[Cc-it] La politica chiede a noi o noi chiediamo alla politica?

Nicola Alcide Grossi copernico a larivoluzione.it
Gio 30 Dic 2004 08:49:41 EST


I politici sono venuti a chiederci di dotarli degli strumenti per elaborare
un disegno di legge da proporre in Parlamento.
"Ciò che è finanziato integralmente con soldi pubblici deve essere di 
dominio pubblico sottoposto alle Creative Commons".
Direi che le licenze Creative Commons non c'entrano nulla.
La frase esatta potrebbe essere: "Ciò che è finanziato integralmente con 
soldi pubblici deve essere di dominio pubblico".
Per fare questo non occorre una "donazione al pubblico dominio": basta 
inserire un secondo comma all'art. 5 TITOLO I CAPO I della legge sul diritto 
dautore.
"Le disposizioni di questa legge non si applicano ai testi degli atti 
ufficiali dello stato e delle amministrazioni pubbliche, sia italiane che 
straniere.
Le disposizioni di questa legge non si applicano altresì alle opere 
dell'ingegno la cui produzione è stata resa possibile grazie ad un 
finaziamento pubblico". 

E lo strumento per dare a Cesare quel che è di Cesare (non parlo di 
Previti), per dare al pubblico ciò che è pubblico già esiste: si chiama 
*Internet*. 

Allora dovremmo essere noi a chiedere alla politica qualcosa, e non 
viceversa: un disegno di legge che impegni lo Stato a mettere a disposizione 
del pubblico ciò che è pubblico;
lo ha fatto grazie all'ausilio delle PA relativamente alle leggi 
(www.normeinrete.it), può farlo grazie all'ausilio di privati, associazioni, 
fondazioni, università... relativamente alla cultura e alle arti (solo 
l'università di Trento, ad esempio, dispone di un archivio di brani di 
classica straordinario, ma praticamente inaccessibile).
Per lo Stato, inoltre, sarebbe molto più facile ottenere la licenza sui 
diritti connessi (se ancora esistenti).
Un disegno di legge che preveda di conseguenza l'accesso libero agli archivi 
della RAI.
Anche una pubblicità-progresso sulla firma digitale non sarebbe male: è il 
migliore strumento per dare valore alle licenze libere e per tutelare le 
opere (ma non serve solo a questo: pensate alle petizioni on-line ed al 
livello di democrazia raggiungibile attraverso esse). 

Che mi importa di avere gratuitamente i servizi del consorzio NETTUNO se non 
ho nemmeno la possibilità di avere gratuitamente Vivaldi?
Allora cerchiamo di munirci di buon senso e di dare un ordine logico alle 
cose.
Vorrei fare un comunicato e vorrei rivolgerlo innanzitutto a quei politici 
che sono venuti a trovarci. Se tra di voi ci sono persone che vogliono 
sottoscriverlo, mi contattino in privato (non vorrei approfittare dello 
spazio offerto da questa lista per trattare temi non strettamente connessi a 
Creative Commons).
Poi, una volta elaborato il comunicato (che ovviamente rappresenterà solo ed 
esclusivamente i suoi sottoscrittori), lo invieremo in lista, ai politici e 
a chi fa informazione in rete (e anche fuori dalla rete).
Bisognerebbe creare poi una sorta di osservatorio: vedere quanto i politici 
ci stanno a sentire, quanto ci sta a sentire la stampa telematica che è 
solita parlare delle iniziative di questo o quel politico o di Creative 
Commons... tanto per capire e far capire alle persone come funziona 
l'informazione in Italia e come funziona la politica in Italia, se possiamo 
sperare o se dobbiamo disperare. :)
Io ho fiducia nelle Istituzioni. 

 

Saluti (cc)opernicani, Nicola. 

________________________________________ 

e-mail: nicola.grossi at creativecommons.it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it