[Cc-it] Re: Licenze Sampling & C.

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 30 Dic 2004 14:59:13 EST


Lorenzo De Tomasi Scrive: 

> Vorrei far presente che cc.de (Germania) ha tradotto *tutte* le sezioni
> (non so se letteralmente o adattandole) in tedesco. Anche 'Public domain'
> per intenderci. 
> 
> Credo che un approccio "prudente" come quello da me descritto sarebbe
> corretto. 
> 
> Ovvero: ti traduciamo in italiano le sezioni di cc.org e ti informiamo dei
> rischi che potresti correre a causa delle differenze legislative tra Italia
> e Usa. Però non ti garantiamo di averteli elencati tutti e non siamo
> responsabili delle conseguenze che potrebbero derivare dalle tue scelte.

1. Ma se sono le AI e soltanto le AI che devono occuparsi direttamente delle 
licenze (come mi sembra di avere capito dalle parole di De Martin, che 
invito a confermare), perché dovremmo occuparcene direttamente noi?
Non rischiamo di interferire nel lavoro altrui ed anche di creare una 
notevole confusione nella testa dei visitatori? 

2. Se fosse un approccio prudente non avrebbe bisogno di informare dei
rischi che le persone potrebbero correre a causa delle differenze 
legislative tra Italia e Usa. 

Sono temi delicati: proprio perché abbiamo un rapporto con le AI, secondo me 
è corretto che siano le AI a lavorare sulle licenze (anche perché credo che 
questo sia ciò che CC.org si aspetta dalle AI e soltanto dalle AI).
Noi potremmo poi intervenire sul draft 1 come partecipanti ad iCommons 
Italy. Le "regole del gioco" a me sembrano queste, illuminatemi se mi è 
sfuggito qualcosa. 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it