Riunione delle Affiliate Institutions, Re:[Cc-it] quanti e CC

Alberto Gilardi alberto_gilardi a libero.it
Mar 6 Lug 2004 16:13:35 EDT


>
>
>Date: Wed, 30 Jun 2004 06:46:50 -0700 (PDT)
>From: tom <montrellune a teatre.com>
>Subject: [Cc-it] quanti e CC
>To: cc-it a lists.ibiblio.org
>Message-ID: <20040630134654.DC9737276 a sitemail.everyone.net>
>Content-Type: text/plain; charset="UTF-8"
>
>
>Segnalo 
>
>http://punto-informatico.it/p.asp?i=48607&p=3
>
>non tanto per il contenuto (crittografia quantistica)
>ma per la licenza con la quale è rilasciato l'articolo.
>
>Eh, si dobbiamo proprio sbrigarci a rendere ufficali le versioni italiane  :-) 
>
>tom
>
Approfitto della mail di tom per fare il punto sulla traduzione della 
CCPL 2.0 alla ML e raccontare il mio incontro con le Partner Institutions.
L'incontro si è svolto nella mattinata del trenta giugno a Torino nello 
studio legale Tosetto-Weigmann.
All'incontro hanno partecipato l'avv. Marco Ricolfi, il Dott. Juan 
Carlos De Martin, l'avv. Marco Ciurcina, l'avv. Massimo Travostino, 
l'avv. Samantha Zanni, l'avv. Alessandro Cogo, il Dott. Lorenzo Benussi, 
ed io.
_
_*I temi trattati sono stati innanzitutto squisitamente legali.
*Si è parlato soprattutto dell'inquadramento della CCPL 2.0 
nell'ordinamento italiano e dei vari problemi che le norme imperative 
nostrane hanno causato nel processo di localizzazione della licenza (ne 
cito due:  il limite trentennale di durata dei contratti di locazione ex 
1573; e la validità di un accordo che preveda l'obbligo unilaterale di 
accettare clausole future, come tali non conoscibili).
Nonostante le difficoltà, è verosimile che entro meno di un mese la 
versione definitiva della CCPL 2.0 sarà sottoposta all'attenzione della ML.
_
_*Si è parlato anche della SIAE*.
A questo proposito l'avv. Massimo Travostino ha avuto un  proficuo e 
approfondito scambio di informazioni con la SIAE e sta terminando la 
stesura di un interessantissimo articolo che approfondisce i rapporti 
tra il mandato SIAE e le licenze Creative Commons. Appena vedrà la luce 
la versione definitiva, sarà reso pubblico.
Ma in merito credo sia necessario fare alcune ulteriori precisazioni.
_
_*Durante l'incontro le PI hanno risposto ad alcune mie domande relative 
al rapporto tra loro e la ML*.
La ML si sentiva orfana delle PI nelle discussioni legali. Ma le PI mi 
hanno chiarito che tale lista (che appartiene non alle PI, ma a Creative 
Commons America) era stata inizialmente concessa da CC con l'unico scopo 
di discutere in merito alla traduzione della CCPL.
Le PI non sono titolari della Mailing List, non è prevista alcuna 
moderazione, l'avv. Marco Ciurcina ne è solo l'amministratore.
Rigurdo al problema delle dimensioni dei messaggi, mi è stato spiegato 
che le policy della lista non dipendono dalle PI.
Inoltre le PI hanno sottoscritto con l'associazione Creative Commons 
America un impegno scritto a *non fornire né in lista né altrove pareri 
o consulenze legali*. In altri termini, le PI italiane si sono astenute 
dall'intervenire in Mailing List sulle questioni legali, perché questo 
gli è stato espressamente interdetto dall'associazione Creative Commons 
America.
L'articolo sulla SIAE, qualora dovesse essere pubblicato in ML non 
costituirà un parere legale su come pubblicare un opera sotto licenza 
Creative Commons, ma soltanto la summa degli sforzi individuali di 
ricerca dell'avv. Massimo Travostino.
A questro punto mi viene naturale citare quanto scritto dagli autori di 
un famoso software libero italiano:

> Nessuno garantisce il software che produce, e nessuno si assume 
> responsabilità, tanto meno se il software non lo paghi. A noi pare 
> abbastanza sicuro, ma non possiamo garantire niente.

Anche Creative Commons e le PI svolgendo il loro lavoro /pro bono et 
gratis dei/, non si assumono alcuna responsabilità, se si vuole avere un 
parere legale è quindi meglio non chiedere in lista, ma (pagare e) 
rivolgersi ad un (bravo) avvocato. :-D
_
_*Si è parlato anche del sito Creativecommons.it*
Le PI hanno specificato che il loro compito è limitato esclusivamente 
alla traduzione della CCPL, e non alla realizzazione del sito 
creativecommons.it, che costituisce uno sforzo individuale di Lorenzo e 
di altri membri della ML. Nell'impegno sottoscritto dalle PI e' loro 
espressamente precluso qualunque uso del nome e del marchio Creative 
Commons per qualsiasi fine che non sia il progetto di traduzione delle 
licenze.
Anche se il problema non riguarda direttamente le PI, dopo la riunione, 
con alcuni membri si è discusso di cosa potrebbe succedere se un 
editore, fatto affidamento sul materiale legale o paralegale pubblicato 
sul sito creativecommons.it, ricevesse un danno a causa di tale 
materiale e quindi agisse in causa contro gli autori del sito e contro 
Creative Commons America per ottenere un risarcimento.
A prescindere dai guai legali che passerebbero quanti hanno collaborato 
nel sito, verosimilmente, le spese legali per Creative Commons America 
sarebero così elevate da prosciugare il loro bilancio e forse anche 
causare il fallimento globale del progetto.

Stando così le cose, credo sia assolutamente necessaria un'intesa ancora 
maggiore tra i commons italiani.
Le PI sono considerate da molti membri della Mailing List come le 
istituzioni che debbono guidare con il loro prestigio un processo di 
cambiamento e di innovazione giuridica, tecnologica e culturale. 
Tuttavia le PI hanno ribadito di non poter assumere questo ruolo, anche 
in via degli impegni scritti presi con Creative Commons America.
Riflettendoci, la situazione non è dissimile da quella di un progetto di 
software libero in cui alcuni contributori sono a tal punto desiderosi 
di diffondere l'uso del programma, da criticare l'atteggiamento 
eccessivamente prudente del mainteiner, che rilascia lentamente le nuove 
versioni e partecipa scarsamente ai dibattiti intorno al suo operato; il 
suo scopo è solo scrivere il miglior codice possibile.
Personalmente ritengo che ogni critica sia lecita, purché costruttiva e 
certamente sarei felice di vedere maggiori contributi delle PI in ML, ma 
per quanto le si voglia criticare, bisogna dare a Cesare quel che è di 
Cesare. Senza le PI, in Italia le Creative Commons sarebbero ancora solo 
un miraggio.
Credo che curare la qualità del codice (cioé la localizzazione della 
CCPL) debba essere l'obbiettivo primario, comune a tutti, ed invito 
tutti a scrutinare attentamente la CCPL_it 2.0 quando sarà rilasciata.
Se davvero si vuole lavorare insieme per la crescita del progetto CC in 
italia, temo sia necessario accettare l'idea che quando si lavora in 
progetti "liberi" sia inevitabile misurare con cautela ogni passo, e che 
sia meglio avanzare lentamente tutti insieme, piuttosto che ruzzolare 
per terra.

Un saluto a tutti!

-Alberto Gilardi-





Maggiori informazioni sulla lista cc-it