[Cc-it] Policy del sito italiano

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Mer 14 Lug 2004 03:48:12 EDT


Non so fino a che punto sia possibile sostenere che la risposta di 
Christiane sia un'esplicita autorizzazione all'uso del marchio (CC) e 
del logotipo Creative Commons.
Al massimo si può sostenere che sia un'autorizzazione alla registrazione 
del dominio, ma in nessuna parte della sua email si sostiene che sia 
possibile usare il marchio (CC) e il logotipo Creative Commons per fini 
diversi da quelli previsti nelle indicazioni contenute nella pagina 
www.creativecommon.org/policies.
*Anch'io credo che la cosa migliore per pubblicare il sito così com'è, 
sia ottenere una licenza specifica (qualcosa di più di una semplice 
email) che autorizzi all'uso del del marchio (CC) e del logotipo 
Creative Commons.*
So che il mio atteggiamento può sembrare estremamente prudente, ma 
credimi che in queste cose è sempre meglio cautelarsi in anticipo, 
piuttosto che essere costretti a leccarsi le ferite in seguito.
Quello che mi sembra strano è che CC america abbia costretto le Partner 
Institutions a firmare un accordo scritto, nel quale gli si impedisce 
l'uso del marchio (CC) e del logotipo Creative Commons per qualunque 
fine che non sia la traduzione della CCPL e poi lo concedano per la 
realizzazione del sito (i cui contenuti non sono da loro conosciuti, 
nella tua e-mail hai semplicemente indicato: "to gather, coordinate, and 
launch Italian activities and happenings concerning Creative Commons") 
con una semplice e-mail.
Può essere che abbiano cambiato le policies di gestione del marchio e 
del logotipo e che non abbiano aggiornato la relativa pagina, ma stando 
a quanto c'è scritto, non è possibile creare un sito che usi il Marchio 
(CC) e il logotipo Creative Commons se non per "puntare" (to point) alla 
home page di CC Usa.
Se ci fai caso il sito http://www.creativecommons.org.au/ non usa 
nessuno dei due, ha semplicemente utilizzato una grafica e dei colori 
simili al sito CC.org (tieni presente tuttavia che anche questo potrebbe 
essere considerato una contraffazione di marchio in Italia).
Il sito giapponese effettivamente usa il marchio (CC), ma è anche vero 
che CC japan sembra avere uno status particolare, tant'è che se ci hai 
fatto caso, è citata espressamente nella CCPL al fianco di CC Usa, cosa 
che non accade per nessun'altra iCC.
Purtroppo non conosco il giapponese a sufficienza per andare a leggere 
la loro pagina di policies, ma sospetto che ci sia un qualche accordo 
particolare che li autorizza a utilizzare il marchio (CC) e il logotipo 
Creative Commons anche per il loro sito.
Per mantenere il sito così com'è IMHO è necessaria un'autorizzazione 'ad 
hoc' (passami il termine in legalese :-P ), ma non capisco perché nel 
frattempo non sia possibile pubblicare lo stesso contenuti sulle licenze 
creative Commons senza usare loghi, logotipi e una grafica che siano 
potenzialmente 'rischiosi'.
*In fondo quello che conta è promuovere le licenze Creative Commons in 
Italia, l'aspetto grafico deve essere solo strumentale,* non c'è scritto 
da nessuna parte che bisogna fare il sito CC.it uguale o simile a 
CC.org, anzi...
*Il rischio è far credere all'ignaro visitatore che CC.it sia una 
costola di CC.org, in questo modo CC.org potrebbe essere chiamata a 
rispondere anche dei contenuti presenti su CC.it e questo non mi sembra 
né auspicabile, né giusto, a meno che non si ottenga un'esplicito 
permesso di CC.org, nel quale quest'ultima accetti consapevolmente di 
assumersi il rischio. Se così fosse sarebbe perfetto.*

-Alberto Gilardi-

Lorenzo De Tomasi wrote:

