[Cc-it] Re: Pubblicazione CD con licenza CCPL

scarph a autistici.org scarph a autistici.org
Lun 5 Lug 2004 16:07:48 EDT


Lorenzo De Tomasi ha scritto:

> Ricordo che sono sempre disponibile per un contributo grafico al
> progetto.

...ti ringrazio tantissimo, anche per i complimenti. Per quanto riguarda
il discorso grafica, devo consultarmi col resto della banda che
probabilmente si e' gia' messa in qualche modo al lavoro. Eventualmente ti
faccio un fischio in privato

> Una curiosità: come mai avete scelto di non far comparire i vostri nomi?
> Credo che il diritto di attribuzione della paternità dell'opera sia
> l'unico tra i diritti d'autore che dovrebbe essere sempre tutelato e
> fatto rispettare.
> Sono stato tra i primi a proporre a Creative Commons.org di inserirlo
> di default in tutte le licenze, perché credo sia sempre doveroso citare
> il nome dell'autore di un'opera. La mia proposta è stata accettata
> nelle Ccpl 2.0.
> A mio parere noi europei, diversamente dai  cittadini Usa, abbiamo la
> fortuna di aver aderito alla Convenzione di Berna che tutela questo
> diritto anche dopo la morte dell'autore. Per fare un esempio non
> possiamo trarre un film da una fiaba di Andersen senza citare Andersen
> come autore della storia.
> La mia proposta a Cc.org è nata sia dal desiderio di un'uniformità
> internazionale delle Ccpl, che dalla speranza che questa prassi
> corretta si diffonda.
> Puoi quindi intuire che, sebbene in generale io rispetti la scelta di
> anonimato, non sempre la comprendo e la condivido. Personalmente
> preferisco che un autore esiga e lotti per questo suo diritto, almeno
> fino a quando citare nome e cognome degli autori di un'opera non sarà
> più considerato da molti come un noioso fastidio o una stupida pretesa
> che fa perdere valore a un'azienda in quanto gruppo (come dice qualche
> seguace del marketing aziendale).
> Mi piacerebbe quindi dialogare con voi su questa vostra scelta.

Anche a me fa piacere dialogare su questo argomento.
Quindi provo, molto sinteticamente, a risponderti.
Innanzitutto il nostro atteggiamento nei confronti della paternita'
intellettuale, anche nel caso dell'autore di un'opera, nasce da una
profonda considerazione filosofica e politica.
Semplicemente, non pensiamo che esistano autori.
Come affermiamo che l'io, anche quello di un autore, e' una costruzione
contradditoria, mutevole e spesso non necessaria.
Pensiamo che i processi di costruzione della soggettivita' non sono mai
dati una volta per tutte ma sono una labile composizione di elementi
diversi all'interno dei quali c'e' anche l'essere umano.
Pur se un'opera creativa puo' considerarsi come una specie di istantanea,
di polaroid (quello che puo' essere catturato attraverso un dispositivo di
registrazione) di un evento/processo di soggettivazione, la soggettivita'
umana coinvolta nel processo, anche se parte integrante e allo stesso
tempo labile risultante del processo, non e' mai primaria.
E' come dire che il vento e' l'autore della musica che si sprigiona quando
soffia tra i rami di una foresta!
La pioggia ticchettante non ci chiede di essere citata come autrice se la
campioniamo e la mettiamo all'inizio di un brano musicale!
L'autore si cristallizza quando decidiamo di trovare una famiglia, una
filiazione, o se vuoi un dio creatore, dove invece ci sono soltanto
concatenazioni che producono eventi.
Il problema, come dici bene tu, si pone ed in maniera enorme, quando ci
andiamo a confrontare con un sistema economico che utilizza la proprieta'
intellettuale come fosse un bene scarso, per produrre valore.
Noi preferiamo, in questa situazione, divenire impercettibili, al limite
scomparire. Ma il problema e' come difenderci da chi decide di utilizzare
un'opera libera, dove gli autori sono scomparsi, a scopo di lucro, magari
pubblicandola sotto copyright. La possibilita' e' la licenza Creative
Commons: utilizzare la legge sul diritto d'autore per difenderci dal
diritto d'autore!
Resto d'accordo con te che in una situazione lavorativa, all'interno di
un'azienda, dove conta e non poco il diritto di attribuzione della
paternita' di un'opera, le cose vanno considerate in tutt'altra maniera.
Ma noi non stiamo lavorando, per fortuna.
Stiamo giocando con i processi di soggettivazione...
Resta da vedere se, come mi diceva Pinna, domani viene Gino Paoli e ci
dice che il Giardino Violetto e' lui! Ma non credo ci saranno mai i
margini economici perche' qualcuno voglia impadronirsene...

>> Questo e' il motivo fondamentale per cui _non_ abbiamo scelto di
>> pubblicare
>> quest'opera sotto la bandiera del NO-COPYRIGHT.
>
> Parlare di NO-COPYRIGHT per contenuti rilasciati sotto una Ccpl è un
> po' contraddittorio :-)

...infatti e' il motivo fondamentale per cui NON abbiamo scelto di
pubblicare il cd con un brutale NO COPYRIGHT.
Abbiamo scelto una particolare forma di copyright...

ho preso nota delle altre cose da sistemare
Grazie ancora
S*phz



Maggiori informazioni sulla lista cc-it