[Cc-it] Pubblicazione CD con licenza CCPL

Lorenzo De Tomasi lorenzo.detomasi a creativecommons.it
Dom 4 Lug 2004 19:48:43 EDT


Direi che è un ottimo lavoro, ma attendi la conferma di qualche legale 
in lista.
Segue qualche mia considerazione e precisazione.

Buon lavoro e ancora complimenti.
Ricordo che sono sempre disponibile per un contributo grafico al 
progetto.

Ciao,
Lorenzo

Domenica, 4 Lug 2004, alle 15:11 Europe/Rome, scarph a autistici.org ha 
scritto:

> Cari CCommonerz :)
> visto che nessuno oltre a Lorenzo De Tomasi ha proferito parola in 
> merito,
> mi sono messo a scrivere qualche riga da inserire nel booklet del CD 
> che
> uscira' nei negozi nei prossimi mesi con licenza CCPL.
> Ve lo propongo qui sotto, sperando che abbiate voglia di esprimere le
> vostre critiche e i vostri consigli sulle amenita' da me riportate.
> Si trattava fondamentalmente di spiegare il perche' di un CD con 
> licenza
> CCPL, di presentare brevemente il progetto CC e CC Italia e di 
> inserire un
> piccolo how to per chi vuole pubblicare musica e fare a meno di SIAE e
> case discografiche.
> In attesa della versione definitiva delle traduzioni ho inserito la
> licenza in inglese.
> Insomma ditemi che ne pensate e soprattutto se ho scritto stupidaggini 
> o
> imprecisioni.
> A presto
> S*phz
>
> - Autori e bollini
>
> Anche questo CD e' segnato dal marchio dell'infamia!
> C'e' incollato sopra il bollino della SIAE, senza il quale non sarebbe
> stato possibile proporlo in vendita nei negozi.
> Noi pensiamo che l'opera della SIAE non sia positiva. Il loro ideale di
> tutela del diritto d'autore consiste, di fatto, nell'impedire il libero
> accesso all'informazione, nell'impedire la condivisione delle 
> conoscenze,
> nel bloccare la diffusione dei saperi.
> La molteplicita' di autori che e' stata coinvolta nella creazione di
> quest'opera ha quindi scelto di non registrarla, ne' tantomeno di
> iscriversi alla SIAE.
> Noi non crediamo nel diritto di paternita' sulle opere della 
> creativita'.
> Siamo nati orfani: pensiamo che i processi creativi siano dei processi
> sociali di taglia e cuci operati direttamente sul caos. Quindi in 
> questo
> CD non troverete il nome di nessun autore e di nessun artista.
> Utilizzeremo lo pseudonimo ''Il Giardino Violetto'' soltanto per 
> tutelarci
> di fronte all'utilizzo a scopo di lucro di questo materiale da parte di
> terzi.

Una curiosità: come mai avete scelto di non far comparire i vostri nomi?
Credo che il diritto di attribuzione della paternità dell'opera sia 
l'unico tra i diritti d'autore che dovrebbe essere sempre tutelato e 
fatto rispettare.
Sono stato tra i primi a proporre a Creative Commons.org di inserirlo 
di default in tutte le licenze, perché credo sia sempre doveroso citare 
il nome dell'autore di un'opera. La mia proposta è stata accettata 
nelle Ccpl 2.0.
A mio parere noi europei, diversamente dai  cittadini Usa, abbiamo la 
fortuna di aver aderito alla Convenzione di Berna che tutela questo 
diritto anche dopo la morte dell'autore. Per fare un esempio non 
possiamo trarre un film da una fiaba di Andersen senza citare Andersen 
come autore della storia.
La mia proposta a Cc.org è nata sia dal desiderio di un'uniformità 
internazionale delle Ccpl, che dalla speranza che questa prassi 
corretta si diffonda.
Puoi quindi intuire che, sebbene in generale io rispetti la scelta di 
anonimato, non sempre la comprendo e la condivido. Personalmente 
preferisco che un autore esiga e lotti per questo suo diritto, almeno 
fino a quando citare nome e cognome degli autori di un'opera non sarà 
più considerato da molti come un noioso fastidio o una stupida pretesa 
che fa perdere valore a un'azienda in quanto gruppo (come dice qualche 
seguace del marketing aziendale).
Mi piacerebbe quindi dialogare con voi su questa vostra scelta.