> Domenica, 11 Lug 2004, alle 11:57 Europe/Rome, Alberto Gilardi ha 
> scritto:
>
>> Traducendo sommariamente...
>>
>>> *Politica di licenza del Marchio Creative Commons*
>>>
>>> La doppia C inscritta in un cerchio e il logotipo "Creative Commons" 
>>> insieme ad ogni possibile combinazione dei precedenti, tramite 
>>> integrazione in un'insieme piu' vasto, o siano lasciati da soli, 
>>> sono marchi registrati da Creative Commons.
>>
>> (Quindi anche creativecommons.it e' un marchio registrato di Creative 
>> Commons America.)
>>
>>> *Logo Corporativo e Logotipo*: Creative Commons licenzia l'uso dei 
>>> suoi marchi e del suo logo corporativo alla condizione che il 
>>> licenziatario del marchio lo usi per puntare alla home page Creative 
>>> Commons, http://creativecommons.org e solo alla homepage Creative 
>>> Commons. Creative Commons mantiene il diritto, secondo la sua piena, 
>>> illimitata e insindacabile discrezione, di revocare questa licenza 
>>> di marchio per una qualunque ragione o per nessuna ragione in 
>>> particolare.
>>
>> ----
>> Stando cosi' le cose, il mio consiglio e' quello di creare al piu' 
>> presto un nuovo logo e logotipo per il sito italiano, credo sia piu' 
>> utile che impegnare risorse nella localizzazione della pagina delle 
>> policies CC.
>> Piuttosto impiegherei queste risorse per la creazione di un 
>> disclaimer da inserire al piu' presto nella home page (e magari sotto 
>> forma di frame in ogni pagina del sito) che esenti da responsabilita' 
>> il sito e quanti vi partecipino.
>> A questo proposito do', come gia' in passato, la mia disponibilita'.
>>
>> -Alberto Gilardi-
>
> Scusa, ma non capisco perché pensi sia necessario cambiare logotipo 
> per il sito :-)
> Attualmente esistono diverse localizzazioni del sito CC (alcune in 
> lavorazione) e a quanto pare noi italiani siamo gli unici a farci così 
> tanti problemi.
>
> http://www.creativecommons.jp
> http://www.creativecommons.org.au
>
> Circa un anno fa, quando, insieme ad Antonio Amelia, contattai lo 
> staff di CC.org per proporgli la nostra collaborazione a CC.it, chiesi 
> il permesso di acquistare il dominio creativecommons.it, ho ricevuto 
> una risposta affermativa, così come quando ho chiesto autorizzazione 
> per iniziare a pubblicare sul sito.
> I continui dubbi sollevati mi hanno costretto a chiedere più volte 
> conferma a Christiane. Vi riporto l'ultimo messaggio (mio e di Danilo) 
> e la risposta di Christiane:
>
>> On 21.04.2004, at 14:15, Lorenzo De Tomasi wrote:
>>
>>> Dear Christiane,
>>> The italian version of the licenses is still in progress (but we 
>>> guess is going to end).
>>> Few members of the list are involved in this process (mainly carried 
>>> on by partner institutions).
>>> We are not lawyers and sometimes we really feel unhelpful.
>>> We believe that many members of the discussion list would be 
>>> gratified in contributing at the project. This is certainly possible 
>>> publishing creativecommons.it
>>> We also believe, as we said before, that creativecommons.it would be 
>>> a "powerful tool" to gather, coordinate, and launch Italian 
>>> activities and happenings concerning Creative Commons.
>>> We only need your o.k. to start working, preparing a website takes a 
>>> lot of time,(especially one like creativecommons.it), so, most 
>>> likely, the website itself will be ready after them.
>>> In the opposite situation (rather implausible) we can also start to 
>>> publish (If  you agree) some basic translated contents, redirecting 
>>> the users to the English version of the licenses.
>>> Best regards,
>>>
>>> Danilo Moi
>>> Lorenzo De Tomasi
>>
>> Da: Christiane Asschenfeldt <christiane a creativecommons.org>
>> Data: Mer 21 Apr 2004  16:52:02 Europe/Rome
>> A: Lorenzo De Tomasi <lorenzo.detomasi a lallaria.it>
>> Cc: Glenn Otis Brown <glenn a creativecommons.org>, Danilo Moi 
>> <mail a attivista.com>
>> Oggetto: Re: iCommons Italy Website
>>
>> Dear Lorenzo,
>>
>> please start to work on the Italian website!
>>
>>
>> Thank you very much for your work,
>>
>> all the best, Christiane
>
> Io credo che questa sia una chiara autorizzazione di CC Usa a 
> proseguire con il nostro lavoro indicandoci chiaramente come 
> collaboratori al progetto iCommons Italy, riportando il logo 
> ufficiale. Avete qualche perplessità?
> Data inoltre la grande disponibilità sia di Christiane che degli altri 
> membri di CC Usa, proporrei di stilare una lista delle proposte e dei 
> dubbi e di fare riferimento direttamente a loro per ottenere le 
> risposte in forma ufficiale.
> Cosa ne pensate?
>
> .






Maggiori informazioni sulla lista cc-it