[Cc-it] tesi

cartavetro a iol.it cartavetro a iol.it
Mer 7 Lug 2004 11:43:37 EDT


prima di tutto ti ringrazio per il richiamo, proprio oggi ho cercato di stimolare l'attenzione di altri soggetti che potevano aiutarmi, di conseguenza, sappi che non mollerò...

per quanto riguarda il tuo consiglio, mi sonpo anche io fatto l'idea del fatto che la trasposizione è complessa ed è una questione soprattutto legale..è vero però che il nuovo ordinamento universitario, per la tesi triennale, lascia campo libero a diversi tipi di tesi, per esempio io posso basare lo studio anche su interviste o focus groups, e quindi presentare le opinioni di chi ci sta lavorando, anzichè nozioni definitive che mi rendo conto sono in questo campo difficilmente raggiungibili, soprattutto da me...Io posso presentare come tesi l'analisi di un "caso" che sarebbe CC spiegarne la ragion d'essere, in che contesto emerge, quali sono le prospettive, e poi a titolo documentativo svolgere una sorta di inchiesta tra chi ci sta lavorando, quali sono le difficoltà e quali le prospettive, e così a livello europeo...in questo modo, mi pare, la cosa si faccia più fattibile

nonostante tutto, cmq, anche ilprofessore nutriva perplessità sul fatto che fosse semplice...non lo è in effetti, proprio per questo devo impegnarmi nel trovare del materiale su cui lavorare per vedere se si può fare qualcosa...o se invece devo desistere...O magari arrendermi a dare un semplice taglio "nuovi media" anzichè uno "diritto", ossia cambiare relatore...

considerando però la partecipazione dell'università di torino (dip. scienze giuridiche) segnalata sul sito di CC america, immagino che un qualche interesse "accademico" sia trattabile...

cmq grazie, spero di riuscire a stimolare la ML nella maniera giusta, se non lo faccio è perchè devo ancora entrare nell'atmosfera adatta a capire a chi rivolgermi e cosa chiedere...mi sto acclimatando, diciamo.



> cartavetro a iol.it wrote:
> > non so come mai ma una mail da me mandata l'altro ieri non è mai comparsa sulla mailing...poco male, ripeto..
> > 
> > sono uno studente di scienze della comunicazione e sono in procinto di preparare una tesi con il professore di diritto dell'unione europea che dovrebbe avere come tema il diritto d'autore e la libera circolazione del pensiero.
> > 
> > la tesi dovrebbe avere come argomento principale proprio il momento in cui il copyright diventa una zavorra che impedisce la circolazione delle idee e favorisce la crescita di monopoli, e quindi dovrebbe incentrarsi in gran parte proprio sulle licenze di creative commons e anche sulle esperienze di altre realtà legate al copyleft. 
> > 
> > partendo da un'analisi di creative commons nella sua versione americana (e nel contesto legislativo americano) e analizzando il modo inc ui può essere trasposta que3sta esperienza nel contesto italiano ed europeo, così da legare saldamente l'argomentazione ai suoi risvolti pratici e quotidiani, mi piacerebbe analizzare le motivazioni con cui varie realtà hanno scelto di superare la logica del copyright...
> > 
> > detta così è un po' gigante ed è una caratteristica da cui bisogna scampare, e forse può sembrare eccessivamente giuridica, cosa da cui fuggo con tutte le forze...
> > 
> > per renderla più avvezza al mio approccio da comunicatore avevo pensato di svolgerla anche attraverso interviste ai diretti interessati, legali, ideatori, artisti, programmatori, legati a questo contesto
> > 
> > chiedevo perciò a voi ogni tipo di consiglio, su come scremare questo argomento così enorme, e sul materiale che mi potrebbe servire, e disponoibilità di persone a essere intervistate come conoscitori della cosa...insomma ogni tipo di partecipazione è ben accetta soprattutto in questa fase (spero duri solo una settimana) in cui devo raccogliere più materiale possibile per individuare il percorso e mettere a fuoco il tema con il professore
> > 
> > vi supplico di aiutarmi!!!
> 
> premessa: se nessuno ti ha ancora risposto e' probabilmente per 
> mancanza di tempo, non di interesse :)
> purtroppo la settimana di cui parlavi e' gia' trascorsa. personalmente 
>   ti invito a non mollare la corda con questa lista, anche se possiamo 
> sembrare o essere poco reattivi. forse l'iniziativa concreta deve 
> partire piu' da te che da noi (lo dico per amor di sincerita', non 
> perche' ritengo che sia questo Il sistema giusto). una collaborazione 
> tra il nostro lavoro e la ricerca per la tua tesi puo' essere davvero 
> fruttuosa.
> 
> questo era per non perdere un contatto che mi pare interessante; 
> riguardo alle tue richieste, nello specifico mi sento di sottolineare 
> come la questione delle licenze CC della trasposizione nel contesto 
> italiano/europeo sia un problema complesso ed in fase di definizione 
> continua. quindi personalmente mi spaventerebbe basare la mia tesi su 
> un argomento cosi' vago ed in evoluzione.
> 
> per altri spunti, gli archivi delle mailing list possono essere
> una utile fonte:
> 
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> (questa stessa lista)
> 
> http://lists.copywhat.org/mailman/listinfo/copywhat
> (copywhat)
> 
> http://www.inventati.org/mailman/listinfo/copydown
> (copydown)
> 
> 
> ciao
> pinna
> 
> 

.o0O0o.stage.vitaminic.it/ca
rtavetro.o0O0o.contatti: 
cesare 3289116857 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it