> Questo e' il motivo fondamentale per cui non abbiamo scelto di 
> pubblicare
> quest'opera sotto la bandiera del NO-COPYRIGHT.

Parlare di NO-COPYRIGHT per contenuti rilasciati sotto una Ccpl è un 
po' contraddittorio :-) Una Ccpl, proprio in quanto licenza, esiste e 
ha valore proprio grazie all'esistenza dei diritti d'autore e del 
copyright. Rinunciare al copyright significa donare l'opera al pubblico 
dominio, ovvero rinunciare a ogni diritto su di essa. Non è questo il 
caso di un'opera rilasciata sotto una licenza che non permette utilizzi 
commerciali: questa limitazione della libertà dei fruitori è possibile 
proprio grazie al fatto che l'opera sia tutelata dal diritto d'autore. 
In questi casi sarebbe più corretto parlare di opere con alcuni diritti 
riservati, di permessi d'autore o di libertà concesse…

> Il contenuto audio, i testi scritti, le foto e le immagini contenute in
> questo CD, pur restando libere e a disposizione di chiunque voglia 
> farne
> un uso NON commerciale, sono comunque tutelate e in maniera 
> perfettamente
> legale.
> Come?
>
> - Le licenze Creative Commons (alcuni diritti riservati...)
> http://www.creativecommons.org
>
> Il diritto d'autore, nell'accezione che fino ad oggi ci hanno 
> propinato la
> SIAE e le multinazionali del disco o dell'editoria, e' un diritto
> esclusivo e inalienabile che crea delle restrizioni inoppugnabili
> (...tutti i diritti riservati). Le licenze Creative Commons, prendendo
> spunto dai movimenti del Free Software e dell Open Source, sono una 
> forma
> flessibile di diritto d'autore, danno la possibilita' di riservare
> soltanto alcuni diritti, utilizzando la stessa legislazione che tutela 
> il
> classico diritto d'autore per far circolare liberamente un'opera.
> Questo permette di fare a meno di quelle istituzioni come la SIAE che
> prevedono una chiusura totale dell'accesso libero ad un'opera da parte 
> del
> pubblico e che si autoproclamano uniche depositarie della garanzia del
> rispetto del diritto d'autore.
> La scelta del grado di liberta' di un'opera ritorna ad essere nelle 
> mani
> di chi la crea.
> Il progetto Creative Commons e' nato nel 2001 negli Stati Uniti e si
> avvale di collaboratori liberi e volontari.
> Dal 2004 esiste anche in Italia:

Il progetto nasce nel 2003, le licenze saranno disponibili dalla fine 
del 2004.

