO gli appigli per 
avere guai legali sono numerosi e piuttosto robusti, ma sarebbe 
interessante sentire altre campane, mi chiedo cosa ne pensino gli altri 
legali iscritti in ML.
In quanto a chi possa creare tali guai, davvero non ne ho idea, ma non 
credo che manchino in circolazione tali persone. Piuttosto io farei di 
tutto per non fornire loro alcun appiglio legale, specie se ciò è 
possibile  con poca fatica (ovvero imho cambiando logo e logotipo).

>Oltre a buone policy occorre perciò badare attentamente ai contenuti 
>pubblicati.
>Devono essere contenuti verificati, ben scritti e di qualità.
>  
>
Concordo pienamente.

>A questo proposito voglio cominciare ad evidenziare che la sezione news NON 
>E' UN BLOG e che non può essere utilizzata come tale.
>Tutti possono e devono partecipare ma i contenuti devono essere sempre 
>discussi e vagliati da più persone, la pubblicazione è immediata a livello 
>formale (tutti siamo "inter pares") e non penso sia giusto "creare livelli".
>Penso però sia giusto e opportuno che ogni post sia controllato prima della 
>pubblicazione. 
>
>In ogni caso di questo aspetto si riparlerà. 
>
>Un saluto
>Danilo Moi.
>
Aggiungo anch'io i miei saluti.

-Alberto Gilardi-




Maggiori informazioni sulla lista cc-it