> http://www.creativecommons.it
> Qui potete trovare le traduzioni in italiano delle licenze, conoscere i
> modi per utilizzarle, oppure partecipare attivamente al lavoro del 
> gruppo.
> A tale scopo esiste anche una mailing list:
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
> - La licenza
>
> http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/
>
> Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0
>
> You are free:
>
> to copy, distribute, display, and perform the work
> to make derivative works
> Under the following conditions:
>
> Attribution. You must give the original author credit.
> Noncommercial. You may not use this work for commercial purposes.
> Share Alike. If you alter, transform, or build upon this work, you may
> distribute the resulting work only under a license identical to this 
> one.
>
> For any reuse or distribution, you must make clear to others the 
> license
> terms of this work.
> Any of these conditions can be waived if you get permission from the
> copyright holder.
> Your fair use and other rights are in no way affected by the above.
>
> This is a human-readable summary of the Legal Code (the full license)
> http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.0/legalcode
>
>
> Potete utilizzare a vostro piacimento tutto il materiale audio e le
> immagini contenute in questo CD. Potete copiarlo liberamente, per
> ascoltarlo in macchina, per farlo sentire ad un amico che non lo puo'
> comprare. Potete tranquillamente scambiarvelo nelle reti peer to peer.
> Potete metterlo in download sul vostro sito internet (possibilmente in
> formato open .ogg). Potete utilizzarne un pezzo per fare un remix, 
> oppure
> potete farne una cover. Potete campionare la musica o le immagini e
> deturnarle a vostro piacimento. Insomma potete fare liberamente e in 
> tutta
> tranquillita' quello che gia' fate e che tutti facciamo quotidianamente
> con la musica, cioe' quello che viene comunemente bollato come 
> pirateria.
> Il diritto che ci riserviamo su quest'opera e' che nessuno possa 
> piazzarci
> sopra il suo nome e possa rivenderla e che comunque ogni eventuale 
> nuova
> creatura generata a partire da questi materiali venga rilasciata
> utilizzando questo stesso tipo di licenza.
>
> - Un How-to per chi fa musica
>
> Con l'avvento della rete e dei formati di compressione audio, ogg. o 
> mp3,
> e' diventato davvero semplice pubblicare la propria musica. Non e' piu'
> necessario andare alla ricerca di una casa discografica e firmare
> contratti per lo sfruttamento commerciale di un'opera. Basta 
> costruirsi un
> sito internet e il gioco e' fatto. Anche noi siamo da qualche tempo in
> ballo:
> http://www.inventati.org/inventa/scarphrec.html
> Perche' allora far uscire un disco?
> Come ci ha raccontato McLuhan, l'ascesa repentina di un'innovazione
> tecnologica conduce altrettanto velocemente all'obsolescenza del mezzo 
> di
> comunicazione precedentemente utilizzato, in questo caso i supporti
> fonografici.
> Ma il vecchio media, a questo punto, possiedera' un'aura romantica e 
> retro'.
> Questo e' uno dei motivi per i quali abbiamo deciso, dietro la spinta
> amichevole di In The Night Time, di pubblicare questo disco nei negozi:
> esiste ancora un mondo fatto di supporti materiali che e' bello 
> possedere
> e collezionare.
> E per Il Giardino Violetto, che e' un gruppo sciolto ormai da una
> quindicina d'anni, il discorso fatto vale doppio!
> Ma, a nostro modo di vedere, la produzione musicale non puo' piu' 
> passare
> di qui'.
> Il sito internet di autoproduzioni, rilasciate liberamente sotto 
> licenza
> CCPL, e' il passaggio fondamentale per avere una completa autonomia. 
> Da un
> lato non sono piu' necessari i costi di masterizzazione e stampa del
> supporto fonografico. I formati di compressione audio garantiscono
> comunque una qualita' d'ascolto accettabile, e' possibile pubblicare
> immagini e testi, oppure booklet gia' predisposti per la stampa: il
> livello qualitativo dell'opera non ne risente in alcun modo.
> Dall'altro un musicista puo' decidere, attraverso il tipo di licenza
> Creative Commons adottata, quale grado di liberta' dare all'opera che
> decide di pubblicare.
> http://creativecommons.org/license/
> Inoltre puo' diventare anche una forma di autosostentamento per i
> musicisti stessi, evitando lo sfruttamento economico delle loro opere 
> da
> parte di terzi. E' possibile ad esempio permettere ai visitatori del 
> sito
> di fare delle donazioni attraverso una carta di credito. Oppure
> autoprodursi spille, adesivi o altri gadget da vendere sul sito stesso.
> Insomma e' possibile decidere autonomamente quale tipo di approccio
> utilizzare per diffondere la propria musica, evitando le pastoie di un
> mercato discografico governato dal business delle grandi corporation, 
> dove
> il musicista e l'ascoltatore di musica sono trattati soltanto come 
> carne
> da macello.
>
> linx:
> www.gnu.org
> www.gnu.org/fsf/fsf.it.html
> www.creativecommons.org
> www.creativecommons.it
> www.inventati.org
> www.autistici.org
> www.inthenighttime.it
> www.inventati.org/inventa/scarphrec.html
> copydown.inventati.org
> www.s8suono.com
> www.anomolo.com
> _______________________________________________
> Cc-it mailing list
> Cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it